Toro: una meritata pausa, prima di un ciclo di fuoco

Toro: una meritata pausa, prima di un ciclo di fuoco

La pausa per le nazionali arriva puntuale e non potrebbe arrivare in un momento migliore. Infatti, il Torino é apparso sí ingenio e bistrattato dalla classe arbitrale, ma anche…
La pausa per le nazionali arriva puntuale e non potrebbe arrivare in un momento migliore. Infatti, il Torino é apparso sí ingenio e bistrattato dalla classe arbitrale, ma anche scarico sotto il profilo mentale. Ecco perché il campionato si ferma nel momento opportuno, così da concedere ai granata il beneficio di ricaricare testa e gambe. Il Toro potrà quindi ripartire con calma verso un ciclo rovente dove affronterà in sequenza: Inter, Napoli, Livorno e Roma. Ad oggi é impossibile calcolare quanti punti sarà in grande di fare il gruppo trainato da Ventura, a partitra dalla sfida contro l’Inter dove non ci sarà Kamil Glik (squalificato per un turno) e probabilmente neppure Bovo e Rodriguez (si attendono notizie da parte dello staff medico). Potrebbe scoccare l’ora di Maksimovic, giá in campo per qualche minuto contro la Samp: una scelta certamente forzata dalla situazione precaria in difesa, ma che soprattutto dará modo al Toro di valutare attentamente il giocatore. Contro i nerazzurri tutto é possibile, d’altronde Mazzarri ha dimostrato di patire gli schemi ‘venturiani’. Ma allo stesso tempo saranno vietati i cali di concentrazione, onde evitare debacle da ultimo minuto, viste in questi mesi. Napoli e Roma, in particolare i giallorossi, per ora sembrano appartenere ad un altro universo, mentre contro il Livorno dell’ex Nicola, i granata dovranno imporsi e portare a casa punti preziosi. Un po’ come avrebbero potuto e dovuto, in quel di Genova.
 
Manolo Chirico
0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy