Zenit-Torino, per entrare in Russia servirà il visto

Zenit-Torino, per entrare in Russia servirà il visto

Verso Zenit San Pietroburgo-Torino / Ecco alcune informazioni per i sostenitori granata intenzionati a seguire la loro squadra nella trasferta russa

Il sorteggio di Nyon ha dato il suo verdetto. Sarà lo Zenit San Pietroburgo il prossimo avversario del Toro negli ottavi di finale dell’Europa League. La formazione di Villas-Boas è attualmente prima in campionato e giocherà la sfida d’andata tra le mura amiche il 12 marzo Alle 19. Lo stadio che ospita le partite della compagine russa è lo storico Petrovskij, impianto dalla capienza di 21.570 posti a sedere inaugurato nel lontano 1925. La struttura è situata nella zona centrale della città e o sarà molto presto teatro delle gesta degli uomini di Ventura. 

A tal proposito, tutti i tifosi granata che vorranno seguire la propria squadra a San Pietroburgo dovranno munirsi di passaporto e di un visto d’ingresso. Per ottenerlo, sarà necessario fare domanda presso qualsiasi Consolato Russo. I Consolati sono a Roma, Genova, Milano e Palermo e servirà fissare un appuntamento online. I documenti da presentare sono un voucher turistico, una fototessera e un’assicurazione medica. Il visto è valido per un periodo massimo di 30 giorni. il suo costo è di 70 euro e il tempo d’attesa per averlo è dai 3 ai 10 giorni. La valuta ufficiale, invece, è il Rublo. Non è semplice acquistare Rubli all’infuori del territorio russo, motivo per cui è opportuno effettuare il cambio valuta una volta giunti a destinazione. 

Dopo l’impresa del San Mames, si prospetta quindi un’altra importante trasferta per la truppa di Ventura, l’ennesima di quest’indimenticabile stagione. L’impegno è nuovamente proibitivo, ma i pronostici esistono per essere ribaltati e il Toro ormai lo sa bene.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy