Ventura presenta Toro-Palermo

Ventura presenta Toro-Palermo

Il tecnico si presenta al consueto appuntamento pre partita per presentare la gara…

  @ManoloChirico
Commenta per primo!

Il tecnico si presenta al consueto appuntamento pre partita per presentare la gara contro il Palermo. Il tecnico inizia con una domanda alla stampa: ”In questi mesi ho cercato di costruire, o meglio ricostruire. E mi sono gettato in questa avventura con dedizione assoluta. Faccio una domanda; perchè ogni volta che io tento di costruire c’è qualcuno che vuole distruggere il mio lavoro? (riferimento a titoli apparsi sui giornali). Perchè i giornalisti devono scrivere falsità e distruggere il nostro lavoro? Vorrei che si parlasse di calcio, senza inventare situazioni che non esistono. Serve più rispetto per il Toro, perchè se lo merita”.

 

LA SFIDA CON IL PALERMO – ”Questa è una sfida importante. A volte cambi qualcosa, ma il filo conduttore è sempre lo stesso: giocare bene, fare una prestazione importante che ti porta al risultato. Questa è una sfida importante per la salvezza, quando gli avversari cambiano durante l’anno devi essere bravo a leggere e a cambiare qualcosina anche tu, sempre senza snaturare e dimenticare chi sei”.

 

GLI AVVERSARI CAMBIANO PER IL TORO – ”In certe occasioni è andata così. Ma credo che questo faccia parte del nostro processo di crescita. A volte abbiamo cambiato gli interpreti, come nel caso di D’Ambrosio e Darmian, senza però cambiare l’identità tattica della nostra squadra. Gli altri come noi cercano di prenderci le misure. D’altronde un conto è incontrare l’Atalanta, un conto il Palermo eccetera. Sono squadre diverse che giocano in meniera diversa al di là del modulo”.

 

LA DIFESA – ”Rodriguez ritrova il campo e spero che sia sereno, perchè è un giocatore che sa cosa fare e quando farlo. Su questo non ho alcun dubbio nè ansia. Su Glik, non penso che l’arbitro Rocchi possa condizionarne la prestazione. Nel derby eravamo dispiaciuti, certo, ma credo che non ci sia alcun conto in sospeso, anzi. Ci mancherebbe altro”.

 

LA MARATONA – ”Vorrei vedere uno stadio pieno che ci prende per mano. Detto questo, non voglio vedere lo stadio pieno perchè ce lo meritiamo o simili. Dico che dobbiamo crescere e lo stadio pieno sarà la normale conseguenza del nostro lavoro e del nostro sudore. Domani è una partita delicata e come sempre l’Olimpico può fare la differenza”.

 

GASPERINI – ”Se ci sono ricordi positivi o negativi, questo spetta ai tifosi. Noi non abbiamo parlato di questo in settimana, anzi. Abbiamo lavorato per giocare al meglio. Certo, potendo scegliere avrei preferito che non cambiassero allenatore, perchè loro saranno carichi e sanno di essere obbligati a vincere”.

 

L’ATTACCO – ”Non ci sono troppe scelte a disposizione, sono tre Bianchi, Meggiorini e Barreto. Rientra Santana e staremo a vedere. Certo all’andata mi era piaciuta l’intensità messa in campo dai miei giocatori, perchè nella ripresa abbiamo avuto sei o sette occasioni da gol e il Palermo una. Certo nel primo tempo loro avevano tirato tanto da fuori, ma in area credo non ci siano mai arrivati”

 

PORTE APERTE E FORMAZIONE – ”Il problema delle porte chiuse alla Sisport non esiste. Perchè noi facciamo porte aperte quando possiamo, mentre gli altri fanno solo porte chiuse tutta la settimana”.

 

 
Manolo Chirico (parlane con me su twitter @ManoloChirico)
 
0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy