Toro, Rincon è un pilastro del centrocampo: ora il primo derby da leader

Toro, Rincon è un pilastro del centrocampo: ora il primo derby da leader

Focus on / Il centrocampista granata pronto a sfidare il suo passato

di Alberto Giulini, @albigiulini

Si è preso la squadra sulle spalle Tomas Rincon e sabato sera, contro quella che è stata la sua squadra, vorrà dare un’ulteriore prova della sua importanza in questo Toro. Dopo la superlativa gara di San Siro, il venezuelano cercherà infatti di ripetersi contro la Juve in quella che è una partita molto sentita dalla tifoseria granata.

GIOCATORE RIGENERATO – Quello visto in questo avvio di stagione è un Rincon completamente rigenerato rispetto allo scorso campionato. Insieme a Meité, infatti, il venezuelano è andato a costituire una mediana molto muscolare, che ha saputo abbinare molto bene qualità e quantità. Come fatto vedere molto bene a San Siro, Rincon è sempre pronto ad uscire in pressing, correndo ininterrottamente dal primo all’ultimo minuto di gara. Un giocatore fondamentale per Mazzarri, che ci ha rinunciato solo quando strettamente necessario.

Torino-Juventus: tutto esaurito per il derby della Mole

DERBY DA LEADER – E così, nella sentita gara di sabato sera, il numero ottantotto granata sarà pronto a prendersi un’altra volta la squadra sulle spalle. Non sarà il primo derby per Rincon, che ha già avuto modo di giocare la stracittadina la scorsa stagione, ma questa volta lo farà per la prima volta da leader. E così i tifosi, come Mazzarri ed i compagni di squadra, si aspettano un’altra prova sulla scia di quella di San Siro, un mix di grinta, tenacia e giocate di qualità.

8 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Madama_granata - 3 mesi fa

    Su Rincon mi sono ricreduta: non mi convinceva, ma ora penso si sia guadagnato di diritto la stima dei tifosi.
    Spero solo, data la sua irruenza e la predisposizione ai falli, che sappia tenere i nervi ben ben saldi, onde evitare cartellini gialli o peggio rossi, e “sgambetti” in area!
    Gli arbitri, sempre con il Toro, e maggiormente in un derby, non aspettano altro per
    poter punire e “mutilare” la nostra squadra.
    A mio parere, se Rincon riuscisse ad usare “tocchi” un po’ più delicati, ad essere un po’ più preciso e meno irruento, diventerebbe un giocatore completo.
    Coraggio, il Toro ha bisogno anche di lui!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Orson - 3 mesi fa

    Sto cambiando la mia opinione su di lui partita dopo partita, bravo a farmi ricredere!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. marcohelg_385 - 3 mesi fa

    piano con i complimenti non sono in grado di reggerli……. mi ricordo ancora lo scorso derby cincischio’ con la palla e fecero gol

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Simone - 3 mesi fa

      L’anno scorso il genio di miha giocava con 2 centrocampisti

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. rokko110768 - 3 mesi fa

        Esattamente, come dire the ass on the window

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. rokko110768 - 3 mesi fa

    Rincon non poteva essere quello dello scorso anno, dello sciagurato Miha che perse completamente la bussola.
    Nella mediana a 4 (considerando i 2 laterali e Meitè) ha sempre reso bene e così è. I limiti tecnici ci sono, non è un regista ma è capace di fare legna e corsa in mezzo facendoci ripartire.
    anche lui dovrà dare il 200% per poter battere la gobba.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. wendok - 3 mesi fa

    tutto bello. si. ma rivedendo la partita a mente fredda, qualche errore di troppo nel primo tempo c é stato. e purtroppo c é chi gli errori non li perdona

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Simone - 3 mesi fa

      Micro errori che tutti,ma proprio tutti, hanno fatto

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy