Udinese-Torino 2-2, nove gol subiti su quindici: le palle alte sono un incubo

Udinese-Torino 2-2, nove gol subiti su quindici: le palle alte sono un incubo

Quasi 2/3 dei gol presi dai granata nascono da situazione di cross: difesa lenta e poco reattiva, anche contro i bianconeri il tallone d’Achille è stato il reparto arretrato

Lo aveva già dichiarato prima della partita contro l’Udinese, e nel post gara Sinisa Mihajlovic lo ha ribadito: “E’ incredibile che prendiamo gol sempre alla stessa maniera: 9 gol su 15 sono nati da cross, noi dormiamo, eppure ci alleniamo tanto in settimana su queste situazioni…. E’ quasi inspiegabile, la fragilità del Toro in situazione di traversone: anche contro l’Udinese, infatti, i due gol subiti arrivano su palle alte in area di rigore granata, non gestite affatto bene da Moretti e compagni.

Sia il gol di Zapata, sia il gol di Thereau sono stati possibili solamente grazie alla disattenzione granata. Una disattenzione della difesa tutta, ma in particolar modo da imputare alla coppia centrale davanti ad Hart. Moretti non è stato perfetto, ma soprattutto Rossettini si è lasciato colpevolmente (e fatalmente) scappare l’attaccante francese in occasione dell’1-1, e non è la prima volta, purtropppo, che il due difensivo dà prova di scarsa affidabilità: con le due reti subite alla Dacia Arena, sono ben 7 le marcature complessive subite dai granata nelle tre gare in cui Moretti e Rossettini componevano il pacchetto arretrato scelto da Sinisa Mihajlovic. E certamente, questo non può essere un caso.

Miha sa quanto conti l’aggressività, ma anche la solidità difensiva: la disattenzione disarmante sulle palle alte dei granata è diventata una pericolosa costante, dal tris di Bacca della prima giornata, sino a Thereau-Zapata di ieri sera. Serve una svolta immediata, e il tecnico granata lavorerà sodo con lo staff (e in particolare con il tattico della difesa Diego Raimondi) per crescere in vista della prossima partita, quel Torino-Cagliari che non si può, davvero, sbagliare.

8 commenti

8 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. VG - 1 mese fa

    Siamo una bella realtà, chi dice il contrario è in malafede, ma incompiuti ed è un peccato. Si fosse curata la difesa durante le operazioni di mercato, ora potremmo avere sicuramente qualche punto in più, ed è un peccato, vero signor Cairo? Mi appello alla sua capacità imprenditoriale, chiedendo di chiudere il cerchio con questa squadra per poterla inserire tra le grandi del campionato, ce lo meritiamo. Non chiedo una squadra ‘gobba’, capace di comprare arbitri, medici consenzienti delinquenti e una tifoseria che dica ‘il fine giustifica i mezzi’, chiedo più umilmente il Toro. Capace di stupire, di imprese storiche, di lottare alla pari con chiunque e perchè no, anche in Europa. Magari non vinceremo una mazza come spesso è capitato durante la lunga nostra storia – tranne gli anni degli Invincibili ma questo è un altro discorso – ma almeno potremmo gioire con qualche piccolo o medio trofeo che sarebbe alla nostra portata e mi riferisco al blasone più che altro. Non lasci il Toro incompiuto, lo completi, non alimenti malizie nella tifoseria che può pensare ad una sua convenienza a non farci decollare. Faccia il bravo, faccia gli interessi del TORO, una volta per tutte.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. miele - 1 mese fa

      Sottoscrivo e mi unisco accoratamene all’appello.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. osvaldo - 1 mese fa

    Purtroppo la realtà è quella da me già evidenziata il giuorno dopo la chiusura del calciomercatao “ancora una volta,così come gli ultimi 3-4 anni,è stata costruita una squadra incompiuta”.
    Per fortuna che Castan, nonostante non al 100%, ha dimostato di avere una marcia in più,altrimento non avremmo nemmeno i 16 punti attuali
    Che il nostro punto debole fosse la difesa,lo sapaveano anche le…pietre e lo vedono anche i ciechi. Stiamo perdendo una marea di punti che non so come andremo a recuperarli per un posto in EL,oppure dobbiamo già rassegnarci e sperare nell’anno 17-18?
    Rossettini è un modesto pedatore,può servire solo a tappare quanche buco in caso d’infortunio e/o sqalifica, non può essere titolare in una buona squadra come la nostra che mira ad andare in EL!
    Speriamo che torni presto Castan e che Ajeti dimostri di essere quello che dice il mitico De Biase!
    Sempre forza TORO
    Osvaldo

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. ddavide69 - 1 mese fa

      Concordo in pieno

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. moulinsk_937 - 1 mese fa

    Ma Jansson che non aveva cattivi piedi e di testa si faceva rispettare, non era meglio tenerselo?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. miele - 1 mese fa

      Soprattutto perché al suo posto non è arrivato nessuno visto che Ajeti non sembra essere considerato granché.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Nick - 1 mese fa

    La partenza di maksimovic e glik anche se soprattutto quest’ultimo l’anno scorso non ha reso è stata fatale. Non riusciamo ancora a trovare un equilibrio in difesa. Certo abbiamo guadagnato sicurezza in porta ma il resto è da rivedere.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. miele - 1 mese fa

    Considerazioni sacrosante che non fanno che aumentare il rammarico per quel che poteva essere. Come gioco, rispetto all’anno scorso, c’è da leccarsi i baffi, ma le carenze difensive, prevedibilissime, rischiano di compromettere tutto. Speriamo che a gennaio si ponga rimedio.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy