Ventura-Allegri, 45′ a testa. Poi la beffa

Ventura-Allegri, 45′ a testa. Poi la beffa

I due tecnici / La Juve ha provato a sorprendere con il cambio di modulo, ma i granata hanno letto bene. Sul finale manca qualcosa

1 Commento

Il derby della Mole di ieri sera era anche, e soprattutto, un testa a testa tra due tecnici in difficoltà: Allegri veniva dalla sconfitta con il Sassuolo, Ventura dalla beffa contro il Genoa che ha portato ai granata solo un punto.

Il tecnico bianconero, privo di Chiellini per squalifica, ha provato a sorprendere l’avversario schierando i suoi a quattro dietro con Hernanes come trequartista, salvo dover tornare immediatamente sui suoi passi dopo l’infortunio a Khedira che ha aperto le porte dell’incontro a Cuadrado – poi match winner – e che ha costretto i bianconeri a tornare sul 4-3-3, che diventava 4-5-1 in fase difensiva. La Juventus è apparsa in controllo nel primo tempo, concedendo solamente un tiro ai granata (che Quagliarella ha sprecato) e bloccando ottimamente le linee di passaggio verso le mezz’ali di Ventura, mai in grado di trovare un pertugio tra i reparti. Gli uomini di Allegri, però, hanno evidenziato ancora carenze nel sorprendere in zona offensiva, dove sono stati costretti ad affidarsi alle giocate individuali dei giocatori di maggior classe – Pogba, nel caso – per bucare la retroguardia granata.

Juventus FC v Torino FC - Serie A Ventura allegri
Pogba segna il temporaneo 1-0

Retroguardia che ha mostrato passi avanti rispetto alle ultime uscite, limitando bene i pericolosi incursionisti bianconeri, Marchisio su tutti, e ritrovando un Glik che si è riscoperto muro. I granata sono stati molto bravi ad adottarsi nei primi minuti al doppio cambio di modulo imprevisto dei bianconeri, che non ha generato confusione tra gli uomini di Ventura. Il Torino, però, è decollato solo nella seconda frazione, tenendo a lungo il pallino del gioco, anche se gli unici veri pericoli sono arrivati da calci piazzati: Bovo segna sugli sviluppi di una punizione da lui stesso calciata e il capitano impensierisce due volte Buffon da calcio d’angolo. E’ mancato, però, il dialogo tra le due punte, nonostante una buona prestazione di Maxi, che si sta dimostrando sicuramente il più in forma tra gli avanti al momento; la coppia formata da lui formata contro il Genoa con Belotti, che gli è subentrato ieri nel finale, era piaciuta di più. Zappacosta, che ha preso il posto di Molinaro, ha convinto per corsa e grinta, mentre Benassi è entrato per Baselli ma non ha inciso.

bovo ventura
Bovo pareggia

Allegri e Ventura, nel complesso, si sono accaparrati un tempo a testa, ma la maggior convinzione bianconera ha pagato sul filo di lana, quando più degli schemi e dei moduli contano la voglia di vincere e di portare a casa il risultato. In 5 minuti, tanto è bastato per far capitolare un Toro che deve ancora lavorare sugli istanti finali.

1 commenti

1 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Simone - 2 anni fa

    Tutti titoli ed articoli come se avessimo vinto.
    Complimenti vivissimi alla redazione per l’obiettività dimostrata!

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy