Video – Rassegna stampa TN del 18/12/2017: i giornali su Ljajic e Mihajlovic

Multimedia / Le pagine in edicola dedicate al Torino

3 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. rza78 - 1 anno fa

    Hai ragione….è la società che dovrebbe intervenire, ma ha già deciso di non farlo fino a giugno raddoppiando l’errore commesso ad ingaggiarlo
    ps dove lavoro io la cifra che prende lui non la guadagna nea<nche l'amministratore delegato e se fai un decimo degli errori che ha fatto lui come minimo ti demansionano

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. rza78 - 1 anno fa

    Purtroppo come avevo previsto andremo avanti fino a giugno con mihailovic si mihailovic no quando il progetto tecnico è già miseramente fallito da tempo. Il problema è che si è deciso di tenerlo fino a giugno, altri 6 mesi persi per costruire qualcosa di degno, tipo 1)non affrontare le prime della classe con la difesa alta a centrocampo 2)non tenere in panca lyanco solo perché burdisso è uno dei pochi ad avere uno straccio di rapporto con chi allena 3)mettere in panca de silvestri e trattarlo come gli altri (stesso identico errore di barreca contro l’atalanta, ma solo quest’ultimo messo alla gogna pubblica 4)puntare su uomini affidabili e non su delle teste di c….. come te (ljaic, niang, per non parlare di valdifiori e soprattutto de silvestri) 5)utilizzare i giocatori dove rendono di più (basta baselli davanti alla difesa)6) finirla con il patetico ritornello abbiamo perso perché il napoli è più forte perché un conto è perdere un conto è andare al massacro 0-3 al 20′ senza opporre alcuna resistenza. Se nel calcio vince sempre la più forte dovresti almeno spiegare perché abboamo pareggiato con verona chievo crotone vinto al 92 con il Benevento salvati da sirigu ecc Ah già, colpa dei gol sbagliati. ma vergognati…e dimettiti

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. ribaldo - 1 anno fa

      Perche’? Tu nel tuo lavoro se fai una cazzata ti dimetti? Al limite aspetti che ti caccino!

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy