Petrachi-Roma ai ferri corti: per l’ex ds del Toro c’è aria di divorzio

Petrachi-Roma ai ferri corti: per l’ex ds del Toro c’è aria di divorzio

Campionato / Il direttore sportivo sente di non avere le mani libere per fare il mercato che desidererebbe

di Marco De Rito, @marcoderito

La Roma e Gianluca Petrachi sono ai ferri corti. Secondo quanto riportato dalla Gazzetta dello Sport, se nelle prossime ore non dovesse arrivare il chiarimento tra l’ex direttore sportivo del Torino e Pallotta il ds potrebbe anche lasciare la Capitale. Lo strappo sarebbe arrivato nella giornata di ieri: una telefonata dai toni molto accesi tra il ds e Pallotta (con l’ausilio di un traduttore) in cui sarebbero volate parole grosse. Quest’ultimo nega il tutto, ma il clima nel club giallorosso sarebbe pesante.

MANI LEGATI – Tra le varie questioni che stanno facendo discutere l’ex direttore sportivo del Toro e l’imprenditore statunitense ci sarebbe anche il calcio mercato. Il ds vorrebbe chiudere per Pedro ma Pallotta non ha dato il via libera, chiedendo prima alcune cessioni partendo proprio dagli esterni d’attacco (su Kluivert c’è una trattativa con l’Arsenal). Petrachi sente di non avere le mani libere per fare il mercato che desidererebbe. La rottura comunque non converrebbe alle due parti. Petrachi, dirigente da sempre ambizioso, si ritroverebbe senza club e la Roma dovrebbe chiudere con un anno d’anticipo un contratto fino al 2002 a più di un milione di euro a stagione.

Ezio Rossi: “Stufo di questo calcio-business. Senza tifosi non è più sport”

IL SOSTITUTO – In ogni caso la situazione potrebbe precipitare da un momento all’altro e i capitolini stanno già valutando le alternative. Si parla di soluzione interna, con Morgan De Sanctis pronto a prendere il suo posto. L’ex portiere nei giorni scorsi aveva avuto anche un colloquio con l’Ascoli, ma avrebbe rifiutato l’offerta. Al suo posto è andato Giuseppe Bifulco, ex consulente tecnico della Roma. De Sanctis finora ha lavorato nella società prima come team manager e poi come vice ds e per lui potrebbe arrivare la promozione, anche se prima di arrivare a questa soluzione si cercheranno di effettuare tutti i tentativi per ricucire il rapporto con Petrachi.

13 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. ddavide69 - 3 mesi fa

    La soddisfazione maggiore ce l’abbiamo noi , il mandrogno accoppiato col genovese
    il quale ha subito detto la sua: campagna acquisti parsimoniosa .

    Ma andate a cagare!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. ddavide69 - 3 mesi fa

    Strano : invece con Cairo aveva le mani libere….

    HAHAHA

    Mi sà che se ne era andato proprio per questo : dopo oltre 10 anni senza portafoglio pensava di aumentare lo stipendio ed avere margine di manovra.

    Gli è andata malino…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Madama_granata - 3 mesi fa

    Si parla, pare, di “LICENZIAMENTO PER GIUSTA CAUSA”!!!
    Gli sta bene!
    Sta bene a lui, che si è comportato scorrettamente col Toro, e sta bene alla Roma che, altrettanto scorrettente, ce lo “ha fregato”!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. maxx72 - 3 mesi fa

    E bravo Petrus.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. spiritolibero - 3 mesi fa

    Comunque la cosa che più mi è rimasta impressa di questo soggetto è stata la sua mediocrità calcistica scambiata con Bobo Vieri

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. ALESSANDRO 69 - 3 mesi fa

    Il tempo è sempre galantuomo, alla lunga i mediocri vengono a galla. Le mani libere quando i soldi sono degli altri è un film di fantasia. Cosa pensava ??? Che Cairo fosse l’unico presidente con il braccino…???? Gli imprenditori che hanno costruito i loro imperi con le proprie capacità non mettono i loro portafogli nelle mani del primo cialtrone che capita…. Vale per tutti….

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Innav (CAIRO VATTENE) - 3 mesi fa

      Con la differenza che la Roma, poteva spendere 4 volte la cairese. Si e’ rivelato quello che era: un mediocre.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Innav (CAIRO VATTENE) - 3 mesi fa

    Personaggio mediocre, ha resistito 10 anni in compagnia del nano mediocre in una societa’ mediocre.
    Alla resa dei conti, un incapace.
    Andava solo bene quando Ventura gli dava uno scappellotto in testa per mandarlo a contrattare chi diceva lui. Stop.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Bacigalupo1967 - 3 mesi fa

      Vanni caro ricordo molto bene i tuoi insulti verso Ventura (non Simona ma Giampiero) adesso scrivi che era lui che dava i buoni consigli a Petrachi.
      Ci puoi chiarire questa cosa grazie.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. christian85 - 3 mesi fa

    Dopo 10 anni a fare lo schiavo di Cairo, pensava di poter ottenere piu’ carta bianca, ma la verita’ e’ che alla fine… tranne Marotta, i ds sono solo personaggi di facciata, ma chi comanda alla fine sono i presidenti quelli che cacciano (e non) i soldi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Madama_granata - 3 mesi fa

    CHE SUDISFASSIÙN!!!
    Ah, finalmente una bella e buona notizia: ci voleva proprio!
    Con l’augurio di un bello e lungo e proficuo periodo di riposo (forzato) al signor Petrachi!
    Tanta serenità e salute;
    lavoro un po’ di meno!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. Bacigalupo1967 - 3 mesi fa

    Peccato non abbia un passato spallino altrimenti Vagnati lo avrebbe preso come portaborse del suo portaborse.
    Forse lo vuole il Manchester insieme a Sadiq che portò al Toro.
    Chi è causa del suo mal pianga se stesso.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. Csko69 - 3 mesi fa

    compito davvero ingrato per il traduttore di Pallotta!! SEMPRE FORZA TORO!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy