Toro, l’assenza di Zaza rilancia Falque: alla squadra serve la sua qualità

Toro, l’assenza di Zaza rilancia Falque: alla squadra serve la sua qualità

Focus on / Lo spagnolo ha reso al di sotto delle aspettative, complici anche due infortuni: per il salto di qualità serve il miglior Iago

di Alberto Giulini, @albigiulini

Doveva essere l’arma in più per mettere alle corde la Spal e invece, complice soprattutto l’espulsione di Nkoulou, Iago Falque a Ferrara è rimasto in panchina per tutti e novanta i minuti di gara. Ma ora, con Zaza che dovrà saltare per squalifica la gara contro l’Udinese, lo spagnolo è pronto a riprendersi una maglia da titolare sulla trequarti.

RITROVARE CONDIZIONE – L’assenza di Zaza rilancia Iago Falque, dunque, ma lo spagnolo sarà chiamato ad un salto di qualità rispetto alle ultime uscite. Nell’ultimo mese, infatti, il giocatore è parso fuori forma, quasi un lontano parente di quell’esterno capace di andare in doppia cifra per due stagioni consecutive. Per il Toro, infatti, l’ex Genoa e Roma è un giocatore fondamentale, in grado di legare centrocampo ed attacco portando qualità alla manovra.

AVVIO SFORTUNATO – Un limite del Toro in questa prima parte di stagione è stata proprio l’assenza di un giocatore che sapesse rifornire gli attaccanti, in grado di trovare l’ultimo passaggio per mandare in rete un compagno. Tutte cose che avrebbe dovuto garantire Iago Falque, che è stato però sfortunato anche dal punto di vista fisico, con due infortuni che ne hanno condizionato l’avvio di stagione. Ora i granata non possono più fare a meno dello spagnolo: per il salto di qualità occorre che Iago Falque torni ad essere il vero Iago Falque.

16 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. 27 marzo 1983 - 3 mesi fa

    Ma il Rennes non è interessato a Zaza?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. user-13967438 - 3 mesi fa

    Non capi

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. user-13967438 - 3 mesi fa

    Non capisco l’ostinazione con cui nei vari articoli si scrive sempre di Iago Falque sulla trequarti, quando in realtà mai ci gioca effettivamente.
    Portate una ripresa aerea del campo dove Iago Falque è il vertice alto del rombo di centrocampo dietro a due punte e vi darò oltre che ragione un modico premio, tipo offrire una birra o una pizza.
    Altrimenti scrivete correttamente seconda punta, perché nel 3-5-2 (nominale, perché gli esterni sono sempre più bassi della geometria del centrocampo, è più un 3-2-3-2 che mangia metri di spazio utile e aggrava di metri di spazio inutile) non fa il trequartista (che oltretutto non è come caratteristiche).
    Il trequartista non c’è, evitiamo di illuderci che ci sia… perché il quella linea di mezzo dietro a dove dovrebbero essere le punte il più spesso delle volte finisce per giocarci Belotti, arretrato con più nessuno oltre la linea del pallone.
    Con un drone si vedrebbe bene anche nelle porte chiuse del Tabaccaio, ma mi accontento di quel che fino ad oggi è passato pietosamente in tv.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Simone - 3 mesi fa

      Si vede che l’hai seguito molto visto che per ben 2 volte Mazzarri gli ha chiesto di trovarsi una posizione in campo e lui si è anche messo come trequartista.
      Purtroppo non è una posizione a lui congeniale

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. marcocalzolari - 3 mesi fa

    Io farei 3-4-3, con qualità sugli esterni, quindi fuori De Silvestri e Iago a dx davanti

    Iago ha fatto le cose migliori da quando è a Torino proprio con Mazzarri nel 3-4-3 (5 gol e 7 assist) nel girone di ritorno scorso.

    Il problema di quest’anno è la convivenza con Zaza, che per me è un giocatore inutile nell’economia della squadra, perché costringe sia Belotti che Iago a giocare fuori ruolo.

    Sì doveva prendere un trequartista da mettere a dx, invece si è rivoluzionato tutto con Zaza, e non si capisce perché!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. SiculoGranataSempre - 3 mesi fa

    Anche io per il 443 con
    Sirigu
    Ansaldi, Izzo, Moretti, Aina
    Baselli, Rincon, Meité/lukic
    Millico Belotti Falque
    E dai! Faccelo vedere sto 443 che dici che sai utilizzare!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. SiculoGranataSempre - 3 mesi fa

      Scusate! Abbiocco post pranzo. Ovviamente 433 non 443! Pardon.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Tor zone - 3 mesi fa

      D’accordo su tutto,meno il Berenguer che ancora viene prima di Millico

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. granatadellabassa - 3 mesi fa

    Iago se gioca da esterno è un signor giocatore. Se deve fare la seconda punta o il trequartista è una palla al piede.
    Purtroppo a Mazzarri non entra neanche nell’anticamera del cervello di giocare con due esterni d’attacco e una punta centrale. Modulo che sfrutterebbe al meglio la rosa dato che di esterni offensivi ne abbiamo. E invece Berenguer e Parigini sono stati riciclati terzini mentre Iago Falque fa il trequartista o la seconda punta…
    Ma non c’è speranza con Mazzarri.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. 27 marzo 1983 - 3 mesi fa

      Nel 3-5-2 è difficile trovare una posizione per Iago, e per altri giocatori buoni che abbiamo. Per questo modulo siamo ben messi in difesa e solidi a centro campo ma non si crea gioco per le punte. Potremmo usarlo contro le squadre più forti puntando al pareggio, poi se va male perdi, se va di culo si vince. Ma contro la parte destra della classifica dovremmo dare più spazio ai nosti giocatori che possono creare gioco, saltare l’uomo, e per farlo dovremmo cambiare modulo. DAI RAGAZZI!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. rokko110768 - 3 mesi fa

    Serve un bel tridente Iago-Belotti-Parigini, difesa a 4 vista l’emergenza e centrocampo tosto a 3 di conseguenza.
    Sirigu; De Silvestri, Izzo, Moretti, Aina; Ansaldi, Rincon, Lukic; Iago Falque, Belotti, Parigini

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. GlennGould - 3 mesi fa

      Non male. Personalmente metterei Ansaldi da una parte e Aina dall’altra e Meite in mezzo; detto ciò, non succederà una cosa né l’altra, poiché Mazzarri non si schiodera’ dal 3 5 2.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. PrivilegioGranata - 3 mesi fa

    Il vero Iago Falque: quale? Quello prima o quello dopo il rinnovo del contratto?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Nicola - 3 mesi fa

      Sarebbe più corretto dire: il vero Iago Falque, quale? Quello prima o dopo l’avvento della sciagura che siede sulla nostra panchina?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Simone - 3 mesi fa

        Esatto

        Rispondi Mi piace Non mi piace
      2. Giaguaro 66 - 3 mesi fa

        Davvero Nicola, concordo appieno. Sulla nostra panchina siede proprio una sciagura! Speruma en bin…che quell’altro idiota di Presidente se ne accorga in fretta

        Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy