Toro: occorre imparare a fare punti anche quando il gioco latita

Toro: occorre imparare a fare punti anche quando il gioco latita

Chievo-Torino a mente fredda / Granata incapaci di condurre in porto quantomeno lo 0-0. Sconfitta che non fa troppo male ma che può diventare una lezione per il futuro

1 Commento
andata

Alla fine il Toro è inciampato. Dopo oltre un mese di partite ufficiali fatto di marcia spedita, grandi rimonte e bel gioco in un mercoledì sera veronese la banda di Ventura casca sulla scivolosissima buccia di banana chiamata Chievo Verona. Unica buona notizia, almeno per quest’anno il Toro non dovrà più tornare al Bentegodi di Verona, campo nel quale in poche settimane sono arrivate le uniche due ‘non vittorie’ di questo ottimo avvio.

AVVERSARIO INFIDO – Che il Chievo fosse avversario infido lo si sapeva e del resto bastava guardare come Meggiorini, Paloschi e compagni avevano prima asfaltato la Lazio, poi rischiato il colpaccio allo Juventus Stadium ed infine messo in notevole difficoltà l’Inter capolista. Il Toro ha pagato ieri sera una logica stanchezza e non è stato bravo abbastanza da riuscire a mantenere la sfida sui binari dello 0-0. L’invenzione di Castro, in combinato disposto ad una errata posizione di Glik, ha sancito un ko che nonostante la prestazione tutt’altro che scintillante dei granata poteva essere evitato.

AC Chievo Verona v Torino FC - Serie A
Ventura pensieroso: ieri il suo Toro non è riuscito a mostrare il suo solito gioco

LEZIONE PER IL FUTURO – Niente di grave tuttavia: una giornata no ci sta e non è il caso di fare drammi che vista la classifica sarebbero davvero fuori luogo. Piuttosto quella di Verona può essere una lezione da imparare per il futuro: il Toro deve riuscire a portare a casa punti anche quando il serbatoio è in riserva e quando il gioco espresso è al di sotto degli abituali standard. Un modo per riuscirci deve essere quello di capitalizzare meglio le occasioni e restare sempre concentrati in ogni istante della partita; la squadra è composta da tanti giovani ed il processo di crescita e di miglioramento passa anche da piccoli passi falsi.

RISCATTO CONTRO IL PALERMO – L’importante è capire l’errore e cercare di non commetterlo più. Domenica arriva all’Olimpico il Palermo e l’occasione per il riscatto è quindi già pronta: Ventura dovrà scegliere la formazione in base anche alle energie rimaste ai giocatori ed essere bravo a tenere alto il morale della truppa. Questo Toro ha tutte le capacità per ricominciare da subito a correre.

1 commenti

1 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. claudio sala 68 - 2 anni fa

    La mancanza di un giocatore di spessore capace di crearsi un’occasione in questi casi si sente ed è per questo che si fatica a fare il salto di qualità. Il risultato positivo c’è silo quando si gioca bene e non sempre succede

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy