Portieri, non si cambia nulla

Se c’è un reparto che sicuramente non cambierà in questa sessione di mercato, sarà quello degli estremi difensori. Rubinho, Bassi e Morello (in ordine di preferenza?) resteranno dunque i portieri del Toro fino al termine della stagione, quando poi si rivedrà una situazione che già in Estate aveva lasciato qualche dubbio. Se, infatti, la coppia Bassi-Morello si pensava potesse creare una sana competizione, l’arrivo del portiere brasiliano al fotofinish venne visto piuttosto come un atto di sfiducia nei confronti di chi si era allenato da inizio stagione con mister Lerda. In seguito, varie vicissitudini (amnesie personali o infortuni) hanno portato all’impiego di Bassi come titolare, da diverse partite a questa parte.

Si pensava che Rubinho potesse avere poche possibilità di restare in granata, vista l’ernia che l’affliggeva e che, probabilmente, avrebbe richiesto un’operazione chirurgica, con conseguente stop forzato fino al termine della stagione. Morale? Il giocatore sarebbe tornato a Palermo e si sarebbe sottoposto a tutte le cure del caso nel capoluogo siciliano. Tuttavia, il recupero quasi miracoloso delle ultime settimane ha nuovamente cambiato i piani, con Petrachi e Lerda decisi a tenersi il numero 1 granata e stimolare ulteriormente una concorrenza che, se vede un Morello qualche gradino più in basso, lancia un vero testa a testa tra Bassi e Rubinho. Un testa a testa che, con tutte le probabilità, sarà destinato a protrarsi fino al termine della stagione.

(Foto: M. Dreosti)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy