Udinese-Torino, i dubbi leciti di Miha: in cantiere novità in tutti i reparti

Udinese-Torino, i dubbi leciti di Miha: in cantiere novità in tutti i reparti

Verso il match / A San Siro in molti hanno deluso: il tecnico serbo pensa a soluzioni diverse

1 Commento

Smaltita la rabbia per la deludente sconfitta subita nel turno infrasettimanale contro l’Inter; il Torino sta lavorando per preparare al meglio la sfida contro l’Udinese per evitare di incorrere nuovamente negli errori che ci sono stati a Milano. Per il posticipo di lunedì, il tecnico Mihajlovic ha in cantiere tante novità di formazione rispetto alla squadra che ha affrontato l’Inter a San Siro; alcuni giocatori hanno deluso le aspettative, altri sono apparsi stanchi e non in condizione, ecco perchè nella gara contro l’Udinese ci potrebbe essere una vera rivoluzione nei giocatori che scenderanno in campo.

DIFESA –  Nel reparto arretrato, la novità principale di formazione dovrebbe essere rappresentata dall’inserimento di De Silvestri, al posto di Zappacosta; l’esterno ex Atalanta, pur reduce da un buon periodo, ha sbagliato la partita contro l’Inter ed è  apparso un po’ stanco, quindi il suo posto potrebbe essere preso dall’ex Sampdoria che scalpita per tornare in campo dal primo minuto. L’altro ballottaggio nella difesa granata è quello che riguarda Rossettini-Bovo; il centrale ex Bologna fino ad oggi quando è stato schierato in campo ha sempre fatto il suo senza mai deludere e anche nella partita di mercoledì è stato uno dei migliori in cambio fino all’errore decisivo sul gol di Icardi all’88’. Il dubbio su chi dei due scenderà in campo, rimarrà fino a poche ore prima della partita con il difensore romano che appare leggermente favorito sul compagno di reparto. Chi la spunterà tra i due dovrebbe costituire la cerniera difensiva davanti alla porta di Hart con Emiliano Moretti, visto che il brasiliano Castan difficilmente riuscirà a recuperare in tempo per la sfida di lunedì.

CENTROCAMPO – Nella gara che si è disputata mercoledì a San Siro, gli interni di centrocampo Obi e Acquah hanno deluso, non garantendo la solidità che  Sinisa Mihajlovic aveva richiesto ai due e la squadra ha patito molto la poca concretezza dei due giocatori. Per questo motivo il tecnico serbo potrebbe decidere di reinserire Benassi e Baselli; i due centrocampisti italiani garantiscono una maggior concretezza al centrocampo e a giovarne sicuramente ne è la squadra che con i due giovani in campo ha un ritmo da alta classifica.

ATTACCO – Nel reparto offensivo prende quota la possibilità di turno di riposo per lo spagnolo Iago Falque che contro l’Inter è apparso in affanno e fuori dal gioco della squadra, tantochè Mihajlovic lo ha dovuto sostituire dopo 45′. Il suo posto può essere preso dall’argentino Lucas Boyè che in questo inizio di campionato quando è stato chiamato in causa ha sempre fatto molto bene. Sull’altro lato del campo dovrebbe esserci Adem Ljajic che oggi si è allenamento regolarmente con il resto del gruppo, nel caso in cui il tecnico volesse risparmiarlo perchè non al meglio ci sarebbe una chance dall’inizio per Josef Martinez. Al centro dell’attacco Maxi Lopez scalpita per avere una possibilità di giocare dall’inizio, ma in questo momento sembra davvero difficile lasciare fuori Andrea Belotti, giocatore che in questo momento è in un grande stato di grazia; in ogni caso l’argentino nella partita di mercoledì ha dimostrato di essere in una buona condizione di forma, difficilmente avrà la possibilità di giocare dall’inizio ma potrebbe tornare molto utile a partita in corso, magari in coppia con l’ex Palermo con il quale ha mostrato avere un buon affiatamento.

 

 

 

1 commenti

1 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. FVCG'59 - 1 mese fa

    Zappacosta e Rossettini meritano di giocare, salvo non abbiano problemi fisici.
    Baselli e Benassi insieme sono un po’ troppo leggeri per il tosto centrocampo dell’Udinese: Acquah lo terrei sulla corda, con buone opportunità di giocare. Piuttosto ripenserei a Vives, per far rifiatare un po’ Valdifiori.
    Belotti si sta spremendo molto: non sarebbe male concedere a Maxi un’opportunità, con Boyé e Martínez.
    Spero che anche il mister abbia però ritrovato calma e serenità, soprattutto che inizi a pensare bene prima, quello che poi dopo: di stupidaggini alla Viperetta ne ha già dette a sufficienza.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy