Una porta da salvare

Una porta da salvare

Uno dei punti di forza del primo Torino di Cairo, che centrò la promozione attraverso i playoff, fu la difesa. In quel campionato la porta di Taibi fu violata solamente 31 volte. La scorsa stagione anche la squadra di Colantuono fece della solidità difensiva uno dei suoi punti di forza, specialmente nel girone di ritorno, subendo in totale 36 gol. Quest’anno segnare al Toro sembra invece diventato facile per qualunque avversaria….

Uno dei punti di forza del primo Torino di Cairo, che centrò la promozione attraverso i playoff, fu la difesa. In quel campionato la porta di Taibi fu violata solamente 31 volte. La scorsa stagione anche la squadra di Colantuono fece della solidità difensiva uno dei suoi punti di forza, specialmente nel girone di ritorno, subendo in totale 36 gol. Quest’anno segnare al Toro sembra invece diventato facile per qualunque avversaria. Rubinho, Bassi e Morello insieme, hanno fin qui incassato ben 46 reti, dieci in più rispetto alla scorsa stagione. Il Toro, al momento, è la decima difesa della serie B, solo il Padova con i suoi 48 gol subiti ha fin qui fatto peggio tra le prime della classe.

Nell’ultima partita giocata dalla squadra di Lerda, Rubinho ha avuto il suo bel da fare per evitare che l’Empoli riuscisse ad andare a segno in altre occasioni oltre al gol di Valdifiori. Pur avendo in rosa uno dei difensori più forti del campionato cadetto, ovvero Ogbonna, il Toro quest’anno non è riuscito ad avere quella solidità in fase difensiva che l’ha caratterizzato nelle ultime stagione di serie B. Considerando anche l’involuzione di alcuni giocatori, come D’Ambrosio, rispetto alla scorsa stagione, e gli infortuni che ne hanno limitato altri (vedi Garofalo), dalla retroguardia granata ci si aspettava qualcosa in più. Chi gioca a calcio, o ci ha giocato, sa però che se una squadra subisce gol, non sempre la colpa è dei difensori o del portiere. Prima di tutto ci deve essere il centrocampo che dà una mano alla difesa e, il modulo offensivo utilizzato da Lerda non ha forse permesso che ciò avvenisse come nelle passate stagioni.

In vista dell’ultima giornata di campionato, il fatto che il Padova abbia fin qui incassato più gol rispetto al Torino fa però ben sperare il popolo granata, se si dovesse anche subire una rete dagli avversari, realizzarne una in più non dovrebbe essere un’impresa impossibile per Bianchi e compagni. Se invece Rubinho dovesse riuscire a mantenre imbattuta la propria porta per la nona volta in questo campionato, allora la partita di domenica potrebbe essere leggermente più semplice e anche gli eventuali playoff verrebbero vissuti dal popolo granata con un filo in più di fiducia.

 

(foto M. Dreosti)

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy