Toro, la forbice si è ristretta: solo due punti in meno dell’anno scorso

Toro, la forbice si è ristretta: solo due punti in meno dell’anno scorso

Senza Cerci e Immobile / I conti si faranno solo alla fine, ma la strada, per i granata, è quella giusta

Si sono spesi fiumi di parole, nei mesi scorsi, per rimpiangere, in casa granata, le partenze di due campioni come Alessio Cerci e Ciro Immobile, che lasciarono la squadra orfana di due pezzi da novanta. Ieri la grande vittoria contro il Verona (con l’identico risultato maturato nel passato campionato, ma con interpreti in parte diversi) ha sancito una verità incontrovertibile: il Toro sa vincere anche senza Cerci e Immobile. Come ribadito dal tecnico Ventura nel dopo partita.

I sostituti dei due ”nuovi gemelli del gol” non sembravano all’altezza, con un reparto offensivo davvero sterile nelle prime uscite stagionali e la squadra che, in generale, sembrava essersi indebolita e sembrava anche aver decisamente qualcosa in meno rispetto allo scorso anno. Forse era soltanto una questione di amalgama da trovare. Forse a questo gruppo bastava togliersi dalla mente gli spettri del passato.

Con il tempo invece la forbice si è ristretta e adesso, dopo la partita di ieri, dando uno sguardo alla classifica, si scopre che i punti di ritardo del Toro rispetto alla scorsa stagione sono solo due. Esatto, solo due misere lunghezze. Che sarebbero probabilmente meno se certi rigori non fossero stati sprecati. Ma se è vero che siamo abituati a far parlare il campo, questo dice che all’andata contro l’Inter i granata hanno pareggiato (punto e basta) e perso in casa con il Verona (punto e basta).

Il segnale inequivocabile del fatto che la squadra, ora nuovamente in piena zona Europa League, abbia lavorato tanto e bene, è sotto gli occhi di tutti. I ragazzi stanno facendo la loro parte e anche i nuovi acquisti, specialmente nel reparto offensivo, stanno ingranando: Quagliarella è arrivato ieri a nove reti in classifica marcatori, mentre Martinez ha sfoderato un bel gol e una prova davvero convincente. Senza contare che l’intesa tra i due va migliorando di giorno in giorno.

I conti definitivi si faranno a fine campionato, come è ovvio, ma per il momento la direzione intrapresa dai granata sembra essere quella giusta. Quarta vittoria di fila, nono risultato utile, anche e soprattutto senza Cerci e Immobile…

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy