Toro, Ventura pensa già all’Atalanta. Nuovo infortunio per Obi

Toro, Ventura pensa già all’Atalanta. Nuovo infortunio per Obi

La squadra ha ripreso oggi gli allenamenti; differenziato per Peres che non preoccupa, si rivede Avelar

4 commenti
carpi-torino, Ventura, Radice

I giocatori del Torino si sono ritrovati oggi sotto gli occhi di Giampiero Ventura per cominciare a preparare la partita che deve sancire la rinascita granata, quella in casa dell’Atalanta successiva alla pausa di campionato: la seduta odierna è stata divisa tra lavoro prima atletico e, successivamente, tecnico-tattico; erano ovviamente assenti i sei Nazionali Acquah, Glik, Padelli, Benassi, Martinez e Gaston Silva. Tecnico e squadra vogliono preparare al meglio questa delicata trasferta e già oggi hanno cominciato a lavorare in quest’ottica, ovviamente al netto degli infortunati; proprio a questo proposito Bruno Peres ha svolto precauzionalmente un programma personalizzato a causa dell’affaticamento ai flessori della coscia sinistra patito domenica nella partita interna contro l’Inter, infortunio che non dovrebbe comunque tenerlo a riposo per troppo tempo: per Betamo il brasiliano dovrebbe essere disponibile. Insieme a lui hanno lavorato a parte individualmente anche Danilo Avelar, Pontus Jansson e Alexander Farnerud.

Il tecnico Ventura oggi ha inoltre aggregato alla prima squadra alcuni elementi del Settore giovanile granata per sopperire numericamente alle varie assenze dettate dai motivi succitati. Arriva invece una nuova brutta notizia per il tecnico in ottica infortuni: sabato scorso infatti Joel Obi aveva avvertito un riacutizzarsi del dolore alla coscia che stava recuperando dal precedente guaio fisico, durante una fase del suo lavoro personalizzato; sottoposto a risonanza magnetica, l’esito è quello di una recidiva di lesione al retto femorale. Il centrocampista dovrà nuovamente stare lontano dal terreno di gioco per 30/40 giorni. Il Torino continuerà la preparazione in vista dell’Atalanta domani, con un doppio allenamento alla Sisport.

4 commenti

4 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. toro1970 - 2 anni fa

    Non vorrei sembrare pessimista, ma pensare di andare a Bergamo a fare terra bruciata mi sembra eccessivo. La squadra purtroppo in questo momento non ha nelle gambe e tantomeno nella testa la forza di vincere una partita così delicata. Potrebbe essere l’occasione per far giocare qualche rincalzo, che è stato acquistato e sino ad oggi non ha ancora mai dispuattao un incontro.
    Se fossi il mister mi accontenterei di giocare una buona partita e di ottenere un risulatato positivo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. robert - 2 anni fa

    Ventura pensa già all’Atalanta ?Questo non deve pensare ma fare i fatti.Se domenica le becca anche da l’Atalanta è l’occasione buona per mandarlo a casa.Qualsiasi società seria dopo aver racimolato due striminziti punti in 6 partite l’avrebbero già esonerato.E se lui avesse veramente a cuore questa società avrebbe già dato le dimissioni.Questo non se ne va neanche con le cannonate !!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. uassing - 2 anni fa

      Mi pare che Ventura sia 5 anni che fa fatti, e non mi pare venda fumo…a fine campionato si potra’ giudicare non adesso.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Wendok - 2 anni fa

        I fatti non dovrebbero essere SOLO l aver conquistato ( grazie a disgrazie altrui, non scordiamolo ) la e.l. In tre anni e rimanendo fermi su stesse posizioni, gioco, errori.
        I fatti dovrebbero essere in primis rendere le domeniche di chi va allos tadio o acquista la partita in tv, non come dei calvari e ricettacoli di tempo sprecato a guardare come dal calcio d angolo a favore, in due passaggi si riparte da padelli !!! I fatti per ora sono che chi ha speso per un abbonamento, piuttosto che buttare al vento metà campionato in partite inguardabili, preferisce fare qualsiasi altra cosa, facilmente sia più utile che divertente. Mr libidine, deve capire che divertire ed arrivare 11 in campionato è forse meglio che applicare quel gioco noiosissimo, sconfortante ed arrivare magari 9 o 8 .
        I fatti !
        I fatti sono che siamo sempre uguali a noi stessi da anni e sempre pronti a non imparare dagli errori.

        Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy