Un Toro da battaglia vince la sfida contro l’Atalanta

Un Toro da battaglia vince la sfida contro l’Atalanta

L’ editoriale di Gino Strippoli / I bergamaschi si specchiano e i granata ne approfittano con incisività e convinzione

di Gino Strippoli

È stata una battaglia dal punto di vista agonistico, con il Toro che ha vinto nettamente la sfida per l’Europa contro l’Atalanta. Tutti i granata hanno dato il massimo mettendoci grinta e convinzione per raggiungere la vittoria. Tanta la lotta a centrocampo con Meité e Lukic che hanno messo in difficoltà la cerniera nerazzurra, il primo dando nuovamente la qualità che il Toro aspettava, il secondo tanto movimento in copertura oltre ad una discreta regia, mentre Baselli il terzo mediano ha fatto un lavoro poco appariscente in copertura ma anche pochi squilli come incursore.

Due timbri in gol invece li hanno stampati bomber Izzo, alla sua terza segnatura in campionato, e Falque tornato a gonfiare la rete dopo una prestazione di alto livello. Quello che è piaciuto di questo Toro rispetto alle precedenti gare è la compattezza di squadra con giocatori capaci di aggredire gli avversari con molta umiltà. L’Atalanta è apparsa squadra forte e coriacea, dal bel gioco, con manovre veloci e scambi di prima, ma troppo bella nello specchiarsi su se stessa. I bergamaschi si sono resi pericolosi e non poteva essere da meno, ma la difesa granata, in primis Sirigu nuovamente protagonista con un paio di parate decisive, ha retto bene l’impatto degli avanti avversari e con un Nkoulou capace di murare per tutta la partita lo spauracchio Zapata.

Non si può dimenticare il lavoro svolto con sapienza da Moretti che non ha mai mollato un attimo, mentre Izzo oltre a riscoprirsi terzo bomber del Toro ha marcato anche l’impossibile, salvando un possibile gol nerazzurro. Vittoria che lancia il Toro in piena zona Europa League e che lo porta a 38 punti, quanti ne hanno proprio l’Atalanta e la Lazio. Belotti è rimasto ancora all’asciutto ma il centravanti granata non ha mai lesinato l’impegno. Intanto con questa partita, la quinta senza subire gol, il Toro ha battuto un nuovo record. Alla fine granata contenti e felici con una vittoria che può solo far aumentare l’autostima per giocarsi con più convinzione la battaglia per conquistare un posto per l’Europa. Per la cronaca ha fatto anche il suo esordio in Serie A Vincenzo Millico, auguri!

2 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. user-14143365 - 6 mesi fa

    vittoria molto importante contro una diretta concorrente…da seguire con attenzione i progressi di Lukjc a centrocampo!elemento molto importante per il nostro gioco! da seguire con calma e far maturare per tempi…futuri….sara’ funo dei prezzi piu’ pregiati…quanto prima….pazienza e fiducia…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Russcumelsang - 6 mesi fa

    Dopo la partita contro il Napoli scrissi che quella contro l’Atalanta sarebbe stata il nostro banco di prova, una sorta di esame di maturità.
    Ebbene dopo tanti salti di qualità mancati, la gara di ieri sembrerebbe finalmente sancirne la riuscita.
    Siamo il Toro, abituati a tutto: a resuscitare squadre ormai spacciate, a perdere punti contro avversari palesemente inferiori.
    Nessun alibi: se davvero abbiamo compiuto quella maturazione che da inizio campionato abbiamo troppe volte fallito, nelle prossime tre gare – visti gli avversari – dobbiamo totalizzare 9 punti. Senza se e senza ma.
    Allora si che potremmo giocarci la qualificazione all’Europa League (e magari anche qualcosa in più, visti i punti di distanza)a pieno titolo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy