Nicchi (pres. AIA) rincara la dose: “Serie A senza Var? Non me ne frega niente”

Il presidente dell’Associazione Italiana Arbitri ha parlato della situazione dei direttori di gara nel caso in cui si dovesse riprende il campionato ai microfoni di TuttoMercatoWeb

di Redazione Toro News

Marcello Nicchi, presidente dell’AIA, tra le colonne di TuttoMercatoWeb, rincara la dose. Dopo aver parlato nei giorni scorsi (QUI i dettagli), ora analizza le tematiche legate alla possibile ripresa del campionato e alla posizione arbitrale: “Il momento è particolarmente complicato, non avrei mai pensato di ritrovarmi in una situazione del genere. Credo che servirà molta pazienza. Bisogna essere cauti. La situazione è brutta, complicata e difficile. Il rischio ancora è alto, gli arbitri si muovono in tutta Italia tramite treni, stazioni ed entrano in contatto con tanta gente che non conoscono. Chiediamo tutela. Ci devono essere le condizioni e di questo ne parleremo. Bisogna valutare giorno per giorno. Siamo pronti,  ma prima di mandare i ragazzi in campo, dobbiamo accertarci che ci siano le condizioni. Per ora, con 600 morti al giorno non si può parlare di sport. Sarò sereno quando le terapie intensive si staranno svuotando“.

Covid-19, gli aggiornamenti dell’8 aprile / Speranza: “Le misure hanno funzionato”

Continua poi il presidente dell’AIA parlando dell’eventualità che il campionato si concluda in estate: “A noi va benissimo, non c’è problema. Agiremo con le deroghe. Quanto accaduto ci può fare ripartire e lasciare in eredità un calcio migliore. Se immagino, dopo questa catastrofe, che allo lo stadio e c’è il razzista o il cretino (eufemismo) che offende avversari e arbitri. Avrei i brividi”.

Nicchi infine torna a parlare della possibilità che si giochi le ultime di partite di campionato senza la VAR: “Averla, sarebbe più bello, perché anche in tempo di guerra non si buttano via le conquiste. Ma se non ci sarà è perché non avremo ambienti in cui si possa operare. Oggi si lavora in stanzine piccole, e anche lì serve sicurezza, perché ci sono anche gli operatori. Dobbiamo tutti fare dei sacrifici: pure se il calcio ripartisse senza VAR, non ce ne preoccuperemmo. Se c’è bene, sennò si va avanti lo stesso. E in tutta franchezza, non me ne frega nulla”.

2 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. dattero - 7 mesi fa

    dr bobetti,lei ha ragioni,ma il calcio ormai è industria,almeno per il 70%.
    poi,se manteniamo a galla figuri come il nicchi,non ne usciremo mai

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Dr Bobetti - 7 mesi fa

    L’ostinazione del calcio italiano rispetto a rugby, basket, volley nel voler riprendere è veramente il simbolo di un mondo con tanto marcio (incluso il pensare di mettere a casa i dipendenti che guadagnano 1500€/mese invece di guardare ai salari ed ai costi esosi di giocatori/dirigenti/procuratori).
    Saremo così sicuri ad inizio Maggio di non essere più a rischio contagio? Forse a fine Maggio. E poi partite ogni 3 gg con 30-35 gradi ed afa, mi sembra tutto una follia.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy