Toro, un Barreto in più

Toro, un Barreto in più

Il suo imminente rientro è senza dubbio una buona notizia per il Torino, squadra in grado di esprimere un gioco a tratti convincente ma finora forse un po’ troppo Cerci – dipendente in avanti, soprattutto in fase realizzativa.
 
Commenta per primo!
Il suo imminente rientro è senza dubbio una buona notizia per il Torino, squadra in grado di esprimere un gioco a tratti convincente ma finora forse un po’ troppo Cerci – dipendente in avanti, soprattutto in fase realizzativa.
 
IL RITORNO- Dopo il lungo e forzato stop Vitor Barreto si appresta a ritornare in campo e a riprendersi l’attacco del Toro: la punta brasiliana, fortemente voluta da Ventura a più riprese, arrivò sotto la Mole nell’ultimo mercato di gennaio.
 
UN ELEMENTO PREZIOSO- Nella seconda parte della scorsa stagione, pur senza la precisione sotto porta dimostrata a Bari, Barreto si è rivelato un elemento molto utile alla causa granata, per la sua capacità di servire assist ai compagni e di aprire spazi per i loro inserimenti grazie ad un lungo e proficuo lavoro sporco.
L’ex attaccante dell’Udinese può agire in un attacco a due o a tre uomini, essendo un prezioso jolly offensivo. 
 
COSA CAMBIA CON LUI- Proprio in un eventuale tridente il suo impiego consentirebbe a Immobile di rinunciare ai soliti sacrifici in fase di copertura che hanno caratterizzato la prima parte della sua stagione, concentrandosi di più sul suo compito naturale: quello di fare gol.
Quale che sia il modulo, Barreto scalpita e vuole dimostrare di essere lui il vero acquisto del nuovo Toro.
 
Roberto Maccario
 
 
Foto Dreosti
0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy