Nocerina, Laverone alimenta le speranze

di Davide Agazzi – Una Serie B ancora in sospeso aspetta i recuperi di tante sue squadre e fornisce una classifica provvisoria agli appassionati di calcio, che vedono il Verona momentaneamente capolista e l’Ascoli fuori dalla zona play-out.In evidenza, ancora l’attaccante della Juve Stabia, Sau, autore di una doppietta e l’ex granata Bjelanovic, capace di chiudere la gara col Bari in pochi minuti.

Seculin…

di Redazione Toro News

di Davide Agazzi – Una Serie B ancora in sospeso aspetta i recuperi di tante sue squadre e fornisce una classifica provvisoria agli appassionati di calcio, che vedono il Verona momentaneamente capolista e l’Ascoli fuori dalla zona play-out.In evidenza, ancora l’attaccante della Juve Stabia, Sau, autore di una doppietta e l’ex granata Bjelanovic, capace di chiudere la gara col Bari in pochi minuti.

Seculin (Juve Stabia): difesa e attacco, questo il segreto della squadra di Braglia, che contro il Padova soffre per ’90 portando a casa un inspiegabile 2-0. In fondo, la spiegazione c’è ed è tutta nei guanti nel portiere di scuola Fiorentina, assolutamente superbo nell’evitare gol da Cutolo e compagni.

Angella (Reggina): illude la Reggina e Gregucci con un bel colpo di testa, regalando il momentaneo vantaggio agli amaranto. Poi, arriverà il pareggio e l’immediato esonero del tecnico calabrese.

Laverone (Nocerina): in Calabria si era già messo in luce per le sue doti offensive, ora, sotto la guida di Gaetano Auteri, l’esterno destro spinge come un forsennato e stende il Grosseto con una doppietta in fotocopia. Due gol per tre importantissimi.

Terlizzi (Varese): apre le danze contro il Modena, quando respinge in porta il pallone dopo una mischia nell’area avversaria. Poi, dovrà esultare quando De Luca troverà il pareggio nei minuti finali.

De Falco (Bari): è vero, il suo gol non serve proprio a niente, ma i calci di punizione di questo giocatore regalano spesso forti emozioni. Ancora una volta, la palla si infila all’incrocio dei pali, dove Rafael non può arrivare. Poi, il Bari si spegne ed il Verona dilaga.

Nwankwo (Gubbio): per qualche minuto ci si illude che la sua conclusione possa valere qualcosa di più di un semplice gol, ma il pareggio vicentino annulla qualsiasi speranza e lascia Gubbio penultimo in classifica.

Pettinari (Crotone): ancora un pareggio all’ultimo secondo per il Crotone, che aggancia la Reggina in un avvincente derby di Calabria. Determinante, la grinta dei rossoblù, capaci di attaccare fino all’ultimo e di trovare il gol grazie al colpo di testa del proprio centrocampista.

Foggia (Sampdoria): entra in una partita delicata, per dare il cambio all’ex Juan Antonio e chiude i conti con un preciso sinistro che non lascia scampo al reattivo Arcari. Tre punti chiave per Iachini, che continua a sperare nei play-off,

De Luca (Varese): contro il Modena doveva essere tutto facile, ma i gol di Cellini e Pettinari complicano non poco il cammino dei lombardi. Ancora una volta Maran azzecca i cambi ed il neoentrato De Luca sigla il gol del pareggio con un caparbio colpo di testa.

Bjelanovic (Verona): lui di gol non ne ha mai segnati troppi ed anche quest’anno, a Verona, non tiene il ritmo del suo compagno Gomez. Contro il Bari ritrova il guizzo dei tempi migliori e silura Lamanna in pochi secondi con una doppietta che fa sorridere Mandorlini.

Sau (Juve Stabia): in una serata difficile per le Vespe, bastano due punture dell’attaccante sardo per schiantare il Padova di Dal Canto. Un rigore ed un’azione di puro contropiede contro la difesa patavina sono sufficiente per rallentare il cammino dei veneti.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy