Zappacosta, dal gol dell’andata alla ricerca di nuove certezze

Zappacosta, dal gol dell’andata alla ricerca di nuove certezze

Focus on / Il laterale deve trovare costanza e continuità: troppi alti e bassi finora. Contro il Genoa arrivò la prima, ed unica, rete in maglia granata

1 Commento
Zappacosta pagelle di torino-genoa

Domenica pomeriggio il Torino sarà ospite della Marassi rossoblù per un impegno che mette in ballo punti importanti per entrambe le formazioni. Ovviamente è ancora presto per ipotizzare una probabile formazione, mancano ancora parecchi allenamenti durante i quali Ventura avrà modo di valutare le condizioni fisiche e psicologiche di tutti i giocatori a disposizione e compiere le dovute scelte, ma come accade ogni settimana si rinnova tra le altre la lotta per le maglie da titolare sulle corsie esterne: Bruno Peres, Zappacosta e Molinaro si danno battaglia per partire dal primo minuto, con Gaston Silva pronto a rivestire i panni della sorpresa dell’ultimo minuto.

Zappacosta, Centrocampo
Zappacosta si lancia in percussione contro il Palermo

La sfida di Marassi potrebbe quindi rappresentare un’ulteriore chance per Davide Zappacosta per dimostrare definitivamente il proprio valore e convincere appieno tecnico e piazza, obiettivo non ancora centrato del tutto non a causa di limiti qualitativi ma per mancanza di costanza: il laterale è stato spesso chiamato in causa dal tecnico ma al alcune grande prestazioni ne ha alternate altre decisamente sotto tono. Iniziata la stagione come sostituto di Bruno Peres sull’out destro, Zappacosta ha lavorato con costanza e determinazione ed ha pian piano sovvertito le gerarchie arrivando a conquistarsi la maglia da titolare sulla propria corsia e dirottando il brasiliano sulla fascia sinistra, ma le sue prestazioni sono sempre state all’insegna di una continua lotta tra luci ed ombre.

Lazio
Zappacosta aveva scalato le gerarchie dirottando Bruno Peres sull’out sinistro

Anche quando inserito a partita in corsa, l’ex Atalanta ha sempre offerto corsa e polmoni ma difficilmente ha davvero fatto la differenza risultando un cambio decisivo: l’ultimo fresco esempio risale al match contro la Lazio con quella super occasione sprecata ad un minuto dalla fine per mancanza di lucidità. Le qualità tecniche del giocatore non sono mai state messe in discussione, ed anche sotto il profilo atletico Zappacosta è uno dei migliori della rosa granata (l’unico ad aver terminato il test di Lèger ieri pomeriggio in Sisport) ma adesso tecnico e piazza si aspettano il definitivo salto in avanti dal punto di vista mentale, della personalità e della costanza.

Zappacosta esulta con Bovo dopo la rete capolavoro contro il Genoa
Zappacosta esulta con Bovo dopo la rete capolavoro contro il Genoa

L’esterno potrebbe quindi ripartire dal match di Marassi per conquistare definitivamente il Torino: all’andata, contro il Genoa, era partito titolare ed aveva offerto una grandissima prestazione facendo la differenza sull’out di destra e mettendo a segno anche la sua prima, e finora unica, rete in maglia granata attraverso un bellissimo destro al volo da fuori area. Come detto, è impossibile ad oggi pronosticare chi partirà dal primo minuto domenica pomeriggio, ma Zappacosta mette il Genoa nel mirino per tornare, da titolare o da subentrato, a fare la differenza e compiere il passo decisivo verso la definitiva maturazione.

1 commenti

1 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. peter1 - 11 mesi fa

    Ragazzo interessante che il prossimo anno, superata la fase di ambientamento, potrà tornare utile ad un ringiovanito centrocampo granata.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy