Almanacco

Almanacco

Nessuna squadra al mondo ha la Storia che ha il Toro. Storia di cui vorremmo somministrarvi ogni mattina una pillola, legata alla data del giorno stesso, con l’Almanacco.
Speriamo di proporvela mettendovi anche al corrente di qualche curiosità in più; in ogni caso, dopo aver assunto la pillola, si potrà iniziare la propria giornata nel mondo con una piccola dose di orgoglio in più…

di Redazione Toro News

Nessuna squadra al mondo ha la Storia che ha il Toro. Storia di cui vorremmo somministrarvi ogni mattina una pillola, legata alla data del giorno stesso, con l’Almanacco.
Speriamo di proporvela mettendovi anche al corrente di qualche curiosità in più; in ogni caso, dopo aver assunto la pillola, si potrà iniziare la propria giornata nel mondo con una piccola dose di orgoglio in più…


20 Aprile 1952: Juventus-Torino 6-0.
Difficile ricordare un’altra data tanto infausta, nella storia granata, se si escludono le tragedie non sportive. Così tanto infausta, che in molti hanno preferito dimenticarla, come fosse stata un’allucinazione collettiva.
Invece, no: il derby dal passivo più pesante di sempre per il Toro arrivò verso la fine di un campionato dove la squadra allenata da Mario Sperone si salvò con il fiato corto. Ferruccio Novo era in crisi profonda, i suoi lo erano di riflesso, i bianconeri infierirono passeggiando sulle rovine del Grande Torino, un po’ come se i nemici di Roma passassero con uno schiacciasassi sui resti del Foro Imperiale.

La Juventus sarà Campione d’Italia, di lì a poche settimane; il derby si giocava “in trasferta”, perché davanti al proprio pubblico, al Filadelfia, il Toro otterrà comunque quasi tutti i punti del proprio campionato. Tre reti per tempo: apriì John Hansen, proseguì Karl Aage Hansen, poi Vivolo; nella ripresa, una doppietta di Boniperti venne inframezzata dal bis personale di John Hansen.
Un ricordo doloroso per una squadra che si preparava a qualche stagione di anonimato; a fine campionato se ne sarebbe andato Carapellese (foto), mentre Novo si defilava sempre più, chiuso nei propri travaglia e nella propria amarezza, ma il popolo del Toro era sempre il più numeroso e caldo di tutta l’Italia.

Una consolazione statistica: la stracittadina chiusa con il più ampio divario é finita 8-0. Ma per il Toro. Tanti anni prima, e ci sarà il giorno per ricordare anche questa pillola di storia.

JUVENTUS-TORINO 6-0
Marcatori: pt 10′ Hansen J., 17′ Hansen K.A., 40′ Vivolo, st 19′ Boniperti, 37′ Hansen J., 44′ Boniperti
Juventus: Viola, Bertuccelli, Manente, Mari, Ferrario, Piccinini, Boniperti, Hansen K.A., Vivolo, Hansen J., Praest
Torino: Romano, Bersia, Farina, Giuliano, Nay, Pozzi, Vicariotto, Pratesi, Florio, Amalfi, Carapellese
Arbitro: Orlandini di Roma

Riccardo Carapellese

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy