Toro, le colpe dei giocatori: i gol regalati sono costati sette punti

Toro, le colpe dei giocatori: i gol regalati sono costati sette punti

In questa stagione chi ha deluso soprattutto sono i calciatori che hanno macchiato diverse partite con errori madornali

di Marco Notaro, @MarcoNotaro17

A sei giorni dall’importantissima gara di Cagliari, durante la sosta, c’è spazio per le riflessioni a bocce ferme: fioccano i rimorsi ed è tanto il rammarico per questa stagione incolore dei granata. Gli obiettivi sembrano sfumati, ora serve uscire dalla crisi e pensare a terminare al meglio la stagione. Ma uno sguardo a quello che è stato serve, anche per capire cosa correggere in futuro.

TROPPI ERRORI – Chi ha deluso quest’anno sono stati anche (per non dire soprattutto) i calciatori: tantissimi gli errori da loro compiuti costati carissimo ai granata. Molte disattenzioni pagate subendo gol molto ingenui. La lista lunghissima comincia nel girone d’andata con Torino-Sampdoria, quando dopo un liscio di Moretti, Duvan Zapata scarica in porta il gol che vale il vantaggio dei blucerchiati e da lì in poi gli errori saranno moltissimi. Uno fra tutti quello commesso da Rincon nel derby d’andata all’Allianz Stadium, quando dopo aver perso un sanguinoso pallone a centrocampo Pjanic lancia Dybala che si invola verso la porta granata scaricando un sinistro angolatissimo che finisce alle spalle di Sirigu scaturendo l’1-0 bianconero.

QUEI MANI IN AREA – Il festival delle ingenuità continua in Toro-Verona, quando la squadra allora guidata da Mihajlovic sprecò un doppio vantaggio negli ultimi 5 minuti di gara: in quell’occasione fu clamoroso il fallo di mani volontario di Molinaro, che provocò il calcio di rigore dal quale gli scaligeri pareggiarono con Pazzini al 92esimo minuto. Le sviste clamorose dei giocatori granata si sono ripetute più volte nel corso della stagione e nelle ultime due gare possiamo contarne ben quattro. All’Olimpico contro la Roma, i giallorossi passano in vantaggio con un colpo di testa di Manolas che ha tutto il tempo di staccare in area da solo e superare Sirigu, il portiere sardo verrà poi trafitto di nuovo da De Rossi poco dopo grazie ad una dormita colossale di Ansaldi, che non sale in tempo e tiene in gioco il capitano dei capitolini che scarica a rete a due passi dall’estremo difensore granata. Nell’ultima gara contro la Fiorentina, entrambe le reti della squadra ospite scaturiscono grazie a due clamorosi errori personali: sul vantaggio iniziale viola è Acquah a lanciare a rete Veretout dopo aver sbagliato un semplice passaggio a centrocampo, mentre è veramente ingenuo il fallo di mano di Ansaldi che provoca il rigore all’ultimo minuto di gioco contro i toscani. Thereau batte Sirigu e ringrazia ancora i granata.

TURIN, ITALY - MARCH 18: Cyril Thereau of ACF Fiorentina scores his goal from the penalty spot during the serie A match between Torino FC and ACF Fiorentina at Stadio Olimpico di Torino on March 18, 2018 in Turin, Italy. (Photo by Valerio Pennicino/Getty Images)
TURIN, ITALY – MARCH 18: Cyril Thereau of ACF Fiorentina scores his goal from the penalty spot during the serie A match between Torino FC and ACF Fiorentina at Stadio Olimpico di Torino on March 18, 2018 in Turin, Italy. (Photo by Valerio Pennicino/Getty Images)

PAGATI A CARO PREZZO – Contando tutti gli errori difensivi individuali, i punti persi dai granata sono sette (escludendo dal conto i due gol regalati alla Roma: ci fu un terzo gol, quello di Pellegrini nel finale, con i granata sbilanciati in avanti). Punti che potevano essere preziosi e che ad oggi sarebbero serviti tantissimo per rincorrere l’obiettivo di inizio stagione: la qualificazione in Europa League. Mazzarri avrà tanto lavoro da fare, soprattutto sui singoli e nel trasmettere a tutti i giocatori il senso di appartenenza e l’orgoglio che essi dovrebbero provare vestendo la maglia granata. Il tema di fondo è chiaro: se la stagione non è stata fin qui quel che ci si aspettava, chi va in campo ha la sua bella fetta di responsabilità.

11 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. alètoro - 5 mesi fa

    Personalmente l’errore più clamoroso e madornale sotto l’aspetto tecnico dell’intera stagione del TORO ritengo sia stato quello di Molinaro, il quale con un gesto istintivo e, oserei dire folle, intercetta con la mano sinistra in area il pallone la cui parabola sembra apparentemente innocua e regala quindi al 92° minuto un incredibile calcio di rigore decisivo per il pareggio degli ospiti del Verona, penultimo in classifica.
    Si tratta di un errore tecnico davvero sanguinoso che è oggettivamente costato due punti al TORO.
    Il difensore campano è un generoso sotto l’aspetto dell’impegno agonistico ma davvero nulla più … Infatti egli ha sempre evidenziato dei enormi limiti tecnici.
    Molinaro è in scadenza di contratto e, a quasi 35 anni, auspico davvero che la sua permanenza in maglia granata si chiuda a fine stagione.
    Credo proprio che nessun tifoso del TORO possa rimpiangerlo …

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. robert - 5 mesi fa

    Gli ennesimi commenti e analisi non fanno farina.I giocatori hanno dimostrato di essere delle pippe e i dirigenti degli incompetenti di calcio.Via tutti per il bene del Toro !!!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. gigiosca_308 - 5 mesi fa

    A me questo articolo mi sembra inutile. Trovatemi una squadra, compresa la rubentus e il napoli, che non abbia preso in una stagione qualche gol per colpa dei singoli. Gli errori capitano e ovviamente ce ne sono di più dove c’è meno qualità tecnica ma i problemi da risolvere a mio parere sono altri, preparazione fisica adeguata, organizzazione di gioco e mentalità per creare gioco e subire di meno

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. user-13524135 - 5 mesi fa

    Ma da quanto tempo sentiamo solo messaggi di …. rifondare la squadra …. il prossimo anno L obiettivo sarà ….. ma chi ci crede più ??????

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. prawn - 5 mesi fa

    Tutta colpa dei giocatori

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Akatoro - 5 mesi fa

    tutti hanno responsabilità:
    La società ha prima puntato sul cavallo sbagliato (miha) e poi a gennaio ha fatto nulla
    L’allenatore miha ha sbagliato molto e non infierisco perché mi spiace.
    Mazzarri non fa punti piu punti di mihailovic anche se ha le attenuanti di essere l’ultimo arrivato e non aver neanche scelto un solo giocatore, e perde addirittura contro il Verona ( e qui non c’è attenuante)
    I giocatori salvo qualche eccezione non danno il 100% e neanche l’80.
    Una manovra di gioco si vede una partita su quattro…
    Povero io che continuo a tifare Toro e crescere mio figlio granata.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Junior - 5 mesi fa

      i giocatori danno l’ 80% perche secondo me sono stati anche preparati male.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Junior - 5 mesi fa

    analisi precisa. aggiungerei che a parte gli errori materiali, Mazzarri dovra’ lavorare sulla testa dei giocatori. crolli psicologici inaccettabili; e la’ in mezzo ci vuole qualcuno che faccia girare il circo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. ddavide69 - 5 mesi fa

      E in tutto questo la società dov’è? Deleghiamo di nuovo tutto all allenatore di turno 3?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Junior - 5 mesi fa

        Tutti hanno colpe. Ma alla fine chi va in campo sono i giocatori. E allora tirassero fuori sto carattere che non hanno mai dimostrato di avere quest’anno. Si sono sempre sgretolati alla prima difficoltà.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. WGranata76 - 5 mesi fa

          Beh diciamo anche che almeno metà di questa rosa è scarsa, vuoi per tecnica o per esperienza, e quindi è naturale che non tengano mentalmente, soprattutto quando le cose vanno male. La società non ha attrezzato di giocatori validi a sufficienza la rosa, inseguendo solo risultati di bilancio.

          Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy