Toro, un novembre delicato

Toro, un novembre delicato

di Ivana Crocifisso

 C’era tanta attesa per il calendario 2011/2012 del Toro. Un inizio soft per i granata, che nel giro di pochissimi giorni incontreranno prima l’Ascoli poi, in casa, il Cittadella. Se è vero che di incontri facili (lo scorso anno ha insegnato questo) non ne esistono è vero anche che non si possono non considerare gare abbordabili queste, se l’obiettivo è quello…

di Ivana Crocifisso

 C’era tanta attesa per il calendario 2011/2012 del Toro. Un inizio soft per i granata, che nel giro di pochissimi giorni incontreranno prima l’Ascoli poi, in casa, il Cittadella. Se è vero che di incontri facili (lo scorso anno ha insegnato questo) non ne esistono è vero anche che non si possono non considerare gare abbordabili queste, se l’obiettivo è quello della A diretta, senza se e senza ma. Ancora da sciogliere il nodo legato al concerto di Vasco Rossi, in programma all’Olimpico sabato 27. La gara con il Cittadella potrebbe slittare di un giorno, 24 ore che potrebbero comunque non bastare per ripulire l’Olimpico e soprattutto sistemare il manto erboso.

Sarà poi il Varese a tornare a Torino (saranno infatti due i turni consecutivi in casa, seconda e terza giornata) e c’è tanta attesa per la nuova squadra di Benito Carbone, senza Sannino al comando e con tanti volti nuovi, Troest, Terlizzi e Kurtic su tutti.
Il primo match importante sarà quello della quinta all’Olimpico con il Brescia: non tanto per l’organico delle rondinelle, quanto perché la ferita di quella finale play-off non si è ancora del tutto rimarginata. E in quell’occasione il pubblico sarà l’arma in più dei granata.

L’attesa gara con la Samp si giocherà due turni più tardi, a Marassi. Tra il Brescia e la Samp ci sarà la Nocerina in casa. L’ottava giornata sarà la volta del Grosseto (andata il 5 ottobre), ma il resto del mese sarà quasi interamente dedicato alle neo-promosse. Verona al Bentegodi, Juve Stabia a Torino e poi trasferta a Gubbio. Novembre sarà un mese impegnativo, o forse il più impegnativo: dopo l’impegno casalingo con l’Empoli del 29 ottobre, i granata saranno attesi dalla trasferta del Granillo, da quella di Modena con il Sassuolo, e poi Bari in casa, Crotone in trasferta e Livorno di nuovo all’Olimpico. Il 3 dicembre Torino e Padova si ritroveranno per la prima volta dopo l’ultima di campionato della passata stagione, ma all’Euganeo. Pescara in casa, poi Modena e Albinoleffe (tre impegni decisamente abbordabili) chiuderanno la fase di andata.

 

(foto M. Dreosti)

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy