Udinese-Torino 1-1, il film della partita: “Déjà Vu”

Udinese-Torino 1-1, il film della partita: “Déjà Vu”

Resoconto / Il titolo della pellicola di Tony Scott a simboleggiare il pareggio dei granata

di Marco De Rito, @marcoderito

L’APPROCCIO

Udinese v Torino FC - Serie A

Si capisce sin dall’inizio che la gara si preannuncia combattuta, con entrambe le squadre che concedono poche spazi e la zona nevralgica del campo è la mediana. La gara si gioca su ritmi molto intensi, le due formazioni hanno avuto un approccio alla partita molto muscolare, la sfida si gioca sin da subito sul piano fisico. In questo contesto ad emergere è Soualiho Meïté. Il francese fa notare tutte le sue qualità su ogni pallone giocato, diventando un baluardo del centrocampo granata.

9 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. iard68 - 2 mesi fa

    Il Toro di ieri ha stradominato e strameritato di vincere… ma non ha vinto. Senza il solito sopruso arbitrale (perché è ora di finirla nel parlare di errori), avrebbe messo la partita in discesa dopo poco e molto probabilmente sarebbe tornato a casa con i tre punti, ma non è successo. Detto questo, si poteva e si doveva segnare un gol in più di un avversario palesemente più debole. Continuo a ritenere inaccettabile la cessione di Ljaijc che, ovviamente, manca più del pane nella nostra fase offensivo/creativa a dir poco “faticosa” (per di più priva di Iago). Il Soriano visto fin’ora non serve. Anche Zaza mi lascia perplesso ma, ad entrambi, voglio dar tempo prima di giudicare netto. Fantastico Meité, bene Berenguer, maluccio Belotti, il solito Baselli. Contento per Parigini, chissà… magari mi smentisce e viene fuori un bel giocatore! oggi come oggi, la mia opinione è che siamo una bella squadra cui manca un numero dieci.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. granata - 2 mesi fa

    I risultati delle partite precedenti non depongono a favore delle scelte tattiche di Mazzarri. Non crede alla due punte (ma si dovrà ricredere, perchè non ci sono alternative), insiste sul volenteroso Berenguer (frizzante, ma poco concreto, siamo sinceri il suo goal era un cross sbagliato) e alla fine i due attaccanti sono molto carenti di intesa fra di loro e il centrocampo non sa servirli a dovere. Gira e rigira ci manca uno come Ljajic che apriva le difese per vie centrali. Per carità si corre e ci si danna l’ anima, ma alla fine si partorisce il topolino. E’ da anni che tiriamo in ballo la sfiga e gli arbitri (che pure hanno la loro colpe), ma non ci credo più. Se ti annullano ingiustamente un goal al 9′ (e non al 90′), hai tutto il tempo per rimediare, soprattutto se tirando le somme si dice che siamo stati superiori all’ avversario. Ma per vincere bisogna creare occasioni da goal e buttarla dentro, invece cross e calci d’ angolo sparati a caso. Purtroppo a centrocampo Baselli (come previsto) non ha sufficiente personalità (e attributi). Andava ceduto.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Lemmy - 2 mesi fa

      Condivido tutto quello che dici tranne una cosa, io credo che a centrocampo la presenza di Soriano e Meitè abbia notevolmente alzato il livello qualitativo (ovviamente considerando Ljajic un attaccatante) e DEBBA obbligare Baselli e Rincon a mettersi in gioco, quindi non Baselli da cedere ma Baselli che ha una vera concorrenza (che Acquah+Obi+Valdifiori, pur con caratteristiche differnti non potevano offrire).

      Sull’intesa Zaza/Belotti io darei del tempo, nel contempo quello che si è visto fino ad ora non è gran cosa, vuoi per le caratteristiche dei due giocatori, vuoi per la loro intelligenza tattica (secondo me, con tutto il bene che gli si vuole….poca).

      In un precedente post avevo sottolineato come ai due dovevano arrivare cross vecchio stampo, da destra e da sinistra….ma ieri, avete notato…una marea di corner TUTTI presi di testa dai difensori….qualche schema da provare in allenamento sarebbe opportuno e gradito.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Lemmy - 2 mesi fa

    A mio avviso la difesa a 3 ha senso (o meglio, qualsiasi sistema di gioco dogmatico indipendentemente dal tipo di schema) se imponi il gioco (vedi Atalanta).
    Se il tuo obiettivo non è quello di imporre il gioco per 90 minuti allora bisogna quantomeno valutare come si pone l’avversario e, se l’avversario gioca con 1 punta e tanti centrocampisti, il risultato è (quasi matematico direi) che l’unico attaccante lo annulli (giocano in 3 su di lui…) ma se almeno 1 dei tre non sa impostare come si deve (e Izzo e Moretti sono due giocatori notevoli, Nkoulou addirittura strepitoso) non hai spazi, o te li devi creare nell’uno contro uno.
    Nel secondo tempo Berenguer ha fatto il suo, niente da dire, come a mio avviso tutti i centrocampisti che appunto dovevano prevalentemente contenere i loro 5, ma se tu giochi contro un attaccante la difesa deve essere a 4 per poter creare superiorità numerica.

    L’attacco non mi è piaciuto.

    E’ solo un opinione ma io la vedo così.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. GlennGould - 2 mesi fa

    Difficile rimanere obbiettivi, quando chi scrive e’ un tifoso granata con la G maiuscola, specie se non si e’ retribuiti,il che impone uno sforzo in piu’ al merito; ci provo.
    io oggi ho visto una squadra che ha dimostrato,su un campo non all’altezza della situazione (varie zolle volanti), di essere superiore all’avversario. Pronti via e subito un gol annullato che da annullare non era, l’Udinese segna con un tiro deviato,al termine di una azione viziata da un presunto fallo non rilevato, tiro che sara’ l’unico di tutto il primo tempo.
    Secondo tempo giocato per 35 minuti praticamente in una sola metacampo,la loro. a coronare il tutto,l’uscita di Iago dopo 20 minuti, non certo il massimo per noi.
    Capisco l’amarezza per non avere vinto,perche’ era una partita da vincere, ma non capisco gli attacchi a Mazzarri.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. vittoriogoli_130 - 2 mesi fa

      Sono d’accordo, partita che avremmo vinto 7 volte su dieci

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. silviot64 - 2 mesi fa

        Centrando la porta si.
        Non sono competente a sufficienza per dare colpe. Ma che i due davanti abbiamo fatto una prestazione molto sottotono è un dato di fatto.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Daniele abbiamo perso l'anima - 2 mesi fa

      Condivido tutto ciò che dici, e mal tollero quel fischio anticipato di Valeri che è semplicemente assurdo.
      Però abbiamo tirato in porta pochissime volte, e mi pare che Belotti e Zaza non l’abbiano mai centrata. Su questo bisogna lavorare. Vedo le punte poco o nulla servite.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. andrimo - 2 mesi fa

        Io più che punte mal servite vedo punte che si sono pestate un po’ i piedi e di conseguenza se non allarghi gli spazi per i difensori è più facile intervenire… nel secondo tempo Zaza e Belotti qualche volta si sono cercati con l’uno/due e quasi andavamo in porta… Zaza è arrivato all’ultimo e i due hanno lavorato poco insieme (come sottolinea anche Mazzarri..) diamo tempo a entrambi e secondo me vedremo i risultati….
        Per il resto che dire…partita stradominata che alla fine hai rischiato di perdere se Sirigu non fosse uscito tempestivamente su Macis (e sarebbe stata davvero una beffa). Io sono convinto che se metti tutte le squadre sotto così 8 volte su 10 la porti a casa…

        Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy