Toro, ricordi Han? Il nord coreano che piace alla Juventus vuole ripetersi

Toro, ricordi Han? Il nord coreano che piace alla Juventus vuole ripetersi

Analisi per reparti / Pavoletti e il nordcoreano pronti a guidare l’attacco dei rossoblu

di Alberto Giulini, @albigiulini

Con l’obiettivo di riscattarsi dopo quattro sconfitte consecutive, tutte le attenzioni in casa Toro sono rivolte al Cagliari, squadra che i granata affronteranno sabato pomeriggio. Come di consueto, andiamo quindi ad analizzare ai raggi X l’organico del prossimo avversario dei granata per scovare punti di forza o eventuali lacune. Dopo aver esaminato la retroguardia ed il centrocampo dei sardi, passiamo ora al reparto avanzato.

LOPEZ CON LE DUE PUNTE – Con il 3-5-2 adottato da Diego Lopez, ci sarà spazio per due punte che saranno, con ogni probabilità, Kwang-Song Han e Leonardo Pavoletti. Da quando Joao Pedro è stato sospeso dall’attività per doping, il tecnico sardo ha infatti optato per la coppia composta dal nordcoreano e dall’ex Napoli. Rientrato a gennaio dal prestito al Perugia, Han è dotato di un’ottima tecnica e può essere pericoloso negli spazi, considerata la grande rapidità che lo porta a ricercare spesso accelerazioni e strappi. Ed è proprio contro il Toro che il classe ’98, nella scorsa stagione, ha trovato il suo primo gol in Serie A con un colpo di testa che non ha lasciato scampo ad Hart. E dopo sette reti messe a segno con il Perugia nella prima parte di stagione, ora Han cerca la prima marcatura stagionale in Serie A proprio contro i granata. Reduce anch’egli da impegni internazionali con la sua Corea del Nord, l’attaccante classe 1998 è stato a gennaio nel mirino della Juventus, che ha ha messo nel mirino il suo cartellino.

PAVOLETTI, CRISI ALLE SPALLE– Il pericolo numero uno sarà però Leonardo Pavoletti, il grande acquisto rossoblu del calciomercato estivo. Arrivato dal Napoli tra grandi aspettative della piazza, nella prima parte di stagione il centravanti ha deluso, faticando a trovare il gol con regolarità. Una crisi che però, considerando l’attuale rendimento, sembra ormai alle spalle: sono infatti tre le reti messe a segno nelle ultime quattro gare giocate in campionato. A favorire la punta sono i numerosi palloni messi in mezzo dagli esterni, cui Diego Lopez chiede di ricercare con insistenza il fondo per andare al cross.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy