A te

di Silvia Lachello

Buongiorno Toro… e buongiorno a te.
A te che pensi di essere più tifoso del Toro per una serie di motivi che solo tu riesci a comprendere, poiché quanto ad esprimerli… e be’, hai qualche difficoltà a farlo.
A te che pensi di essere meno tifoso del Toro perché qualcuno che si pensa più tifoso del Toro ti ha detto che tu sei meno tifoso del…

di Redazione Toro News

di Silvia Lachello

Buongiorno Toro… e buongiorno a te.
A te che pensi di essere più tifoso del Toro per una serie di motivi che solo tu riesci a comprendere, poiché quanto ad esprimerli… e be’, hai qualche difficoltà a farlo.
A te che pensi di essere meno tifoso del Toro perché qualcuno che si pensa più tifoso del Toro ti ha detto che tu sei meno tifoso del Toro e tu, pirlotto, ci hai creduto.
A te che ami la solitudine e il silenzio, ma – chissà perché – gli altri credono che lo scopo della tua vita sia fare casino in compagnia, se possibile durante una partita del Toro.
A te che vorresti essere più padrone della tua vita, ma il lavoro, il lavoro e anche il lavoro, ti fa vivere il Toro via sms.
A te che hai scoperto lo stadio dopo gli ottant’anni e che ti girano le balle perché la primavera è ancora lontana: sventola la bandiera dal Toro dal divano. La primavera arriverà.
A te che pensi sempre di saperne più degli altri… ma va’, va’, va’: il Toro è una cosa seria. Il Toro è una cosa seria e nella serietà c’è sempre un pizzico (anche due, tre, mille) di gioia. Rimandato a settembre: impara a ridere e poi ritenta.
A te che nel sonno dicevi: “La giuve è spazzatura!” e a me veniva da ridere e anche un po’ da piangere, perché interrompere il sonno di un bambino è sempre una cosa ingiusta.
A te che hai tante cose da dire, ma non sai quando e dove dirle, e allora le scrivi, scrivi pagine e pagine e me le mandi, e io rimango incantata e… sì: te lo prometto, ti prometto che farò in modo che quelle pagine vengano condivise, così anche altri potranno asciugarsi lacrime che avevano disimparato a far uscire dagli occhi.
A te che ti hanno messo una bandierina del Toro fra le mani quando a malapena riuscivi a tenere il ciuccio in bocca e gli occhi ti si sono fatti grandi e la terza parola che hai detto, dopo ‘mamma’ e ‘papà’, è stata TORO: avrai sempre gli occhi grandi e il cuore ancor di più.
A te, a te e anche a te… senza dimenticarmi di te, di te e di te.
Viva le differenze, viva il Toro.
Buon fine settimana, sorelle e fratelli, e che sia una buon fine settimana…

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy