Il Novara va ko e perde la ”testa”: Bertani espulso per una gomitata

L’ultima giornata del girone di andata in serie B regala una sorpresa clamorosa al “Braglia”. La capolista Novara viene sconfitta dai canarini, al termine di una gara mai in discussione. Ne approfitta il Siena, vincente sull’Albinoleffe, e ora ad appena due lunghezze dalla prima posizione. Stasera l’atteso Padova-Torino, lunedì l’Atalanta ospiterà il Grosseto.

CROTONE-PORTOGRUARO…

di Redazione Toro News

L’ultima giornata del girone di andata in serie B regala una sorpresa clamorosa al “Braglia”. La capolista Novara viene sconfitta dai canarini, al termine di una gara mai in discussione. Ne approfitta il Siena, vincente sull’Albinoleffe, e ora ad appena due lunghezze dalla prima posizione. Stasera l’atteso Padova-Torino, lunedì l’Atalanta ospiterà il Grosseto.

CROTONE-PORTOGRUARO 2-0
Fa tutto Ginestra a Crotone, nel bene e nel male. L’attaccante prima fallisce un calcio di rigore, poi sul proseguimento dell’azione mette in rete di testa, su assist di Galardo. Lo stesso giocatore, poco dopo, si trasforma in assist-man, regalando il raddoppio a Tedeschi. Un successo che permette ai calabresi di superare un momento non felicissimo.

EMPOLI-VICENZA 1-1
Empoli e Vicenza si dividono la posta nell’ultima gara del girone di andata. Succede tutto nel corso della seconda frazione di gioco, con Moro che firma l’illusorio vantaggio dopo otto minuti di gioco. Poi ci pensa il solito Abbruscato a rimettere in equilibrio la situazione, ribadendo in rete un cross proveniente dalla destra di Misuraca.

MODENA-NOVARA 2-1
Comincia nel peggiore dei modi il 2011 per la capolista Novara. Sul campo del Modena, i piemontesi subiscono la quarta sconfitta stagionale, perdendo 2-1. Apre le marcature Mazzarani, che batte Ujkani sugli sviluppi di un calcio d’angolo proveniente dalla sinistra. Poi, nella parte finale del primo tempo, Pasquato si dimostra ancora una volta letale su calcio piazzato, firmando il raddoppio. Piove sul bagnato sul Novara, che perde anche Bertani, espulso dal direttore di una gara per una brutta gomitata rifilata a Giampà. Per l’attaccante probabili le tre giornate di squalifica. Nella ripresa Rubino riapre la partita, approfittando di una distrazione della retroguardia gialloblù, ma al triplice fischio arbitrale è il Modena a festeggiare.

PESCARA-CITTADELLA 1-0
Un gran gol di Sansovini permette al Pescara di battere il Cittadella e mettersi in scia alla zona playoff. Il Toro è, infatti, distante appena una lunghezza in classifica. Troppo molle, invece, il Cittadella, che torna a perdere fuori casa a quasi tre mesi di distanza. L’ultima volta era successo alla decima giornata, all’“Euganeo” di Padova.

PIACENZA-VARESE 2-1
Successo all’ultimo respiro per il Piacenza, che sconfigge 2-1 il Varese. Nel corso del primo tempo padroni di casa avanti con il solito Cacia, al decimo sigillo stagionale, prima che Buzzegoli pareggi su calcio di rigore, assegnato dall’arbitro per una spinta di Marchi nei confronti di Tripoli. Al 43’ della ripresa ci pensa Anaclerio a sparigliare le carte e regalare i tre punti agli emiliani. Nel corso del primo tempo da segnalare che la partita è stata sospesa per cinque minuti, a causa del lancio di petardi ad opera di alcuni tifosi del Varese.

REGGINA-SASSUOLO 0-0
L’unico pareggio a reti bianche è quello andato in scena al “Granillo”. La Reggina non riesce ad approfittare della superiorità numerica a sua disposizione per gran parte del secondo tempo, in virtù dell’espulsione, forse esagerata, comminata a Paolo Bianco, per un fallo ai danni di Rizzo e si deve accontentare di un punto, che le consente di raggiungere il Torino in classifica. Negli ultimi minuti il Sassuolo rimane addirittura in nove, per il rosso a Martinetti.

SIENA-ALBINOLEFFE 2-1
Il Siena si riprende da un periodo non brillantissimo, sconfiggendo l’Albinoleffe tra le mura amiche e riportandosi ad appena due lunghezze dalla vetta, approfittando della sconfitta del Novara. La partita si sblocca in seguito ad un rigore molto dubbio, fischiato dall’arbitro per fallo di mano di Sala. Dal dischetto Larrondo non fallisce. Nella ripresa Brienza chiude i conti con un preciso diagonale. L’Albinoleffe accorcia le distanze solamente al 90’ con Bombardini, troppo tardi per sperare nella rimonta.

TRIESTINA-ASCOLI 2-0
Si conclude dopo sette partite, la sterilità interna della Triestina, che batte per due reti a zero l’Ascoli e abbandona l’ultima posizione della classifica. Il vantaggio porta la firma di Testini, che trasforma in oro un assist di Antonelli proveniente dalla destra. Nelle ultime battute chiude i conti Della Rocca.

(foto: calciomercato.com)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy