Verona-Torino: Belotti scalda le gomme, Quagliarella sempre prezioso

Verona-Torino: Belotti scalda le gomme, Quagliarella sempre prezioso

Verona-Torino 2-2 / L’analisi dell’attacco granata contro gli scaligeri: Belotti carbura, ma lui e Quagliarella sono abbandonati dagli altri reparti

4 commenti
Quagliarella

Pronti, via, e – come nella Formula 1 – il punto più importante di una corsa (anche “calcistica”) è costituito soprattutto dalla partenza, da come uno inizia a far girare il motore e a scaldare le gomme. Belotti ha iniziato la sua avventura al Torino contro il Verona, con una partenza non ottima, ma comunque buona, anche considerando le pochissime palle buone ricevute.

“IL GALLO” – Titolare o dalla panchina? Ventura ha sciolto i dubbi e lo ha inserito sin dal 1’, e dispiace che abbia giocato i suoi primi istanti con la maglia del Toro nei peggiori 45’ possibili. Corsa e fisicità non gli mancano, anche se qualche movimento è ancora da rodare. Il giudizio, comunque, è reso difficile dalla sterilità in fascia e a centrocampo del Toro nella prima frazione, che ha abbandonato di fatto Quagliarella e Belotti al proprio destino. Ad ogni modo, una partenza con carattere e determinazione, anche se senza tiri.

Belotti in azione durante l'amichevole contro la Prosettimo
Belotti in azione durante l’amichevole contro la Prosettimo

QUAGLIARELLA – Si danna per tutta la partita ma i compagni non gli danno il conforto sperato. Indispensabile nel gioco di Ventura, ha il grande merito di non mollare mai il colpo, ma anche per lui le palle utili sono poche e rareffatte. Nella ripresa un suo tiro respinto permette a Baselli di segnare, e se avesse avuto più occasioni del genere – quindi se fosse stato servito in verticale con maggiore frequenza – forse oggi parleremo anche e soprattutto della sua prova al servizio dell’attacco granata.

Quagliarella e Maxi Lopez esultano per il gol del numero 27 contro il Frosinone
Quagliarella e Maxi Lopez esultano per il gol del numero 27 contro il Frosinone

MAXI LOPEZ – Quando entra risolve le partite anche senza toccare palla. Il suo contributo è sempre prezioso, e la sua pericolosità è data anche dalla meritata fama che si porta appresso, con i difensori che sistematicamente raddoppiano su di lui, lasciando libero un altro granata (vedi gol di Baselli). Utile più che mai.

Un attacco, quello granata, che anche se non è andato a segno, ha contribuito alla grande alla manovra offensiva. Serviva, invece, che gli altri reparti aiutassero con maggiore incisività quello offensivo, troppo spesso in balia degli avversari soprattutto nel primo tempo.

4 commenti

4 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. maxmurd - 2 anni fa

    Nel centrocampo bisognerebbe togliere chi gioca le palle in orizzontale, altrochè…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. MORO70 - 2 anni fa

    Per me Belotti non ci ha capito un cazzo ancora, vagava in mezzo al campo senza sapere dove andare. Quando aveva la palla la teneva invece di darla di prima perdendola.
    Tutto giusto, è appena arrivato. Ma diciamolo apertamente, non ci ha capito un cazzo.
    Anzi può anche servirgli come lezione d’umiltà perché dovrá lavorare un sacco per avere un posto da titolare.
    Invece leggo articoli e commenti super buonisti e non mi piacciono,
    L’avesse fatta Martinez la partita di ieri sarebbe stato crocifisso.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. maxmurd - 2 anni fa

      Però a ragione, Martinez è già un anno che è qui.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Yuri - 2 anni fa

    Belletti ha iniziato la sua avventura al Torino contro il Verona….pfffffahahahah..Belletti non è male…

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy