Toro: sulle note del ’92, ma cambiando il finale dello spartito

Toro: sulle note del ’92, ma cambiando il finale dello spartito

Europa League / Dopo il Torino di Mondonico, i granata di Ventura hanno le carte giuste per ritornare grandi in Europa

Da quando il Torino di Giampiero Ventura è salito alla ribalta, per molti tifosi è stato un tripudio di emozioni, dallo stupore alla felicità per risultati che mancavano da troppi anni alla Torino granata. Immancabili, in questo momento di entusiasmo e di euforia generale, sono stati i paragoni con gli illustri squadroni che in precedenza hanno regalato gioie ai tanti affezionati granata.

DI NUOVO PROTAGONISTI IN EUROPA – In particolare sono stati fatti con l’ultima squadra che fu in primo piano nell’ultima apparizione Europea, ovvero quella di Mondonico. La squadra guidata dal tecnico lombardo nel 1992 concluse al terzo posto il campionato e giunse alla finale di Coppa Uefa persa nella doppia finale, con due pareggi, con l’Ajax. Un paragone illustre e lusinghiero con l’ultimo Toro europeo, che le ultime imprese hanno riportato alla mente. I ragazzi, anche in campionato, hanno riportato alla luce un entusiasmo ormai sopito da troppo tempo e il libro della storia è stato riaperto dopo tanti anni per essere arricchito di nuovi capitoli.

LA GIUSTA MATURITA’ – I ragazzi stanno dimostrando di essere un gruppo affiatato e dotato della giusta maturità che ci vuole in questi momenti. Affrontano qualsiasi avversario senza timore e paura, il Bilbao sembrava uno scoglio insidioso e non alla portata e invece è stato annichilito senza pietà, ora nulla sembra impossibile e inarrivabile. Neanche il difficile colosso russo dello Zenit San Pietroburgo. Dopo aver espugnato per la prima volta uno stadio inviolabile per le squadre italiane, il San Mamés, e raggiunto gli impensabili ottavi finale, perché non provare ad osare a qualcosa di più?

Questo gruppo ha ancora tanta strada da fara, ma il bello deve ancora arrivare. Ci sono ancora tantissime pagine bianche da riempire di gioie e vittorie, da incidere nel romanzo granata…

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy