Torino, il vero colpo di calciomercato? E’ stato il rinnovo di Darmian…

Torino, il vero colpo di calciomercato? E’ stato il rinnovo di Darmian…

Calciomercato / Nello scorso ottobre 2013 il laterale granata ha rinnovato fino al 2017, situazione che mette il club di Urbano Cairo in una botte di ferro. Per Cerci la scadenza è nel 2016

di Diego Fornero, @diegofornero

C’è un piccolo grande colpo di calciomercato del Torino, relativo, in realtà, alla stagione 2013/2014, che spesso viene trascurato. Non si tratta di un acquisto di un nuovo giocatore, ma di un rinnovo contrattuale, quello di Matteo Darmian. Il laterale granata, giunto sotto la Mole nel 2011, ha, infatti, esteso il proprio contratto lo scorso 25 ottobre 2013, firmando un quadriennale fino al 2017.

Una posizione contrattuale che, al di là degli interessi che il talento di scuola Milan, giunto fino alla Nazionale e ad un posto da titolare ai Mondiali brasiliani, possa avere suscitato, mette il club di Urbano Cairo letteralmente in una botte di ferro. La posizione del Torino, nei confronti del serissimo giovane di Legnano è, infatti, contrattualmente fortissima: in pochi avrebbero scommesso su un simile exploit, forse neppure lo stesso giocatore: se Urbano Cairo ha potuto dichiarare “incedibile” il difensore, è anche merito della scelta, estremamente lungimirante, compiuta ormai quasi un anno fa.

Un vero e proprio “colpo” di calciomercato, che non può più passare inosservato, benché non si sia trattato dell’ingaggio di un nuovo giocatore. Posizione assai diversa quella di Alessio Cerci: il contratto, in scadenza nel 2016, rende i granata più vulnerabili, seppure due stagioni piene da giocare, potenzialmente, con la maglia granata, consentano comunque ad Urbano Cairo un potere contrattuale sufficiente da non “svendere” il giocatore, ed anzi… Mantenere ben salda la propria valutazione, che oscilla intorno ai 20 milioni. E’ il Toro a voler fare gli affari, insomma, e a non subirli passivamente…

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy