Toro-Samp, tutti gli ex

Toro-Samp, tutti gli ex

Raro quanto una domenica di calcio senza polemiche ma Torino e Sampdoria, una volta tanto, hanno ben pochi ex nelle proprie fila.

 

Il caso più eccellente, ma che non farà…

Commenta per primo!

Raro quanto una domenica di calcio senza polemiche ma Torino e Sampdoria, una volta tanto, hanno ben pochi ex nelle proprie fila.

 

Il caso più eccellente, ma che non farà strappare i capelli al popolo granata, è Gianluca Sansone. L’attaccante tascabile sembrava aver trovato la sua dimensione l’anno scorso dopo il trasferimento da Torino a Genoa nel mercato invernale. Fu quello uno dei tanti temi che divisero la piazza granata: poche chance quelle offertegli da Ventura, per alcuni; attaccante non di categoria, per altri. Il suo girone di ritorno in maglia blucerchiata non ha entusiasmato, ma neanche deluso. Confermato da Edoardo Garrone la scorsa estate, Sansone sta poco a poco guadagnando minuti e la fiducia di Delio Rossi in questo campionato. Fiducia però fin qui non ripagata. La sua ultima prestazione a Milano è stata deludente e, lui come tutta la Sampdoria, cercherà certamente riscatto domenica pomeriggio contro il Toro. Il suo addio si è portato dietro non pochi veleni e qualche sassolino dalla scarpa è ansioso di toglierlo.

 

Era un giovane Paolo Castellini quel terzino sinistro che nell’estate del 2000 approdava sotto la mole a 21 anni. La sua prima stagione è in serie cadetta ed è con il Toro, l’anno successivo, che esordirà nella massima serie. Lascerà Torino dopo quattro stagioni, 114 presenze in campionato e una rete. Il contratto con la Sampdoria arriva nel 2011 dopo due anni poco fortunati al Betis Siviglia, quattro anni positivi al Parma e una breve parentesi alla Roma. Sono ormai ben 34 le primavere di Castellini e il suo dodicesimo campionato in Serie A in cui ha collezionato 8 miseri minuti alla prima giornata contro la Juventus è fin qui andato maluccio: giusto il tempo per rimediare un cartellino rosso diretto.

 

Passato blucerchiato anche per due dei tre portieri granata. La Sampdoria ha detenuto il cartellino di Daniele Padelli per ben sei anni ma il campo di Marassi non l’ha mai davvero calcato. Zero le sue presenze in blucerchiato, i quali hanno sempre preferito cederlo in prestito ogni nuova stagione. Direttamente dalla Sampdoria arriva invece Tommaso Berni. Una sola stagione per lui a Genova, lo scorso anno. Nelle tre presenze collezionate sostituendo prima Romero e poi Da Costa ha subito cinque reti.  

Lorenzo Bodrero

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy