Udinese-Torino 1-5: granata straripanti e il pokerissimo è servito

Udinese-Torino 1-5: granata straripanti e il pokerissimo è servito

Triplice fischio / Il Toro gestisce bene vantaggio della prima frazione e dilaga nel secondo tempo: grande doppietta di Martinez

Udinese-Torino, probabili formazioni di Torino-Napoli

Dopo un primo tempo alquanto spumeggiante (QUI il commento) del Torino, la seconda frazione comincia con i granata che battono a centrocampo per primi. Nessun cambio per i due allenatori, con Ventura che sembra soddisfatto dei suoi. Il secondo tempo comincia come il primo, con l’Udinese che cerca di fare la partita per riaprire il risultato: Zappacosta concede un angolo, dal quale arriva il gol di Felipe. Dopo appena due minuti il difensore bianconero, dopo un’azione da calcio d’angolo dell’Udinese, riporta in gara la formazione di De Canio.

Ma il Torino resta in partita, con una buona discesa di Zappacosta ed un tiro di Bovo che però non inquadra la porta. Il Toro è vivo più che mai, e sentenzia ancora l’Udinese con Martinez che, dopo un passaggio magistrale di Acquah, va in porta, mette a sede il difensore e col sinistro insacca: un’azione memorabile del Torino, che torna in doppio vantaggio e prova a gestire anche il secondo tempo. L’Udinese ci prova, ma è solo Toro, con uno strepitoso e formato Nazionale Andrea Belotti: si fa 50 metri palla al piede dopo un calcio d’angolo per i bianconeri, scherza due difensori friulani, si presenta a tu per tu con Karnezis e lo fredda con un destro bellissimo.

La squadra di De Canio, dopo il quarto gol, fa fatica a proporsi come di norma: nel secondo tempo bisogna sottolineare la buona prestazione di Martinz che, dopo una prima frazione al solito in ombra, rientra in campo con una grinta clamorosa (il gol di Belotti arriva da un suo assist). Con il punteggio in ghiaccio, il Torino gioca ancora più in scioltezza, nonostante nei bianconeri fosse entrato Halfredsson insieme a Perica. L’Udinese, però, continua a spingere sull’acceleratore per trovare il secondo gol: ancora una volta Felipe, ancora una volta da calcio d’angolo, ma questa volta il pallone finisce fuori. In questo Udinese-torino è comunque emerso il problema granata sui calci da fermo.

Arrivati al ventesimo del secondo tempo, Perica prova a rendersi pericoloso, ma con un colpo di testa molto debole che si spegne a lato: poche idee per l’Udinese che sente comunque il peso di quattro gol sulle spalle. Solo Halfredsson è parso davvero volonteroso di proporsi: la squadra di De Canio fatica, nonostante un errore di Bovo che aveva favorito Perica. Il Torino però non resta mai a guardare, e sull ripartenze rischia sempre di fare molto male: questa volta Bruno Peres inventa un cross perfetto che pesca Belotti, il quale la mette dentro ma la posizione è irregolare. La posizione dell’attaccante granata era oltre la linea dei difensori di qualche millimetro. Anche Acquah era particolarmente in forma, con delle discese palla al piede che hanno messo in difficoltà la squadra di De Canio.

Il Toro, con tre gol di vantaggio, ha saputo sfruttare bene la gestione palla, che ha fatto guadagnare molti minuti alla squadra di Ventura: poi due cambi tra i granata, con Baselli che prende il posto di Benassi, e Molinaro quello di Zappacosta. Con calma olimpica il Torino arriva al trentacinquesimo minuto, aspettando soltanto il triplice fischio, così come l’Udinese che non sembrava più in grado di reagire ai colpi tremendi dei granata.

Ma la partita non finisce, perché l’Udinese sbaglia un passaggio elementare in difesa e regala la palla a Martinez, che finalmente non sbaglia e segna un altro gol, il quinto: il pokerissimo è servito per il Torino, quando entra Edera al posto dello stesso venezuelano. Poco spazio per il ragazzo del vivaio granata, che ha cercato subito di mettersi in mostra: lancio di Vives dalla trequarti granata, con Edera che viene fermato solo con un fallo. Match senza recupero, a causa del punteggio troppo grande per continuare.

Il Torino vince 1-5, la vittoria più larga dei granata in questo campionato di Serie A.

 

8 commenti

8 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. mauro69 - 11 mesi fa

    Niente da dire, viene difficile commentare una stagione tanto altalenante, tra prestazioni esaltanti come quella di oggi e cali di concentrazione allucinanti, alti e bassi anche in una stessa partita, vedi Genoa, solo per fare un esempio.
    Comunque non c’è dubbio che la squadra si stia esprimendo molto meglio in trasferta, quando gli spazi per sviluppare un’idea di gioco sono maggiori. Non per niente abbiamo rischiato di vincere anche a Roma.
    Adesso però forza ragazzi, chiudiamo in bellezza questa annata piena di rimpianti e blindiamo la parte sinistra della classifica! Mai mollare!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Nick - 11 mesi fa

      A dir la verità nel secondo tempo avevo proprio paura si ripetesse Genova o Roma….meno male questa volta è andata bene.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. faber.fibr_259 - 11 mesi fa

      buonosera.
      per me la differenza sta tutta nella differente gestione della partita negli ultimi 30 minuti. tutte le volte che abbiamo perso o cmq buttato partite negli ultimi appunto 25/30 minuti la colpa è da imputarsi a dei cambi del mister non all’altezza e ad un arretramento del baricentro esagerato. abbiamo una squadra che piu si chiude e piu subisce, ma allo stesso tempo molto giovane (anche se qui c’è da fare un altro disorso su chi fa giocare o meno ventura) che può atleticamente sostenere un pressing alto e un baricentro alto per 90 minuti. oggi si è visto.
      con la roma magari non ne fai 5, ma 3 a 2 per noi poteva tranquillamente finire, al netto di rigori dati e non dati. l’elenco è lungo delle partite finite cosi negli ultimi 2 anni. secondo me ventura dovrebbe giocare un po piu spregiudicato, per la squadra che ha per le mani.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Nick - 11 mesi fa

        sono d’accordo e in più direi il mister non ha potuto contare sulla forma di alcuni giocatori che garantivano la difesa blindata come l’anno scorso, uno su tutti Kamil che quest’anno per un motivo o un altro ha deluso.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. miele - 11 mesi fa

    Seguo il calcio da una vita, ma devo ammettere che non ho ancora capito un accidenti. Oppure sotto sotto c’è qualcosa di losco.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Nick - 11 mesi fa

    vorrei far i complimenti a tutta la squadra e al mister per come ha messo in campo i giocatori. sembrava di vedere la partita col palermo dove abbiamo avuto immense praterie, tuttavia questo non sminuisce i meriti della squadra che ha giocato davvero bene e si vede quando non é sotto pressione come sa giocare ma questo deve far pensare al futuro e alla personalità che questi ragazzi devono acquisire se si vuole ambire a qualcosa di importante. su tutti direi la coppia d’attacco: i due gol di Josef che costruiscono un buon viatico per questo ragazzo sin qui cosi impreciso nella fase conclusiva; ma il gol di Andrea é davvero da incorniciare per essersi fatto 70 metri da solo. speriamo questa vittoria sonante sia di buon auspicio per concludere bene questo campionato di alti e bassi, nonché far pensare meglio per il futuro. FVCG

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. ziocane66 - 11 mesi fa

    beh l’udinese, quando la figc non li aiutava ancora, ha vinto in casa delle merde!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Atanor - 11 mesi fa

    Che squadra strana..Non ci capisco più niente..comunque grandissimi ragazzi!!!! Grazie!!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy