Torino-Brescia 0-1: per ora decide Torregrossa

Torino-Brescia 0-1: per ora decide Torregrossa

Fine primo tempo / Granata beffati da Torregrossa dopo un rimbalzo fortunoso. Occasioni per Belotti, Verdi e Zaza ma i ragazzi di Longo sono sotto.

di Diego Fornero, @diegofornero

Termina 0-1 per il Brescia la prima frazione di gioco della sfida salvezza tra il Torino di Moreno Longo e le Rondinelle di Diego Lopez all’Olimpico Grande Torino. Ottimo avvio di gara per il Toro, che sbanda un po’ dopo aver subito lo svantaggio e non riesce a trovare il pari, rimandando qualsiasi discorso alla ripresa.

LA CRONACA – Al 4’ punizione per il Toro, con Bjarnason che stende De Silvestri. Batte verdi dalla destra, palla nel mucchio che rimpalla ma i granata non riescono ad approfittarne. Sugli sviluppi, lancio di Rincón per Belotti che stoppa di petto, carica il destro e batte Joronen, ma la bandierina dell’assistente era già alzata.

È una buona partenza per i ragazzi di Longo, che al 7’ centrano una traversa con Verdi, che si era mosso molto bene tra le linee caricando poi un mancino piazzato che si stampa sul legno. Non finisce qui, perché al 10’ è il talentino bresciano Tonali a perdere un pallone a centrocampo, con Belotti che ne approfitta calciando dal limite, trovando la respinta di Joronen in corner.

Al 13’ è ancora Verdi a scaldare i guantoni all’estremo difensore bresciano, con un mancino a giro rasoterra all’esito di una bella azione granata a centrocampo, di nuovo conclusa dalla bandierina.

Non sta a guardare il Brescia, e il Toro rischia forte su angolo calciato da Tonali al 15’ dritto sulla testa di Mateju libero di schiacciare a due passi da Sirigu, che riesce a deviare. Le Rondinelle premono il piede sull’acceleratore e trovano il vantaggio in modo un po’ fortunoso: pallone di Bjarnason deviato dalla schiena di Meité che rimbalza su Torregrossa – che sarebbe stato abbondantemente in offside – abile ad avvicinarsi a Sirigu e scavalcarlo con uno scavetto che si insacca nell’angolino basso a destra.

Dopo lo svantaggio, il Toro presta il colpo e il Brescia attacca, con i granata che faticano a ritrovare la spinta dei primi minuti di gioco. Un timido tentativo è marcato Zaza, che prova la girata al 32’ su una sponda di testa di De Silvestri, mentre pochi secondi dopo Belotti spreca da posizione interessante con un “liscio” senza trovare la battuta in rete.

È ancora il Brescia, però, a fare paura con una conclusione deviata di Martella che, per poco, non sorprende Sirigu. Risponde il Toro con Verdi, il migliore tra i granata nella prima frazione, che costringe Joronen a mettere la manona su un tiro-cross insidioso deviato da Bjarnason. Sugli sviluppi del corner, colpo di testa di Bremer facilmente respinto dall’estremo difensore finlandese.

Sirigu ci mette ancora una pezza al 37’, quando Bjarnason calcia centrale da ottima posizione, mentre al 40’, dopo un sospetto tocco di mano da parte di Martella (qualche protesta granata, ma dal VAR nessuna notizia) l’occasione ghiotta è sulla testa di Zaza che, su un corner, respinge di testa provando a piazzare e, da due passi, la mette sopra la traversa. Poco dopo Verdi dialoga bene con Rincón che lancia Belotti al volo: il mancino del Gallo termina a lato.

Il Brescia, però, cerca il raddoppio e, al 43’, Bjarnason crossa per Torregrossa che, di testa, non trova la porta per un nonnulla, con la difesa granata completamente spiazzata. Ultimissima occasione è di sponda granata, proprio sul fischio della prima frazione, quando Verdi calcia ma trova la deviazione da posizione invitante, mandando le due squadre negli spogliatoi sul vantaggio bresciano.

 

 

SEGUICI SUFacebook /// Twitter /// Instagram /// Telegram

SCARICA LA NOSTRA APPiOS /// Android

12 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Pik67 - 2 mesi fa

    E adesso è ora di tirare fuori i coglioni!!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Ardi - 2 mesi fa

    Se lo meritava verdi, ora speriamo bene. Rincon uno dei peggiori, persino meite da due tre partite sembra un grande rispetto a lui

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Gian - 2 mesi fa

    Longo non sa più che pesci pigliare

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Gian - 2 mesi fa

    Requiescant in pacem

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Valentino Mazzola - 2 mesi fa

    Fuori Rincon dentro Lukic, fuori De Silvestri dentro Aina.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Pik67 - 2 mesi fa

    Siamo come l’Armata Brancaleone!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Innav (CAIRO VATTENE) - 2 mesi fa

    Io ed altri lo stiamo dicendo da tempo: queste sono le stesse pippe della stagione scorsa, con un non allenatore che ha voluto solo scarsoni nelle sue file, per una sua teoria di antigioco preistorico. La differenza e’ che da maggio 2019 e’ finito il cu.lo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. amoidoors69 - 2 mesi fa

    MALEDETTIMALEDETTIMALEDETTI
    MALEDETTIMALEDETTIMALEDETTI
    MALEDETTIMALEDETTIMALEDETTI
    MALEDETTIMALEDETTIMALEDETTI
    MALEDETTIMALEDETTIMALEDETTI
    MALEDETTIMALEDETTIMALEDETTI
    MALEDETTIMALEDETTIMALEDETTI
    MALEDETTIMALEDETTIMALEDETTIMALEDETTIMALEDETTIMALEDETTI
    MALEDETTIMALEDETTIMALEDETTI
    MALEDETTIMALEDETTIMALEDETTI
    MALEDETTIMALEDETTIMALEDETTI
    MALEDETTIMALEDETTIMALEDETTI
    MALEDETTIMALEDETTIMALEDETTI
    MALEDETTIMALEDETTIMALEDETTI
    MALEDETTIMALEDETTIMALEDETTI

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. amoidoors69 - 2 mesi fa

    MALEDETTI

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. Pik67 - 2 mesi fa

    Scandalosi!O si danno una sveglia oppure finirà molto male…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. aledranata81 - 2 mesi fa

    Svegliateviiiiiiii

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. amoidoors69 - 2 mesi fa

    MALEDETTI
    MALEDETTI
    MALEDETTI
    MALEDETTI

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy