Toro a Frosinone con furore per credere nell’Europa

Toro a Frosinone con furore per credere nell’Europa

L’editoriale di Gino Strippoli / “Granata, questa volta non dovete sbagliare il colpo!”

di Gino Strippoli

Adesso che il Toro si è rimesso in carreggiata stabilizzandosi nelle sfere della classifica per un posto in Europa non si può permettere di sbagliare il colpo vincente, portando a casa altri tre punti.
Vincere oggi sarà importante come raggiungere una finale, perché da oggi in poi i granata se vorranno andare in Europa non potranno concedersi errori. Soprattutto dovranno entrare in campo con una cattiveria agonistica e un approccio alla gara senza sbagliare nulla. La partita contro il Chievo ha insegnato che se si vuole segnare il Toro ne è capace ma guai a lasciarsi andare ad un gioco passivo come quello visto contro sabato scorso dove per 70 minuti il Toro ha ballato contro l’ultima in classifica.
La trasferta contro il Frosinone potrebbe riproporre dal primo minuto la coppia Belotti-Zaza che ben hanno fatto nei pochi minuti giocati insieme 8 giorni or sono. Da una loro iniziativa con scambio veloce è nato il gol che ha sbloccato sia la partita che l’ astinenza del Gallo . Un intesa tra i due che cresce giorno dopo giorno in allenamento. A far spazio all’ex Valencia sarà sicuramente Iago Falque che non sta attraversando un grande momento di forma e ha anche qualche piccolo problemino fisico.
Di sicuro a centrocampo si rivedrà dall’inizio “El general” Rincon che a livello agonistico è troppo importante per questo Toro. Senza di lui i granata hanno faticato più del previsto in mezzo al campo, e il pressing come lo fa il venezuelano sui portatori di palla avversari non lo fa nessuno.  Al suo fianco dovrebbero esserci Baselli e Lukic con Meité in panchina. La prova scialba contro il Chievo del francese da molte chance al giovane serbo di giocare nuovamente da titolare.
La retroguardia granata dovrà stare molto attenta a Ciano, attaccate di razza, ma i difensori granata che dovrebbero scendere in campo dal primo minuto,  Nkoulou, Izzo e Moretti in ballottaggio con Dijdji, che sembra pronto al rientro, non dovrebbero avere molti problemi a contenere l’attacco del Frosinone che -non dimentichiamolo- è squadra ostica, che si batterà come non mai per evitare la retrocessione e chiede la vittoria alla partita. Con Ola Aina in ripresa dall’ infortunio, ma che difficilmente troverà la maglia da titolare, sugli esterni fiducia ad Ansaldi e a De Silvestri.

3 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. ALESSANDRO 69 - 6 mesi fa

    Ormai tutte le partite vanno affrontate con massima concentrazione e determinazione. Ieri ho visto Chievo Milan, ebbene noi ci lamentiamo di come abbiamo giocato contro il Chievo, giustamente, ma a dire il vero non è che il Milan abbia fatto tutta questa gran figura. Diciamo che ha vinto e si prende i 3 punti…….
    Ho visto anche la partita di Giaccherini…..meno male che non lo abbiamo preso…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. user-14036712 - 6 mesi fa

    La formazione iniziale sarà quasi sicuramente questa :Sirigu, De Silvestri, Izzo, N’Koulou, Moretti, Ansaldi, Baselli, Rincon, Meite, Zaza e Belotti. I reduci da acciacchi, cioè Djidji, Aina, Lukic e Falque partiranno dalla panchina con la possibilità di entrare a partita in corso e fare la differenza come da aspettative del mister. Guardando la classifica, imperativo è vincere sia a Frosinone che la prossima col Bologna per lo sprint finale dopo la pausa, per una qualificazione in Europa gareggiando con un Inter in crisi ma sempre forte, Milan e Roma aiutati dagli “arbitri” ed Atalanta e Lazio con un gioco migliore. Viola e “ciclisti” non li prendo in considerazione. SEMPRE FORZA TORO!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. wendok - 6 mesi fa

    secondo me con naselli e lukic si rischia di nn avere peso agonistico. spero di sbagliarmi : mi sono sempre sembrato due timidi scolaretti fighetti

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy