Toro, manca soltanto il fuoriclasse

Toro, manca soltanto il fuoriclasse

Se una certezza è arrivata dal non scintillante pareggio contro la Sampdoria è che il Toro è una squadra solida. Risultati positivi, costanza di rendimento e qualche colpo sopra le aspettative, sembrano aver ridato a tutto l’ambiente…
Se una certezza è arrivata dal non scintillante pareggio contro la Sampdoria è che il Toro è una squadra solida. Risultati positivi, costanza di rendimento e qualche colpo sopra le aspettative, sembrano aver ridato a tutto l’ambiente compattezza e serenità. Insomma l’aria che si respira in casa granata è positiva e distesa. Anche tra i tifosi, come sempre vicino alla squadra, regna un clima di generale ottimismo. E una domanda comincia a sorgere spontanea: cosa potrebbe fare questa squadra con l’innesto di un fuoriclasse?
 
STRUTTURA SU CUI COSTRUIRE – Una domanda che merita di essere approfondita. Non certo per creare una suggestione utopistica, ma per analizzare più approfonditamente il momento che sta vivendo la squadra. Perché solo su delle solide fondamenta si può cominciare a progettare un ulteriore passo in avanti. E solo all’interno di un collaudato sistema di gioco ha (avrebbe) senso inserire un giocatore di classe cristallina. Perché così andrebbe esaltato il collettivo e di conseguenza anche le doti tecniche di un giocatore di assoluto livello.
 
LA CIGLIEGINA SULLA TORTA – E’ vero che abbiamo appena passato la metà della stagione e che solo i verdetti finali daranno una definitiva dimensione all’annata granata, ma è altrettanto vero che, se bisognasse tirare le somme oggi, il risultato non potrebbe che essere positivo. Allora perché non andare un po’ in là con la fantasia e aggiungere la classica cigliegina sulla torta? E’ da un po’ di tempo che non si vede indossare la maglia granata ad un giocatore considerato all’unanimità di categoria superiore. Vengono alla mente Martin Vazquez e Casagrande tra i più recenti, mentre negli ultimi anni ci si è attaccati più che altro a talenti sporadici, ma non certo riconosciuti a livello assoluto. E’ forse arrivato il momento in cui un diamante renderebbe più scintillante una formazione che già splende di luce propria. A questo Toro manca soltanto il fuoriclasse.
 
Redazione TN
0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy