Toro che crollo con l’Empoli: addio Europa!

Toro che crollo con l’Empoli: addio Europa!

L’Editoriale di Gino Strippoli / Granata svogliati si perdono nel campo e l’Empoli gioca a poker

di Gino Strippoli
Empoli v Torino FC - Serie A

Quello che tutti non si aspettavano dal Toro, ovvero un brutto crollo nella partita più importante della stagione contro l’Empoli. Quattro gol a uno dicono come i granata non siano mai entrati in partita, poco concentrati e svogliati. Troppi gli errori nei passaggi a centrocampo e in difesa. Il primo gol è un regalo di Ola Aina, il secondo gol di una difesa completamente scoperta con Brighi solo soletto appoggia in gol. Il terzo gol è un’altra sbandata di centrocampo e difesa. Il Toro ha sempre trovato difficoltà a trovare la velocità giusta per metter Belotti nella possibilità di battere in rete. L’entrata di Falque è sembrata momentaneamente la giusta soluzione per ritrovare l’entusiasmo e il pareggio momentaneo, ma è stata una soluzione che ha portato entusiasmo nei granata ma solo per pochi minuti.

Troppo poco il Toro ha fatto a centrocampo con Meité che ha messo sempre in difficoltà il centrocampo granata, il ragazzo è parso sempre troppo fermo e immobile all’inverosimile. Mai uno spunto degno di nota se non di sbagliare passaggi e lanci. Il Toro ha fatto bene quando sulla fascia destra è riuscito a metter palloni con De Silvestri ma troppe poche volte. Dal 3 a 1 in avanti il Toro ha cercato soluzioni centrali ma senza trovar mai sbocchi. La concentrazione è mancata su tutti i granata, ricordando che l’Empoli ha sempre impegnato Sirigu almeno tre volte oltre le tre reti. Poi è arrivata la quarta rete.

L’Empoli ha avuto più fame e ha meritato la vittoria e forse la permanenza in Serie A, visto come ha schiantato il Toro fino alla fine dei 90 minuti. Al Toro rimane il bel gol di Falque e nulla più da questa partita, anzi rimane il rammarico per quello che poteva essere e non è stato per mancanza di maturità. Non si può affrontare una partita così decisiva in questo modo. Prima di questa partita il Toro aveva subito solo 13 gol in trasferta e questo la dice tutta sulla prestazione granata.

Una sconfitta che deve far meditare per il prossimo futuro e sulla prossima stagione e su un giocatore come Meité che a parte le prime partite della stagione poi è stata una delusione unica e su Ola Aina sempre poco concentrato. La stagione del Toro è stata comunque positiva peccato che nel momento più bello il crollo della squadra è stato davvero amaro per i tifosi che speravano di andare in Europa. Contro la squadra di Andreazzoli troppo tardivi i cambi di Meité e Ola Aina.

L’Empoli ha meritato il massimo perché ha saputo soffrire quando il Torino dopo il pareggio stava dominando la partita e stava attaccando per vincere, reagendo e resistendo bene infilando poi altre 3 reti alle spalle di Sirigu. Grandi invece sono stati i tifosi granata che sono tifosi da Champions League, arrivati a Empoli con ben altre speranze e traditi all’ultimo minuto dal loro Toro che non ha ancora raggiunto quella mentalità da grande squadra.

 

16 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. granata196_449 - 4 settimane fa

    Quella di Empoli è stata una tattica suicida. Considerando che l’Empoli doveva vincere a tutti i costi, doveva essere il Toro a giocare in ripartenza, chiudendosi e replicando con più spazio in avanti. Invece abbiamo beccato quattro gol in contropiede. Bei polli!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. robert - 4 settimane fa

    Questi signorini che vengono pagati fior di milioni giocano per essere svogliati ?Non illudiamo più la gente e non raccontiamo più barzellette, tranne 4 giocatori di cui si conosce il nome tutti gli altri sono da mandare a casa.E anche Mazzarri che la finisca di raccontar balle e si adegui piuttosto a un calcio più moderno.Vergogna !!!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. robertozanabon_821 - 4 settimane fa

    Chiedo scusa per una dimenticanza. Ieri è mancato tantissimo Ansaldi con la sua capacità di saltare l’uomo e di leggere le situazioni. Giocatore di esperienza internazionale dotato di qualità e pensiero calcistico superiore alla media. Abbiamo bisogno di altri Ansaldi. Il Calcio si gioca con i piedi, ma è la testa che li “organizza”. FVCG !!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. DANY - 4 settimane fa

    non penso che l’Empoli sia migliore di noi come giocatori , mi sa che i nostri giocatori hanno finito la benzina

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. robertozanabon_821 - 4 settimane fa

    Abbiamo sempre patito le squadre veloci. Il nostro centrocampo ha poca velocità e dinamismo. Io avrei fatto giocare Lukic al posto di Meite’ o di Baselli, ma Mazzarri voleva giocatori più bravi in impostazione ma, ahimè, più lenti in contenimento. Manca un Leader in mezzo che detti i tempi con personalità e corsa, e tra le figure esistenti non c’è nessuno con queste caratteristiche. Berenguer troppo “leggerino” come Falque del resto. Problemi che abbiamo da tempo e che andranno risolti se vorremo crescere. Per obiettivi superiori occorrono giocatori superiori. Grazie comunque a tutti i ragazzi che hanno fatto il massimo per le loro possibilità. Forza Toro sempre !!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. eurotoro - 4 settimane fa

      abbi pazienza ma berenguer e jago leggerini..se giocano a centrocampo ma se li metti alti sulle fasce diventano dei seri problemi x i difensori avversari…che di conseguenza non ti vengono ad arrembare cosi facilmente

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. user-14099212 - 4 settimane fa

    Non è questione di mentalità da grande squadra è che non abbiamo grandi giocatori.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. abatta68 - 4 settimane fa

      La mentalità fa la differenza , vedi Empoli e genoa. Credi che ci siano grandi giocatori in queste due squadre? Eppure sono due cose completamente opposte. Il Genoa quest anno non ha mai iniziato il campionato, l Empoli se lo è reinventato.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. CUORE GRANATA 44 - 4 settimane fa

    La “disfatta” di Empoli almeno ci ha risparmiato il rammarico per quei punti letteralmente dilapidati.Ora occorre,anche per rispetto verso noi tifosi, battere” i burini” per difendere un matematicamente inutile 7° posto che però potrebbe risultare utile se “il diavolo dovesse lasciarci la coda” e molto dipenderà da chi terminerà al 4°posto.Ogni altra considerazione per quanto mi riguarda preferisco farla “a bocce ferme”dopo l’ultima.FVCG!!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. tric - 4 settimane fa

    Stupisce che Mazzarri non abbia capito che con Meité si perde e con Lukic si vince: basterebbe guardare le statistiche. La difesa è forte se davanti ha un centrocampo che filtra: Meité corre e contrasta poco! Risultato 4 pappine!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. saettadallimite - 4 settimane fa

    Verrebbe da pensare quello che si è pensato in altre occasioni: ma il Toro aveva davvero voglia di andare in Europa? Sicuramente andando in Europa League una serie di giocatori sarebbero più “vincolati” al Toro, perché non potrebbero dire che se ne vanno per giocare le coppe europee.
    In effetti vedendo le prestazioni semplicemente incomprensibili della difesa (a proposito, perché prima del tiro di Acquah Sirigu si è spostato di due passi sulla sua sinistra?) verrebbero pensieri strani…
    Ad ogni modo la prestazione di ieri non è isolata, per quanto rappresenti forse il punto più basso della stagione, il Toro quest’anno ha sbagliato approccio alla partita tantissime volte, psicologicamente e tatticamente. Nell’ultimo mese e mezzo c’era stata un’inversione di tendenza e avevamo visto finalmente un Toro convincente per 90 minuti e devo dire che a tratti ho visto davvero un grande Toro. La partita di ieri mi fa ripiombare nel dubbio totale, sulla rosa e su Mazzarri. La scusa della stanchezza non mi convince neanche un po’, figurati se l’Empoli non era stanco. Ho rivisto pressapochismo, distrazioni di ogni genere, zero movimenti senza palla, zero idee, zero grinta. Il tutto in quella che Mazzarri aveva definito “la finale delle finali”. Certo non si può dimenticare le cose buone fatte da Belotti e compagni in questo campionato e bene hanno fatto i tifosi ad applaudire i giocatori ma la sconfitta di ieri certifica che il Toro non è ancora una squadra matura, per quanto abbia in rosa molti giocatori esperti, anche con trascorsi nel calcio internazionale, e per quanto alcuni giocatori non potendo partecipare alle coppe col Toro saranno inevitabilmente più attratti da certe sirene del mercato, quindi nella partita di ieri avrebbero dovuto avere sufficienti motivazioni. Mi volete far credere che l’Empoli sia così forte da mettere in crisi, completamente, una difesa che non ha mai ma proprio mai sofferto quest’anno? Quell’Empoli che lasciava delle praterie in mezzo al campo e che probabilmente domenica prossima a Milano prenderà un bollito? Non lo so, mi rimangono molti molti dubbi…Forza Toro.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Granata71 - 4 settimane fa

      E’ da tempo che non scrivo, ma ho piacere di farlo per condividere appieno quanto da te scritto.
      I 3 pollici versi sono incomprensibili.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. saettadallimite - 4 settimane fa

        Ti ringrazio per l’apprezzamento! Ognuno esprime le sue idee, ci mancherebbe, non pretendo di dire tutte cose sensate, il calcio è bello proprio perché ognuno può esprimere le proprie opinioni liberamente, tra tifosi che condividono la stessa passione. Un saluto e forza Toro!

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. marione - 4 settimane fa

      Credo che i giocatori non si preoccupino di trovare scuse per andare in altre squadre, dicono che se ne vogliono andare e vanno. L’anno scorso semplicemnte non c’erano richieste, Sirigu il Napoli non lo ha mai nè chiesto e nemmeno cercato; questo anno credo che Meitè, Izzo, Nkuolu e altri verranno richiesti e qui vedremo se c’è l’intenzione di costruire una squadra o mettere i soldi in tasca (pardon, in cassa)

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. Toscotoro - 4 settimane fa

    L’obiettivo era l’EL considerando la campagna acquisti dell’anno scorso, obiettivo fallito

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. ddavide69 - 4 settimane fa

    Mancanza di determinazione sinonimo di mancanza di maturità, a meno che non ci sia davvero dell altro….

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy