Toro: a Cagliari con ottimismo

Toro: a Cagliari con ottimismo

L’Editoriale di Gino Strippoli / Belotti e compagni devono dimostrare che la sconfitta contro il Parma è stato un caso isolato

di Gino Strippoli

Troppo brutta la sconfitta subita contro il Parma per essere vera rispetto alle potenzialità che ha l’organico di questo Toro. Senza nulla togliere ai parmigiani, i granata hanno più tecnica ed esperienza eppure i vincitori sono stati i ragazzi di D’Aversa. Ecco perché dopo 6 risultati utili consecutivi e una sconfitta che non ti aspetti Belotti e compagni oggi dovranno dimostrare che quella prestazione sia stato un fatto isolato e sull’isola di Gigi Riva dovranno imprimere nelle loro menti che la vittoria va sempre cercata con grinta, concentrazione e impegno.

Appare inverosimile che questa squadra possa calare le braghe contro squadre di pari o minore categoria. Ecco perché oggi si deve cercare di pensare in positivo nei confronti del Toro: speriamo che si sblocchi mentalmente, che torni a segnare con continuità, e non con il contagocce, che regali quel pressing che tanto ha fatto bene contro la Sampdoria. Un Toro che sappia attaccare gli spazi e non conceda nulla ai cagliaritani. Tutto questo i ragazzi granata ce l’ hanno nelle loro capacità tecniche e atletiche, sebbene manchino due pedine importanti come Rincon e Ola Aina.

Se per il terzino sinistro il sostituto naturale è Ansaldi al suo rientro dopo un lungo stop per infortunio, per il centrocampista venezuelano la sostituzione potrebbe essere quella legata al giovane Lukic, che è capace di destreggiarsi sia come mezzala che come perno di centrocampo in qualità di regista. Il ragazzo ha qualità importanti e le ha fatte vedere anche con la Nazionale serba, sta a lui dimostrare di saper giocare nel vero senso della parola in questo Toro. Chiaramente il suo utilizzo dal primo minuto di gioco lo deciderà l’ allenatore granata, ma questa appare l’ ipotesi più probabile. Diventa difficile pensare ai tre attaccanti insieme visto che il Cagliari ha nel suo contropiede una delle armi più temibili.

Una partita in cui anche la difesa granata dovrà far dimenticare le amnesie recenti che hanno portato regali ovunque nelle ultime partite, e non si può sempre sperare nei miracoli di Sirigu sebbene lui ormai ha abituato bene i tifosi granata con la sua grande sicurezza tra i pali e nelle uscite. Se non dovesse giocare Lukic, l’ unica alternativa sarebbe quella di vedere in campo Berenguer o Soriano a far con coppia con Falque in una sorta di tridente ibrido con Belotti. Quest’ ultimo ha grinta da vendere ma deve ricevere più palloni giocabili in area e più cross per sfruttare le sue capacità acrobatiche di testa. Sarà una partita difficile perché a Cagliari sinora nessuno ha vinto e i sardi sanno vendere molto cara la pelle. C’è da dir che il Torino in trasferta ha raccolto più punti del suo fin qui tragitto in campionato. Vedremo se il Toro saprà rivoltare ancora una volta i pronostici e riprendersi quei tre punti concessi malamente contro il Parma.

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. GlennGould - 1 anno fa

    Per rifarsi dei punti persi sino ad ora non basterà vincere questa sera, ma anche con Genoa ed Empoli. A quel punto la classifica sarebbe più consona alla qualità della rosa. Considerò più complicate le prossime due per il semplice motivo che a Cagliari sembra siano convinti di potere fare la partita e vincerla. Se davvero è così, stasera non ci sarà storia.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy