Parma, Krause sarà il nuovo proprietario dei crociati

Serie A / La squadra parmigiana sarà dunque a stelle e strisce, la nuovo proprietà ha acquisito il 90% del Parma Calcio 1913 srl

di Redazione Toro News

Kyle Krause e la Krause Group è la nuovo proprietà del Parma, che ora sarà a stelle e strisce. L’annuncio è stato fatto da Nuovo Inizio, la società composta da un gruppo di imprenditori parmigiani che aveva la maggioranza delle quote e da Krause Group, attraverso cui la famiglia americana Krause controlla una diversificata serie di business. Krause Group ha acquisito il 90% di Parma Calcio 1913 srl e il 99% di Progetto Stadio Parma srl, la società Spv creata per la gestione del progetto di ristrutturazione dello Stadio Tardini. Il 9% del Parma resta a Nuovo Inizio, l’1% a Parma Partecipazioni Calcistiche.

L’Ansa riporta le parole di Marco Ferrari, presidente di Nuovo Inizio: “Una volta riportata in Serie A la squadra della nostra città, ripartita dai dilettanti solo 5 anni fa, i soci di Nuovo Inizio avevano assunto l’impegno di identificare un nuovo azionista di maggioranza che avesse solidità, passione e competenze per garantire un futuro sereno al Parma Calcio“. Il presidente di Nuovo Inizio continua spiegando che “l’atto stipulato questa mattina conclude questa missione: la passione di Kyle Krause e della sua famiglia per il nostro Paese, il nostro sport e la nostra città li rende le persone più adatte a scrivere un nuovo capitolo nella storia del Parma. Alla famiglia Krause va il nostro più grande in bocca al lupo, mentre a tutti coloro che in questi anni ci hanno aiutato e supportato nei modi più diversi, va il nostro ringraziamento“.

3 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. granataLondinese - 1 mese fa

    Ah ma vedi che ogni tanto qualcuno col soldo si fa vivo anche durante covid?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Granata - 1 mese fa

      Avere soldi non vuol dire necessariamente essere disponibile a spenderli. Il concetto è applicabile a questo caso visto che il proprietario non vuole spese pazze ma molto contingentate e ridotte al minimo tanto è vero che sono stati sospesi tutti i discorsi in essere per poter effettuare un analisi profonda di costi/benefici. Loro seguivano un ragazzo italiano e lo avrebbero preso in prestito. Bava lo voleva definitivo o con opzione. Spero riprendano il discorso.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. paulinStantun - 1 mese fa

      Si qualcuno si fa vivo, però annuncia le cose fatte.
      Invece a chi vuole comprare il Toro manda 4 straccioni ad annunciare che presto verrà inviata una mail per chiedere di acquistare la squadra da parte di un gruppo di persone che è però segreto… la differenza è tutta li

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy