Toro, una storia fatta di tanti record…ancora da scrivere

Toro, una storia fatta di tanti record…ancora da scrivere

Approfondimento / La squadra di Ventura ha la possibilità di avvicinarsi ai grandi miti dell’universo granata

La stagione del Torino sta vivendo, soprattutto in queste ultime settimane, un momento d’oro che nessuno ad inizio stagione auspicava dopo le illustri partenze estive. Il culmine, oltre alla qualificazione agli ottavi di finale di Europa League, è la striscia di risultati utili consecutivi che la squadra granata sta portando ormai avanti da 12 partite, un ruolino di marcia che non si vedeva dal lontano 1980. Questo va venire alla mente che la squadra granata è detentrice di alcuni singolari record in campionato.

IL GRANDE TORINO – Il leggendario Torino degli anni ’40 ha maturato tanti record durante le stagioni in cui fu autentica protagonista. Il primo riguarda la più lunga striscia di imbattibilità casalinga che vanta ben 88 gare senza sconfitte, fu maturata dal Grande Torino dal gennaio 1943 fino al derby perso per 1 a 3 il 6 novembre 1949 (7 stagioni). Sempre questa mitica squadra collezionò anche un altro primato in casa: si tratta del maggior numero di vittorie consecutive casalinghe, 19 su 21 partite disputate (dunque 21 squadre partecipanti) nel 1948-49. Anche fuori dalle mura amiche fu una squadra spietata aggiudicandosi un altro record, quello delle maggior numero di vittorie esterne. Nella stagione 1942-43 con un campionato a 16 squadre ne vinse 10 consecutive, mentre nel 1947-48 furono sempre 10 le vittorie esterne, ma con 21 club partecipanti.

L’ALTRO GRANDE TORO, QUELLO DI RADICE – Ci fu anche un altro grande Toro che fece emozionare i tifosi trent’anni dopo il primo, quello di Radice, Graziani e Pulici. Un primato collezionato da questa squadra fu quello delle vittorie consecutive casalinghe, 14 di fila al Comunale quando il campionato aveva 16 squadre partecipanti. Ma il risultato più bello maturato da questo gruppo, oltre allo scudetto del 1976, fu la lunga striscia di imbattibilità maturata in due stagioni. Ben 12 mesi senza sconfitte: 11 gare nel 1975/76 e 17 del 1976/77, dal 29 febbraio 1976 (0-1 in casa dell’Inter) al 27 febbraio 1977 (0-1 in casa della Roma).

L’IMPRESA DI BILBAO – Per ritornare ai giorni nostri e in particolare all’ultima sfida europea, la sorprendente squadra operaia di Ventura si è resa protagonista di un altro singolare risultato. Infatti la squadra granata, l’altra settimana, vincendo non ha solo strappato il prestigioso pass per gli ottavi di finale, ma è anche stata la prima e sola compagine italiana ad espugnare il fortino basco. Precedentemente furono state 6 sconfitte e un pareggio per le nostre squadre.

Tanti primati e record che una volta di più fanno capire l’importanza, la grande storia di questa squadra e quanto questa società ha dato e può ancora dare al calcio italiano.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy