Toro, riecco i ‘dieci minuti granata’

Toro, riecco i ‘dieci minuti granata’

Nelle prime tre giornate i ragazzi di Ventura si sono scatenati concentrando le reti in brevi lassi di tempo e riuscendo a rimontare ogni volta gli avversari. Una caratteristica che ricorda il mitico ‘quarto d’ora granata’ degli Invincibili

3 commenti

C’era una volta il quarto d’ora granata: quando il Toro, il Grande Toro decideva di impegnarsi sul serio e spazzare via dal campo gli avversari di turno che gli si paravano davanti. C’era lo squillo di tromba, Capitan Mazzola si arrotolava le maniche della maglia e iniziava lo spettacolo, con la formazione avversaria ridotta a fare immancabilmente la parte del proverbiale agnello sacrificale.

Certamente non è possibile paragonare quella squadra incredibile, fatta di campioni e che vinse 5 scudetti consecutivi a quella odierna guidata da Giampiero Ventura. C’è però un dato in queste prime partite di campionato che ci ha colpito e che in un certo senso sta sancendo il ritorno di quei mitici quindici minuti, per quanto queste immagini quasi mitologiche siano difficili da riadattare alla contemporaneità e al calcio moderno. Il Toro di queste prime partite ha mostrato al suo pubblico di avere una suo ‘quarto d’ora’, anzi ‘dieci minuti granata’. Sì perchè la costante di questo avvio di campionato per il Toro è stata quella di segnare gol ravvicinatissimi nell’arco della partita: due reti in cinque minuti a Frosinone, tre in nove minuti contro la Fiorentina, ancora due, questa volta in sette minuti, nella trasferta di Verona.

Frosinone Calcio v Torino FC   - Serie A
Quagliarella esulta con Maxi Lopez: il bomber campano e Baselli hanno ribaltato il risultato nel match d’esordio a Frosinone (foto: Getty Images)

La tromba dalla tribuna del Fila non c’è, ma questa squadra ha sempre vissuto finora quel momento fatidico nel quale si è metaforicamente rimboccata le maniche. Altra considerazione affascinante: i granata hanno sempre rimontato quest’anno, utilizzando queste ‘sfuriate’ di dieci minuti per ribaltare le partite nel caso di prima e seconda giornata, o per rimetterle quantomeno in parità, nel caso del match di domenica scorsa, quando l’arrembaggio ha portato la squadra a rimontare lo svantaggio per due volte.

tabellone bentegodi
Il tabellone finale del Bentegodi mostra il punteggio: Verona-Torino 2-2, ancora due reti realizzate in soli sette minuti per i granata

Certo, sarebbe meglio evitare di dover ogni domenica rimontare gli avversari (anche le coronarie dei tifosi ne gioverebbero), ma questa sorta di ‘sindrome da rimonta’ è una caratteristica molto ‘da Toro’, squadra al quale le imprese facili non sono mai piaciute. E allora, proprio nella giornata in cui il numero uno dello sport italiano ha visitato il Filadelfia, il Tempio degli eroi del Grande Torino, auspichiamo che questi ‘dieci minuti granata’ possano durare per tutto l’anno, spingendo il Toro sempre più in alto in classifica.

3 commenti

3 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. PrivilegioGranata - 2 anni fa

    Ci vorrebbe qualcuno che porti la tromba allo stadio.
    E allo squillo di tromba… scatenare l’inferno in campo e un tifo mostruoso sugli spalti.
    Sarebbe una figata pazzesca.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. maxmurd - 2 anni fa

    Se non ci avessero tolto il rigore avremmo ribaltato la partita anche stavolta… :@

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. luca - 2 anni fa

    Ammetto di averci pensato più volte anch’io al mitico Valentino che si arricciava le maniche e al suono di tromba si scatenava.Il paragone ,però ,ora è solo frutto di coincidenze e di una squadra,quella di Ventura ,con un carattere forgiato nell’acciaio.Per ora mi accontenterei delle gesta di altri 3 granata:Bonesso,Dossena,Torrisi,5 minuti e tutti a casa a festeggiare!

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy