Udinese-Torino, Fofana e Meite: scontro tra colossi in mezzo al campo

Udinese-Torino, Fofana e Meite: scontro tra colossi in mezzo al campo

Focus on / Meite e Fofana uno di fronte all’altro per il dominio della terra di mezzo

di Redazione Toro News

Quello tra Seko Fofana e Soualiho Meite sarà uno dei più interessanti e dei più decisivi duelli a cui assisteremo domenica pomeriggio in occasione di Udinese-Torino. Entrambi nati a Parigi, entrambi di origine ivoriana, i due sono divisi solamente dalla scelta presa a proposito dei colori del paese da rappresentare. Il bianconero, dopo una lunga trafila nelle giovanili dei galletti, ha deciso di difendere i colori della Costa D’Avorio con la quale ha già avuto occasione di esordire. Mentre il centrocampista granata ha deciso di giurare fedeltà al suo paese d’adozione sperando questa stagione di convincere Deschamps a ritenerlo all’altezza della nazionale campione del mondo.

A CONFRONTO Fofana più elegante ed agile, Meite più difensivo e quadrato, i due sono accomunati dallo strapotere fisico con cui dominano il loro regno, il centrocampo. Dall’ottima tecnica e qualità nonostante le lunghe leve e l’instancabile corsa condita dal caratteristico spirito battagliero che permette loro di essere un’inesauribile fonte di energia in mezzo al prato verde e rubare numerosi palloni. Se per il centrocampista dell’Udinese si tratterà del quinto incrocio con i colori granata, contro i quali non ha mai nè vinto nè segnato, per l’ex Monaco si tratta ovviamente del primo confronto con i friulani. Il mediano granata ha però dimostrato nel precampionato e nelle prime uscite ufficiali di essere un vero e proprio gioiellino per il Toro, capace di diventare in poche partite già imprescindibile.

GIOVANI – Rispettivamente classe 94′ Meite e classe 95′ Fofana, i due giovani franco-ivoriani inseguono una crescita esponenziale e costante che li proietterebbe ai vertici di un calcio europeo sempre più scarno di centrocampisti completi, dotati quindi di sostanza, centimetri e qualità. Le potenzialità non mancano ma serviranno duro lavoro e continuità nelle prestazioni. A partire da domenica pomeriggio, quando si ritroveranno l’uno di fronte all’altro nel cuore del terreno di gioco. Occhi puntati dunque su questi due giocatori, pronti a prendersi un ruolo da protagonisti nel match valevole per la quarta giornata di Serie A 2018/2019.

3 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. user-14003131 - 2 mesi fa

    Fofana può essere pericoloso.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. robertozanabon_821 - 2 mesi fa

    Sento il dovere di ricordarlo; Tizio, Caio e Sempronio tutti meravigliosi!!! …Mazzarri…questo è il Torino, il Torino !!! Se non se ne comprende la leggenda è meglio lasciar perdere. Non abbiamo bisogno di sopravvivenza, ma di reincarnazione : questa è la nostra missione !!! Ricercare la nostra identità contro tutto e contro tutti. La leggenda deve tornare a vivere…Fora Toro!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. BIRILLO - 2 mesi fa

    Meite lo vedrei meglio contro attacchi più pesanti almeno in riferimento a Fofana e De Paul. Più consono Rincon a filtrare il conterraneo Fofana, Baselli se Domenica gli si carica il programma “sono un calabrone ma volo come un falco” e non “giro e corro ma solo in tondo”.. Dietro Moretti in partenza a prevenzione. Spero Parigini nel 2 tempo. Eppoi spero che Iago e il gallo spacchino tutto… Ciao !

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy