Ventura contro Delneri: l’esperienza per uscire dal momento difficile

Ventura contro Delneri: l’esperienza per uscire dal momento difficile

I due tecnici / La sconfitta con la Fiorentina ha gettato ombre sul Toro, mentre il pareggio contro il Genoa ha concesso un briciolo di speranza al Verona

1 Commento
Ventura, Toro, Le pagelle di Milan-Torino

Sembrava aver finalmente scovato la chiave di volta della stagione il Torino, complice anche l’effetto-Immobile, prima di ritrovarsi impantanato nelle paludi del Franchi e cadere al cospetto della Fiorentina in un match che i granata hanno approcciato, come spesso avvenuto in stagione, senza troppa convinzione. Ora, in casa granata, è tutto da rifare sul piano della fiducia e dell’entusiasmo: determinante potrebbe essere la prova contro un Hellas in crisi di risultati ma non di gioco. L’arrivo di Delneri a dicembre, al posto di Mandorlini, non ha ancora regalato al Verona la prima, agognata, vittoria stagionale, ma la squadra sta rispondendo bene.

A metterlo in mostra i secondi 45′ contro il Genoa, che dimostrano come gli scaligeri siano ancora una squadra viva, compatta intorno al proprio allenatore. Tutto ciò a discapito dei 10 punti raccolti in classifica. Dall’altra parte, invece, c’è un Torino la cui posizione in graduatoria è decisamente più agevole – ma lontana dall’essere entusiasmante – e che dopo le sfide con Frosinone e Sassuolo pareva essersi rimesso finalmente in carreggiata. Con la Fiorentina, però, sono riemerse le solite pecche, alcune anche di matrice prettamente tattica. Ventura dovrà agire con decisione nel tappare le falle se si vuole costruire un Torino competitivo per la seconda parte del campionato: magari senza arrivare all’Europa, ma comunque per non deludere eccessivamente le (eccessive?) aspettative di inizio campionato.

Luigi Delneri, a Verona ha allenato anche il Chievo
Luigi Delneri, a Verona ha allenato anche il Chievo

Una partita, insomma, che nessuna delle due squadre può sbagliare: concedere il primo successo al Verona potrebbe diventare una brutta macchia per Ventura, al di là dei tre punti persi, mentre per Delneri e i suoi i punti sono, al momento, l’unica cosa che conta. Due punti di vista differenti, che l’allenatore migliore sarà in grado di imporre con più convinzione ai propri giocatori. Per riuscirci ci sarà da far tesoro della propria pluriennale esperienza,  da una parte e dall’altra.

1 commenti

1 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. lorenzovig_623 - 12 mesi fa

    Ma Ventura non capisce che i guai li ha procurati tutti lui con la sua teste fissata al giropalla e retro passaggi inutili e dannosi ? Come direttore d’orchestra tutti suonerebbero per conto loro.
    Miglior allenatore d’Italia sì a portarci a 3 punti dalla quart’ultima !!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy