Toro, vendere per comprare: lo impone anche la riforma Tavecchio

Toro, vendere per comprare: lo impone anche la riforma Tavecchio

Approfondimento / Secondo le regole per la lista dei 25, i granata dovrebbero cedere due elementi per comprarne tre

di Marco De Rito, @marcoderito

Come tutti gli anni, a ridosso dall’inizio del campionato, le squadre devono compilare la lista dei 25 calciatori che potranno giocare tra le proprie fila in adempimento alla riforma Tavecchio in vigore dalla stagione 2015/16. Per il momento i granata sono in regola. Ma c’è un però. Secondo quelle che sono le intenzioni della società, per rinforzare la squadra sono necessari tre innesti sul mercato, ovvero: un difensore, un esterno sinistro e una mezzala. Il Toro per regalare i tre rinforzi a Mazzarri, dovrebbe vendere due giocatori, andiamo a scoprire il perché.

IL REGOLAMENTO –  La rosa dev’essere composta da massimo 25 elementi – sono esclusi i giocatori dopo il 1°gennaio 1996 – ma, tra questi, 8 devono possedere dei particolari requisiti. Quattro devono essere cresciuti in Italia, ovvero, tesserati per una società italiana nell’età fra i 15 e i 21 anni per almeno 3 anni. Altri 4 devono essere cresciuti nel club, ovvero, aver giocato nella società almeno tre anni a cavallo fra i 15 e i 21 anni. E’ concesso che quest’ultimi, parte dei 3 anni, li abbiano passati in prestito in un’altra squadra.

IL TORINO – Per il momento i granata sono in linea con il regolamento. Sono 20 i giocatori che rientrano nel conteggio della rosa granata, anche perché il Toro può vantare ben 10 Under 22 che possono essere messi in lista senza alcuna limitazione. L’unico tra gli over 22 cresciuto nel vivaio del club è Aramu che, fra l’altro, è in procinto di cessione. Parigini, Edera, Bonfazi e Zaccagno, nonostante abbiano trascorso almeno tre anni fra i 15 e i 21 anni nel Toro, hanno meno di 22 anni, quindi non vengono contati. Di giocatori che si sono formati nel vivaio di un altro club ce ne sono a bizzeffe, è la categoria con più calciatori: da Sirigu a Izzo, passando per Belotti e De Silvestri.

Torino FC v Juventus - Serie A

VENDERE PER COMPRARE – La società di Via dell’Arcivescovado però deve intervenire ancora sul mercato, andando a comprare tre innesti per rinforzare la squadra. I granata per il momento hanno 20 giocatori in rosa. Escludendo gli Under 22, per la riforma suddetta, per arrivare al fatidico 25 devono contare quattro elementi cresciti nel proprio vivaio. In questo momento c’è il solo Aramu a ricoprire questa casella. Di conseguenza i prossimi tre acquisti o saranno Under 22, o possono essere dei giocatori cresciti nelle giovanili granata, altrimenti, per inserirli in rosa, ci dovranno essere due esuberi.

Calciomercato Torino, primi contatti con il San Lorenzo per Marcos Senesi

EXTRACOMUNITARI – Nella composizione della rosa il Torino deve stare attento anche ai criteri per i giocatori extracomunitari.  Al momento, il Toro ha occupato uno slot su due, quello del “giocatore di sostituzione”. Abou Diop, andando in scadenza di contratto, ha liberato un posto ed il Toro lo ha occupato con Bremer. Ce n’è un altro a disposizione, può ricoprirlo un extracomunitario che però abbia racimolato almeno 5 presenze in Nazionale. Proprio un profilo simile potrebbe quindi essere prelevato sul mercato dal club granata per colmare le necessità tecniche di Mazzarri.

Torino 2018-2019 – 20 giocatori + 10 Under 22

Giocatori formati nel vivaio del club: Mattia Aramu

Giocatori formati nel vivaio di altro club nazionale: Salvatore Sirigu, Antonio Rosati, Armando Izzo, Lorenzo De Silvestri

Altri elementi della rosa: Andrea Belotti, Salvador Ichazo, Nicholas Nkoulou, Cristian Ansaldi, Soualiho Meité, Tomas Rincon, Alex Berenguer, Iago Falque, Mirko Valdifiori, Daniele Baselli, Joel Obi, Afriye Acquah, Adam Ljajic, Andrea Belotti, M’Baye Niang, Emiliano Moretti

Under 22: Vittorio Parigini, Simone Edera, Kevin Bonfazi, Andrea Zaccagno, Erick Ferigra, Karlo Butic, Lyanco, Gleison Bremer, Sasa Lukic, Vitalie Damascan

34 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. byfolko - 5 mesi fa

    Ah, ok, ecco perchè Cairo non ha ancora comprato Messi, questione di esuberi. Siamo l’unica squadra a non aver praticamente fatto campagna acquisti, sebbene questo Toro sia tra tutte quella che ne avrebbe più bisogno. Servono almeno 5 giocatori, e tutti forti, mentre Cairo sostiene che al massimo arriverà un esterno. E qualcosa mi dice che non sarà il nuovo Garrincha.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. user-13963316 - 5 mesi fa

    “Il Toro di Cairo è come una pianta di plastica, non muore mai ma mai fiorisce. Non ha bisogno di essere innaffiata, basta una spolveratina ogni tanto per farla apparire vera agli osservatori lontani o distratti. Accudirla non costa nulla anzi, c’è chi paga per vederla, convinto sia vera e, a volte, lo appare persino. Ti accorgi che è finta quando noti che non cresce, che la terra in cui è piantata è arida, che il padrone la usa come specchietto per le allodole. Però è un’imitazione fatta così bene che capiti attiri frotte di lombrichi” (Michele Monteleone, autore del libro “Orgoglio Granata”).

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. steacs - 5 mesi fa

      Anche io volevo riproporla, è sempre attuale.

      Peró di sterco nel vaso ne continua a mettere, evidentemente non ha capito che puzza e basta.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. byfolko - 5 mesi fa

        Quanto hai ragione !

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Hic Sunt Leones 61 (A.C. TORINO)® - 5 mesi fa

      Grazie, bisogna riproporla di tanto in tanto.
      Per ricordare a chi si adatta, che siamo altro e altro dovremmo essere!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. user-13963316 - 5 mesi fa

    esatto!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. user-13963316 - 5 mesi fa

    purtroppo non ha preso il Bari in quanto gli ci volevano più dei 10000 € che ha tirato fuori per prendere il Torino FC di PierLuigi Marengo a fine Agosto del 2005!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. ddavide69 - 5 mesi fa

    Infatti è i vede come hanno venduto le merde per comprare Ronaldo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. user-13758358 - 5 mesi fa

    abbiamo assistito appena sotto ad un’intercettazione telefonica tra i massimi esponenti dell.economia mondiale che hanno disquisito sui soldi e le attività di cairo (anche extracalcistiche) come fossero loro dandogli pure del pirla perché non ha preso il Bari.
    complimenti. peccato che cairo avesse già detto che non gli interessava ed era disponibile ad un supporto tecnico ( non so cosa intendesse)
    mimmobg

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Toro71 - 5 mesi fa

    È strano che Cairo si sia fatto soffiare il Bari da De Laurentiis, era un ottimo affare, tra due anni in serie B avrebbe potuto rivendere la società è fare una grande plusvalenza.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Hagakure - 5 mesi fa

      E’ sempre questione di quattrini.

      E, ovviamente, Cairo pensava di poter prendere il Bari con quattro soldi, come ha fatto con i Resti del Torino Calcio, e di avere così la sua “squadra B” pressochè gratis per far giocare i nostri Giovani del Vivaio.

      Ma, questa volta, dall’altra parte non c’era lo sterco bianconero ad appoggiarlo e a favorirlo.

      E con ADL, come al solito, se l’è presa in quel posto.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Vanni - 5 mesi fa

        ADL si e’ segnato Maksimovic. Da quel momento solo a pallate prende Cairo e se puo’ solo parti basse.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Hagakure - 5 mesi fa

          Esatto Vanni…e secondo me è incazzato nero.

          Oltre ai morivi di cui sopra, era per lui l’occasione di riuscire ad entrare in una piazza importante, avere visibilità ed immagine anche al Sud, nonchè avere la possibilità di piazzare contratti di marketing e pubblicità per molte squadre, amche blasonate, nonchè di intrecciare rapporti con la carta stampata e le televisioni locali, ed eventualmente cercare di allargare il suo impero editoriale.

          Insomma, per la sua solita squallida e vergognosa taccagneria, secondo me si è “bruciato” una valanga di quattrini.

          Perchè solo a quelli era interessato, come al solito.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. Vanni - 5 mesi fa

            Eh io è un po che lo dico; avvoltoio carognero.
            Lui vorrebbe ma non vuole spendere. Pero non sempre sei il solo interessato. Se non investi non hai nessun ritorno.

            Mi piace Non mi piace
          2. Hagakure - 5 mesi fa

            …soprattutto quando non hai la feccia bianconera che ti para le chiappe….!!!

            Mi piace Non mi piace
    2. LucioR - 5 mesi fa

      Deve vendere prima di comprare.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Hagakure - 5 mesi fa

    Mi aspetto un forte movimento di quattrini in entrata nelle ultime ore dell’ultimo giorno di mercato in “zona Zappacosta” (per parafrasare la “zona Cesarini”).

    Per il resto, #siamoapostocosì……!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. sylber68 - 5 mesi fa

    Cairo Vattene

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. user-13693832 - 5 mesi fa

    esatto ormai solo un illuso crede a Cairo, tra il nono ed il dodicesimo posto questo è il massimo a cui ambire ,Cairo dovrebbe ammettere questo è smettere di prenderci in giro

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. LucioR - 5 mesi fa

    Qua si cerca di vendere aria fritta. Se vuoi fare una squadra competitiva devi spendere stop. Tutte le altre storie sono cazzate. Cairo se ha ancora un minimo di dignità invece di sparare numeri inverosimili ad ogni intervista farebbe meglio a dire: non metterò mai un euro mio in questo progetto che deve autofinanziarsi da solo. Gli obbiettivi non mi interessano se non quelli del bilancio. Ce ne faremmo una ragione senza ulteriori illusioni.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Vanni - 5 mesi fa

      Ma infatti. La gente sara’ triste fino all’avvento del cinese di turno ma almeno ci eviterebbero una montagna di stronchiate e discussioni inutili.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Vanni - 5 mesi fa

        A proposito di cinesi: quello del Milan non fa testo perche’ si chiamava Berlusconcin, ma Suning non scherza eh? Stanno facendo uno squadrone vero, stavolta.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. Vanni - 5 mesi fa

    Secondo quanto riportato da Tuttosport si allontana la pista Marsiglia per Mario Balotelli. Sulla punta in uscita dal Nizza ci sono Torino e Parma, ma il club più forte ad oggi è il Borussia Dortmund.
    Boh.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. vertigo.19777 - 5 mesi fa

    Domanda da ignorante in materia…ma questa regola la diletta solo il Toro o anche le altre squadre in serie A?!?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  14. vertigo.19777 - 5 mesi fa

    Una domanda da ignorante in materia…ma questa regola la rispetta solo il Toro o anche le altre squadre?!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  15. Vanni - 5 mesi fa

    Ma solo noi abbiamo sti problemi? Gli altri sono pieni di extra e campioni, noi no.
    Maledetto Sinisa

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. ALESSANDRO 69 - 5 mesi fa

      Gli altri chi…..????????
      Le regole sono comuni per tutti ,perciò presumibilmente gli altri avranno i medesimi problemi.
      Scusa, Oggi fanno 40°C all’ombra, è colpa di Sinisa…..??????

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Vanni - 5 mesi fa

        Poco ma sicuro. Qui e’ sempre colpa di Sinisa.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  16. Granat....iere di Sardegna - 5 mesi fa

    Ma non scherziamo…Si può comprare ciò che serve e poi cercare di piazzare ciò che non serve, se si vuole allestire una squadra competitiva…Qui invece si sta solo cercando di recuperare i presunti “ingenti investimenti” e possibilmente che ne rimangano…Come ogni anno del resto, come scandalosamente l anno passato…Più che riforma tavecchio parlerei di prassi normale di cairo…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Granata - 5 mesi fa

      Posso chiederti , se devo comprare e mi rivolgo a te che hai necessità di vendere , tu hai più forza contrattuale ? Non credo. O no ?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Granat....iere di Sardegna - 5 mesi fa

        Per me granata il punto non è questo. Se vuoi allestire una squadra prima di tutto compri ciò che ti serve. Se vuoi invece far tornare solo i conti badi solo a quello. Ora se permetti te la faccio io una domanda: pensi davvero che gli operatori di mercato non sappiano quali sono gli esuberi del Toro, come del resto il Toro conosce quelli degli altri? Pensi davvero che cambierebbe qualcosa in termini di forza contrattuale? Funziona così nel mondo reale ma nel calciomercato tutti sanno quali sono gli esuberi. Anzi il nostro ds è specializzato nell individuare queste circostanze favorevoli di mercato. Se pensi a fare bene la squadra lo fai e basta perché ti interessa anche il risultato sportivo. Non necessariamente spendendo un patrimonio ma semplicemente colmando certe lacune. Dammi retta. Si sta solo aspettando il colpaccio alla Zappa per poi comprare qualcosa alla carlao. D altronde manca poco alla fine del mercato. Se vuoi acquistare qualcuno veramente valido mediamente lo paghi di più

        Rispondi Mi piace Non mi piace
      2. Granata - 5 mesi fa

        Granatiere, Cairo avrà tutti i difetti della terra ma di certo è ambizioso. Lui è pieno di ego quindi vuole vincere. Compatibilmente con la sua dimensione. Commercialmente non ha nulla da imparare ne da me ne penso da te. Dovrebbe imparare ad investire bene. Cosa che non ha fatto in questi 13 anni.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Vanni - 5 mesi fa

          Cairo non investe, specula. È diverso.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
        2. Granat....iere di Sardegna - 5 mesi fa

          Hai detto bene. Non ha nulla da imparare commercialmente parlando…Perché solo di questo può parlare…Per tutto il resto ha da imparare. Ma non credo gli interessi più di tanto imparare che una società sportiva persegue risultati sportivi, con un sacrosanto occhio al bilancio.

          Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy