Video – Cairo alla cena delle giovanili: “Gli arbitri ci stanno penalizzando”

Video – Cairo alla cena delle giovanili: “Gli arbitri ci stanno penalizzando”

Multimedia / Il Presidente è intervenuto elogiando il lavoro degli staff delle squadre giovanili e parlando degli episodi di sabato

di Redazione Toro News

Lungo intervento telefonico di Cairo che ha fatto, come di consueto, gli auguri natalizi agli staff delle formazioni giovanili e femminili granata, riunite per l’occasione all’Hotel Gallia di Pianezza.

Durante questa occasione, il Presidente ha voluto inizialmente fare i complimenti alla Primavera di Coppitelli, vincitrice nella scorsa stagione della Coppa Italia di categoria, elogiando tecnico e staff: “La Primavera è la squadra più in evidenza,la punta di diamante – ha detto Cairo -, c’è chi è andato in prima squadra e chi andrà, ma vedo che si fa bene in tante altre squadre“; ad esempio la Berretti e gli Allievi Nazionali.

Il Presidente ha poi voluto sottolineare come il settore giovanile sia sempre stato importante nella storia granata: “Tanti giocatori sono partiti dalle giovanili per arrivare in passato in prima squadra. Adesso stiamo ritornando ad avere giocatori dalle giovanili in prima squadra. Ad esempio Edera e Parigini (rilanciato bene dal mister)… ci sono alcuni che avranno questa opportunità. Quando vedo qualcuno dei nostri partito magari dai pulcini che arriva in prima squadra è un vanto ed un orgoglio incredibile“.

Ringraziamento a tutti gli allenatori per l’ottimo lavoro svolto, insieme ad i rispettivi staff, “Gente con una passione ed un attaccamento al Toro incredibile“.

Sulla prima squadra, Cairo ha riconosciuto l’ottimo lavoro svolto da Mazzarri (“è straordinario” ha detto), seppur dovendo constatare qualche torto subìto: “Purtroppo ci stanno penalizzando, tipo sabato nel derby che ci manca almeno un rigore, dobbiamo farci sentire; ho un elenco di errori arbitrali contro di noi nei derby che è un qualcosa di allucinante. Un elenco di 7/8 cose che ci han penalizzato; sto urlando a gran voce queste cose. Abbiamo una squadra che può ambire a cose importanti, grazie al lavoro fatto nell’anno scorso e negli precedenti, da quando siamo di nuovo in A”.

Si arriva poi agli auguri, per un 2019 che deve portare bei risultati, “con la voglia tipica del mondo granata di far bene e di curare il settore giovanile”.

4 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Maroso - 1 mese fa

    Bene, molto bene! Credo che adesso seguiranno delle opportune azioni in Federazione. E’ ora di dire basta, quanto sta accadendo è un offesa e un danno economico per il Torino FC ed i suoi supporters.
    FVCG

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. ToroMeite - 1 mese fa

    Bene che qualcosa cominci a muoversi.
    La domanda che mi pongo da tempo é: quanto guadagna un arbitro in termini di visibilitá, carriera e denaro ad arbitrare le strisciate? Se si andasse anche qui ad indagare ed approfondire il discorso le “competizioni” risulterebbero ancora piú falsate da svariate e gravi irregolaritá.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. robertozanabon_821 - 1 mese fa

    A parti invertite non succederà mai che venga penalizzata la gobba. Mai. Chi, tra giornalisti servi e commentatori proni, si metterebbe contro la “cupola” dicendo la verità? Nessuno. Solo timidi balbettii in un pallido sussulto di orgoglio che sembra dire: scusate, ma tengo famiglia. Telecronisti compiacenti e ridicoli che non riescono (volutamente) a commentare ciò che si vede con chiarezza nei replay, anche al rallentatore. Sistema totalmente mafioso. Parola d’ordine “omertà”. Il Torino non si presenti più a riunioni coi “vertici arbitrali” che hanno il solo scopo di autoassolversi dalle loro palesi complicità. Fessi ogni tanto può capitare, imbecilli a “vita” no. Abbasso i tiranni. Viva lo Sport. FORZA TORO !!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Il_Principe_della_Zolla - 1 mese fa

    Uno che conta, che sa farsi rispettare: i salatini e gli stuzzichini non gli resistono!

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy