Torino, hai sfiorato l’impresa contro la corazzata Zenit!

Torino, hai sfiorato l’impresa contro la corazzata Zenit!

L’editoriale di Gino Strippoli /  Un grande Toro fa traballare i russi

di Gino Strippoli

 

Non poteva che essere così, e la storia del Toro lo insegna,  la fine del percorso in Europa League: sfortuna da mangiarsi le mani. Una vittoria granata che fa a pugni con la mancata qualificazione ai quarti di finale visti i tre salvataggi sulla linea di porta sui tiri di Martinez,  Glik e Maxi Lopez, senza contare un quasi gol annullato per un fuorigioco forse millimetrico e senza dimenticare che lo Zenit non ha fatto un tiro in porta.

Questo è il calcio, non sempre si qualifica la squadra più forte e forse la più forte tra Torino e Zenit  era proprio il Torino. Se analizziamo le due partite nasce il rimpianto per non aver giocato la partita di andata in undici contro undici e visto il match di ritorno il rammarico aumenta ancor di più per ciò che poteva essere e non è stato. Ma il Toro ha dimostrato ieri sera di potersela giocare alla pari con una delle compagini più forti d’Europa a livello di organico. Tra le due  formazioni scese in campo non si è vista poi tutta questa differenza e a onor di cronaca è stato il Toro che in undici contro undici ha vinto la partita; lo Zenit non ha mai vinto contro i granata a ranghi completi.

Certo è una magra consolazione ma diventa più significativa  se pensiamo  a come il Toro si è comportato in campo, con grande maturità, da grande squadra, messa bene in campo da mister Ventura, dove tutti hanno dimostrato di poter calcare – bene – panorami europei. Lasciare l’Europa League  immeritatamente da sicuramente fastidio ma il Toro la lascia solo con un arrivederci perché questa squadra merita  di tornare a giocare sui campi di calcio europei.

E’ stato un Toro “cuore e qualità” ben supportato da uno stadio che ha messo grande pressione allo Zenit , lo ha impaurito soprattutto nei minuti finali quando i granata erano alla ricerca del raddoppio. Dal primo all’ultimo minuto i tifosi granata sono stati magnifici e sono stati sicuramente un valore aggiunto alla squadra .

Una partita che i granata hanno vissuto quasi sempre in attacco e la vittoria, anche se non è bastata per qualificarsi, è il simbolo e l’orgoglio per tutti i tifosi e giocatori.  Una vittoria che deve a questo punto diventare il trampolino di lancio per il campionato e per il raggiungimento  di un posto per la prossima Europa League. Impresa difficile ma questo Toro fin qui ci ha sempre stupito quindi…

Adesso allora testa al campionato  e in vista di domenica , se si giocherà contro il Parma,  i granata dovranno cercare di recuperare le energie spese ieri sera per cercare di conquistare i tre punti in trasferta e proseguire il cammino verso l’obiettivo europeo.

 

 

 

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy