Torino-Inter, Pecci: “Serve equilibrio tra i tifosi. Possiamo vincere…”

Multimedia / L’ex centrocampista granata: “É un campionato dopo si può sognare, ma senza fare voli pindarici. Non siamo da scudetto quando vinciamo e non siamo da retrocessione quando perdiamo”

3 commenti

Eraldo Pecci, ospite ai telefoni della nostra trasmissione Toro Scatenato, fa il punto della situazione dopo il Derby della Mole e in vista della sfida contro l’Inter. L’ex centrocampista, vincitore dell’ultimo scudetto granata, chiarisce: “Le considerazioni dopo il Derby sono due: primo avrei voluto vedere il Torino attaccare alla gola l’avversario sino all’ultimo minuto; secondo bisogna ammettere che Bruno Peres sbaglia troppe diagonali difensive. Ma non ce l’ho con lui, ha delle grandi qualità palla al piede e se migliorerà in difesa allora si potrà parlare di un grande campione”.

Eraldo Pecci ai tempi del Torino (foto ecorisveglio)
Eraldo Pecci ai tempi del Torino (foto ecorisveglio)

Quindi l’occhio di Pecci si sposta sull’attuale Serie A: “É un campionato dove si può sognare, ma occorre equilibrio. Il Toro sulla carta non è da scudetto e nemmeno da Europa, certo tutto può accadere quest’anno. Ma evitiamo di esaltarci per una vittoria e smettiamola di deprimerci dopo qualche risultato negativo. Perché queste cose non aiutano nessuno, anzi. Possono solo peggiorare la situazione”.

Guarda il video per ascoltare l’intervista completa ad Eraldo Pecci

3 commenti

3 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. pupi - 1 anno fa

    Ma no Eraldo, cacciamo Ventura e casomai prendiano Mandorlini, spesso evocato da vari forumisti in questi ultimi 2 anni….tanto credo che da domani sarà disponibile. In realtà concordo con te, squadra da ottavo/decimo posto che in un’annata propizia (anche per manchevolezze altrui) potrebbe arrivare più in su, in annate piene di infortuni anche più in giù. Ma qui ancora qualcuno pensa che il Toro di Bilbao fosse la normalità ed invece era un’eccezione così com’è un’eccezione il Toro Carpi style. Bisognerebbe ritornare al Toro di 30/40 mesi fa per accorgersi che ora siamo un’entità più o meno decente mentre prima, e per lustri, siamo stati il nulla più assoluto.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Bazza - 1 anno fa

    Consigli importanti da seguire. Bravo Eraldo. !

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Catlina - 1 anno fa

    Un commento da un tifoso vero.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy