Atalanta, esame Varese

di Davide Agazzi – Arrivati ormai a Gennaio inoltrato, non è solo il calciomercato a tenere banco. La serie B non si ferma ed anzi ci propone, come sempre, una gustosa seconda giornata di ritorno. Dopo i risultati della settimana scorsa, che hanno visto, tra gli altri, l’aggancio in vetta del Novara, le squadre sono pronte a tornare in campo. La sfida principale del week end cadetto sarà senz’altro Atalanta-Varese,…

di Redazione Toro News

di Davide Agazzi – Arrivati ormai a Gennaio inoltrato, non è solo il calciomercato a tenere banco. La serie B non si ferma ed anzi ci propone, come sempre, una gustosa seconda giornata di ritorno. Dopo i risultati della settimana scorsa, che hanno visto, tra gli altri, l’aggancio in vetta del Novara, le squadre sono pronte a tornare in campo. La sfida principale del week end cadetto sarà senz’altro Atalanta-Varese, un derby lombardo che all’andata finì a reti bianche. Promettono emozioni anche Pescara-Empoli e Siena-Reggina. Andiamo dunque ad analizzare, nel dettaglio, tutte le partite di questa seconda giornata di ritorno.

Livorno-Albinoleffe:difficile impegno casalingo per il Livorno, che nell’anticipo del venerdì sera ospita l’Albinoleffe di Mondonico. All 20.45, Tavano e compagni saranno chiamati al pronto riscatto dopo l’inaspettata sconfitta con il Sassuolo. La squadra bergamasca non ha ancora scacciato i fantasmi del calcioscommese, ma è obbligata a trovare la vittoria dopo quattro giornate d’astinenza.

Modena-Ascoli: l’Ascoli di Castori è reduce da due sconfitte consecutive, mente il Modena di Bergodi non perde da tre turni. Cani e Pasquato sono pronti a regalare i tre punti ai propri tifosi, mentre i bianconeri sono obbligati a racimolare qualche punto per uscire dalla zona calda della classifica.

Padova-Crotone: I veneti, orfani di Vincenzo Italiano e del capocannoniere Succi, affrontano il buon Crotone di Eugenio Corini. In attesa del sostituto di Succi, Calori si affiderà nuovamente all’estro del giovane El Shaarawi, fresco di convocazione in Under 21. I calabresi, reduci da quattro risultati utili consecutivi, vogliono dare continuità ai loro risultati per una classifica tranquilla.

Pescara-Empoli: all’andata fu uno scialbo 0-0, ma questo match di ritorno potrebbe essere radicalmente diverso. Il Pescara di Di Francesco si è ormai affermato come una delle belle reltà del nostro calcio, mentre l’Empoli sembra aver ritrovato la luce dopo qualche mese buio. Aglietti, a soli due punti dalla compagine abruzzese, sogna il sorpasso in classifica.

Portogruaro-Vicenza: la squadra di Agostinelli, dopo il punticino ottenuto contro il Cittadella, non può permettersi di fermarsi. L’avversario, il Vicenza di Maran, non è certo dei più facili. I biancorossi, capaci di fermare l’Atalanta nell’ultimo turno, nella gara di andata si imposero per 4-1.

Reggina-Siena: partita fondamentale per entrambe le squadre. I toscani di Conte, primi in classifica dopo la vittoria sul Pescara, non possono regalare niente a nessuno. Brienza e compagni dovranno vedersela con la Reggina di Atzori, reduce dal pareggio nel derby di Calabria. Ad entrambe mancano i gol degli attaccanti, potrebbe essere la volta buona.

Atalanta-Varese: tutti sintonizzati con lo stadio “Atleti azzurri d’Italia”, dove il sorprendente Varese di Sannino affronta una delle nuove capoliste del campionato. I ragazzi di Colantuono hanno mancato il colpaccio sabato scorso, quando pareggiarono fuori casa contro il Vicenza. Gli ospiti arriveranno a Bergamo proponendo il loro consueto calcio tutto corsa ed intensità agonistica.

Frosinone-Piacenza: esordio davanti ai propri tifosi per Campilongo, chiamato al pronto riscatto dopo la sconfitta di Empoli. Il Piacenza di Madonna è reduce dalla sconfitta di Modena e non vorrà certo perdere punti contro una diretta concorrente. Gli emiliani, a rischio penalizzazione per gli stipendi non pagati, non posso permettersi dei passi falsi.

Grosseto-Sassuolo: qualche mese fa finì 1-1, un pareggio che non chiariva ancora il vero valore delle due squadre. Oggi il Sassuolo, dopo un pessimo girone di andata, non perde da tre turni. La squadra di Gregucci, nello scorso fine settimana, è riuscita ad imporsi sull’ottimo Livorno. Dall’altra parte, Michele Serena ha cominciato nel migliore dei modi l’avventura in Toscana. Vedremo se Papa Waigo sarà ancora decisivo.

Triestina-Novara: alle 20.45 di lunedì scende in campo la squadra più attesa. Sono in molti a chiedersi come sarà il girone di ritorno della capolista Novara, che, con l’anno nuovo, ha mostrato più difetti che pregi. La Triestina non è certo lo spauracchio del campionato, ma possono essere proprio queste le partite più difficili per le prime della classe.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy