Toro, una vittoria per il morale…e per continuare a sperare

Toro, una vittoria per il morale…e per continuare a sperare

L’analisi di Torino – Chievo a mente fredda / Bene Gaston Silva e Jansson, andamento della gara chiaro da subito

Commenta per primo!

Il Torino, dopo il doppio ko contro Empoli e Genoa, contro il Chievo ritrova vittoria e sorriso, con un successo importantissimo per il morale, un successo che consente di continuare a sperare nel sogno Europa League.

Nel primo tempo si capisce subito che piega prenderà la gara, con i granata più propositivi e più motivati e i clivensi che non riescono ad imbastire azioni offensive pericolose, se non con una conclusione difficile dell’ex Meggiorini (applauditissimo).
Arrivano le occasioni ma non il gol, e si va al riposo a reti bianche.
Nella ripresa scocca l’ora di Maxi Lopez, che prima insacca di testa un campanile di Maksimovic battendo Bardi, e poi si inventa una fenomenale fuga da metà campo (male la difesa del Chievo, altissima) su un rinvio del solito Maksimovic, e dopo uno splendido coast to coast mette in rete.
Titoli di coda, ma Toro che continua ad esprimere un gioco gradevole e arioso, mentre la reazione del Chievo è sterile, per non dire nulla: molto bene Darmian e Gaston Silva sulle fasce, bene anche Jansson al centro di una difesa che non corre rischi e bene soprattutto Maxi Lopez, autore di una doppietta che sicuramente farà venire qualche rimpianto al suo ex tecnico Maran.
Ora per i granata altre due partite, da cercare di vincere senza fare calcoli, quantomeno per onorare fino all’ultimo, come ha detto ieri Cairo nel dopopartita, un ottimo campionato.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy