Urlo del gol per Parigini e Barreca

Urlo del gol per Parigini e Barreca

Italia Granata / Destro nell’angolino per l’attaccante, rete fortunosa per il terzino; gli esiti sono diversi ma i due restano veri valori aggiunti per Perugia e Cittadella

di Gianluca Sartori, @gianluca_sarto

 

Due sono i protagonisti di questa puntata di Italia Granata: Vittorio Parigini e Antonio Barreca, che segnano rispettivamente il secondo e il primo gol in Serie B. Il gol dell’attaccante classe 1996 quasi regala i tre punti al Perugia, mentre quello del terzino classe 1995 è quasi inutile per il Cittadella; nonostante gli esiti diversi, restano dei grandi segnali per quella che è la stagione di due ragazzi che il Torino non può non tenere d’occhio. Tra gli altri, male Stevanovic, che contribuisce alla disfatta del Bari a Crotone; ancora niente presenza per Gyasi nel Pisa. Segnaliamo poi una gran parata di Lys Gomis su Rosina nel finale di Trapani – Catania.
All’appello mancano Simone Verdi, che si è goduto la sosta della Serie A, e Alessandro Comentale, che ha visto rinviata per maltempo la gara del suo Como contro la Cremonese.

SERIE B

LYS GOMIS, ARAMU (Trapani) – Spettacolare il derby siciliano tra Trapani e Catania (2-2). L’uno-due firmato Abatae-Basso fa impazzire il “Provinciale” nel primo tempo, ma poi i granata di Sicilia vengono raggiunti da una doppietta di Sebastian Leto. Nulla può sulle due reti Lys Gomis, autore anzi di una grandissima parata nel finale su una conclusione dell’ex capitano del Toro Rosina, che poteva regalare al Catania un’insperata vittoria (Voto: 6,5). Aramu ha dovuto saltare per squalifica questa importante partita.

ALFRED GOMIS, CHIOSA (Avellino) – Prima sconfitta interna per l’Avellino, che perde col Vicenza per 0-1: rete al 27′ di Cocco, che si inventa un gol “alla Quagliarella” con una mezza girata al volo da fuori all’incrocio. Per Alfred Gomis quel pallone era imparabile; per il resto, il portiere classe 1993 si limita a fare da spettatore non pagante (Voto:6). Altri novanta minuti per Marco Chiosa, che svolge una attenta partita in fase difensiva. Qualche errorino di troppo, però, col pallone tra i piedi, cosa inconsueta per lui (Voto: 5,5)

DIOP (Ternana) – Purtroppo resta in panchina tutta la partita l’attaccante senegalese nel match che la Ternana pareggia in casa contro lo Spezia.

PARIGINI (Perugia) – Secondo gol consecutivo in Serie B per Vittorio Parigini, giunto in fretta e furia dall’Inghilterra, reduce dall’impegno con la Nazionale Under 19, e capace di incidere anche stavolta sulla partita del Perugia a Varese, piazzando un gol che avrebbe potuto regalare i tre punti agli umbri se Miracoli non avesse trovato il gol del pari in zona Cesarini (Il match è terminato 1-1). Entrato al 29′ della ripresa per Perea, dopo solo un minuto il diciottenne spara un destro dal limite potente e preciso che supera il portiere varesotto. Momento di forma magico per l’attaccante di Moncalieri… (Voto: 7)

SUCIU (Crotone), STEVANOVIC (Bari) – Il Crotone ha vita facile allo “Scida” contro il Bari: 3-0 e pugliese rispediti al mittente. Il che imprime una svolta sulla panchina del Bari, perché il tecnico Devis Mangia è stato esonerato (il favorito per la sostituzione sembra Davide Nicola). A Crotone si è visto un Bari remissivo e incapace di reagire. Stevanovic partecipa alla disfatta: è titolare nell’ultima formazione dell’ex tecnico dell’Under 21, ma non incide assolutamente sulla partita. Anche quest’anno il serbo è vittima degli alti e bassi di cui già soffriva al Toro (Voto: 5). Nel Crotone, torna in campo dopo qualche esclusione Sergiu Suciu, che entra in campo al 39′ della ripresa: pochi minuti che però posso servire a incoraggiarlo per il futuro. Il centrocampista romeno fino a qualche partita fa era infatti titolare (Voto: ng)

SCAGLIA, BARRECA (Cittadella) – Male il Cittadella, che perde 5-2 col Carpi capolista e scivola all’ultimo posto in classifica. La squadra di Foscarini è ancora ferma a 12 punti, e la differenza di classifica si è vista. Novanta minuti, come sempre, per Pippo Scaglia e Antonio Barreca. Per il centrale una partita difficile: il Carpi attacca da tutte le parti e lui va in difficoltà, come tutta la squadra. Per lui anche un cartellino giallo nella ripresa (Voto: 5,5). Per l’esterno sinistro classe 1995, invece, nonostante il risultato negativissimo della squadra la partita è comunque da ricordare: è arrivato infatti il primo gol da professionista, quello del provvisorio 2-1: Antonio è fortunato ma caparbio nello sfruttare un rimpallo su rinvio maldestro di Maurantonio (Voto: 6,5)

LEGA PRO

IENTILE (Sudtirol) – Buona la prima per il nuovo tecnico degli altoatesini Adolfo Sormani, subentrato da pochi giorni a Rastelli. Il Sudtirol supera in casa il Lumezzane per 2-0. Purtroppo, neppure in panchina il difensore classe 1995 in prestito dal Toro, Andrea Ientile.

PARODI (Ancona) – Titolare l’ex Primavera del Toro Luca Parodi, classe 1995, come esterno di centrocampo nel 3-4-1-2 con cui il tecnico anconetano Cornacchini affronta la trasferta di Ferrara con la Spal. La partita termina 0-0 ed è un pari che soddisfa di più l’Ancona, che guadagna un punto che fortifica la sua posizione di centro-classifica. Non negativa la prestazione di Parodi, anche se non è riuscito a incidere sul risultato; Cornacchini lo sostituisce poco dopo l’intervallo (Voto: 6)

GYASI (Pisa) – Il Pisa batte un colpo e supera in trasferta il Prato, grazie a una rete decisiva di una vecchia conoscenza dei tifosi del Toro, Rachid Arma, capocannoniere del Girone B con 10 reti in 13 partite. I toscani sono secondi dietro all’Ascoli. Di nuovo, nemmeno in panchina Emmanuel Gyasi, totalmente fuori dei radar di Braglia: forse il Torino dovrebbe ora prendere in considerazione l’ipotesi di far cambiare destinazione all’attaccante esterno classe 1994, nel mercato di gennaio.

SPEROTTO (Cosenza) – Vince e convince il Cosenza: 3-0 in casa alla Vigor Lamezia e rossoblù fuori dalla zona retrocessione. Novanta minuti per Nicolò Sperotto, terzino sinistro classe 1992, che dopo un annata negativa al Carpi in Serie B al Cosenza sta trovando la sua dimensione. Novanta minuti di ottima fattura per lui.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy