Il senso delle cose. Anche nel calcio

Il senso delle cose. Anche nel calcio

Loquor / Torna Loquor: “Non molti sanno che Annibale, sulla piana di Zama, in realtà aveva praticamente vinto contro le legioni romane guidate da Scipione l’Africano”

di Anthony Weatherill
Da: Total War Rome II

Non molti sanno che Annibale, sulla piana di Zama, in realtà aveva praticamente vinto contro le legioni romane guidate da Scipione l’Africano. Il condottiero punico sapeva bene quanto il console romano avesse studiato la sua celebre tattica vittoriosa a Canne, e quindi era riuscito ad immaginare perfettamente come l’ avrebbe affinata e messa in atto nella battaglia decisiva per la sopravvivenza di Roma o di Cartagine, e per il conseguente destino dell’Europa e dell’Africa con annesso il Medio Oriente. Avendo immaginato tutto, tatticamente Annibale aveva già vinto prima ancora di cominciare la battaglia. Ma ciò che nessun genio e nessuna tattica possono prevedere sono i sentimenti umani, e quanti questi possono essere forti e determinanti in alcuni momenti cruciali della vita. Grazie alla sua geniale tattica, Annibale riteneva certo che lo schieramento centrale dell’armata romana avrebbe ceduto, consegnandogli la vittoria a Zama. In qualsiasi altra occasione la prassi avrebbe dato ragione al genio militare del grande generale cartaginese, ma non quel giorno. Quel giorno al centro dello schieramento romano si trovavano i legionari cannensi, coloro che erano stati protagonisti della più grande umiliazione militare mai subita dai romani. A Canne i romani avevano sentito di aver perso la loro dignità, e per questo avevano condannato i legionari sopravvissuti alla carneficina della battaglia a non poter vivere più tra le mura della città. La perdita dell’onore era definitiva e non sarebbe stata più dimenticata. Scipione però, come condizione per accettare dal Senato Romano il comando della battaglia definitiva contro Annibale, pretende ed ottiene di portare quei soldati sconfitti a Canne. Annibale non può prevedere come questi reietti di Roma, pur di riscattare il loro onore e quello delle loro famiglie, si faranno massacrare pur di non far cedere la linea cruciale dello schieramento romano a Zama, e sancendo così l’ormai inaspettata vittoria dei romani. Il sentimento dell’onore salva Roma e di fatto tutta la civiltà europea che ne discenderà.

I tifosi che vogliono lo Sceicco

I reprobi di Canne ricompensano con il loro sacrificio massimo, la loro vita, la dignità ridonatagli da Scipione. C’è della retorica stantia in questa storia? C’è del romanticismo inutile? C’è della filosofia incomprensibile? O c’è un monito per i tempi che stiamo vivendo? Cerchiamo di capire. Manchester City, Paris Saint Germain e Juventus anche quest’anno non riusciranno a vincere la Champions League. Nonostante gli ingenti investimenti economici profusi sul mercato in questi ultimi anni, anche per quest’anno non riusciranno a portarsi a casa la coppa più prestigiosa. Qualcuno, ironizzando e con un approccio un po’ mistico, è giunto a sostenere che per qualche strano arcano forse queste squadre non riusciranno a vincerla mai questa coppa. Qualcun altro, molto più razionalmente e lapalissianamente, ha messo l’accento sul fatto come tanti soldi spesi sul mercato non siano il sinonimo di una squadra vincente. Ma in realtà questo è il momento dell’Ajax e del mito del suo settore giovanile. Fiumi di parole, nelle ultime settimane, sono state riversati sulle imprese dei giovanissimi e talentuosi giocatori della squadra di Amsterdam. E’ come se una improvvisa speranza si fosse palesata davanti a noi, a comunicarci che per vincere la coppa dalle grandi orecchie non servono poi tutti quei milioni di euro ritenuti necessari da molti analisti autorevoli. E provate ad immaginare se al “Wanda Metropolitano”, fossero proprio i lancieri olandesi a scrivere il proprio nome nella storia della Champions. Roba da aprire dibattiti infiniti sul reale significato dei fatturati delle squadre di calcio. Improvvisamente si dimenticherebbe che l’Ajax occupa solo il ventesimo posto del ranking Uefa, e che squadre come Siviglia e Shakhtar Donetsk la sopravanzano in questa classifica europea. E soprattutto si farebbe finta di ignorare che almeno quattro di quei talentuosi giocatori olandesi sono già praticamente venduti per una montagna di milioni di euro proprio a quei club che hanno fatto del doping finanziario il loro credo.

La lezione dei tifosi del Toro

Quindi il “ballo” di questa squadra di giovani senza paura da tutti ammirati per le loro traiettorie e geometrie perfette sarà durato una sola stagione. Perché quelli dell’Ajax hanno da tempo capito come sta andando il mondo, e allora hanno deciso di fare con il calcio ciò in cui gli olandesi hanno davvero pochi rivali al mondo: hanno deciso di fare soldi. Tanto, per la legge dei grandi numeri, prima o poi torneranno a creare un’altra squadra come quella di quest’anno in corso. E sempre la legge dei grandi numeri dice, con precisione scientifica, che prima o poi i tre grandi club di cui sopra la vinceranno questa benedetta Champions. E quel giorno altri fiumi di parole verranno scritti per esaltarne l’impresa, e i tifosi dei club “poveri” cadranno in depressione perché, dimenticando in un istante l’odierna attuale impresa dell’Ajax, riterranno la squadra per cui tifano non idonea ad avere mai la montagna di soldi necessari per vincere. Lo scenario pare un cane preso a mangiarsi eternamente la coda. Forse siamo confusi dai sentimenti dell’istante, che consegnano all’istinto e non alla ragione il nostro malessere riguardo le vicende del calcio, facendoci perdere lucidità. Fa sensazione osservare i tifosi del Napoli contestare Aurelio De Laurentis, reo di aver fatto arrivare la sua squadra “solamente” ai quarti di finale di Europa League e al secondo posto in campionato. Raramente, nella sua lunga storia, il Napoli calcio ha avuto l’attuale continuità di risultati. Eppure i tifosi sono scontenti. Il Torino , se è bravo e fortunato, potrebbe addirittura agguantare il quarto posto valido per la qualificazione alla massima competizione calcistica continentale. Mai il Toro è arrivato così vicino ad una possibilità del genere, eppure molti tifosi vorrebbero che Urbano Cairo lasciasse ad altri la proprietà del glorioso club piemontese. “quando leggete un libro provate a guardare la riga bianca, non quella scritta. Perché in una musica siamo distratti dalle note e non sentiamo il silenzio che le rende necessarie”, potremmo forse usare queste parole di Gregory Bateson, antropologo e sociologo britannico, per provare ad indicare una via. Per formulare un invito a metterci in ascolto delle cose che non sentiamo e non leggiamo, e per provare a capire. “Perché – come ricorda lo storico della filosofia ed esperto di comunicazione Nicola Donti – quello che fanno i grandi mistici è di restituire la responsabilità all’individuo, per fargli capire che una rivoluzione è possibile solo nel momento in cui si cambia punto di vista”. E’ possibile come il malessere che sta colpendo i tifosi sia dovuto ad un estraniamento sempre più progressivo dalle vicende delle società per cui tifano, da queste ormai prefigurati a comparse digitali di fronte ad un televisore.

Urbano Cairo e il debito, parte 2

Sembra non essere più lo stadio o il campo di allenamento il punto di arrivo della partecipazione di ogni tifoso, ma piuttosto il salotto di casa o lo schermo di un computer su cui sfogare sui social ogni tipo di frustrazione repressa. E cosi finiamo tutti per interpretare il mondo in modo diverso, senza pensare se esista un modo per trasformarlo. E con il tempo diventiamo scettici, convincendoci del nulla dal poter fare di fronte al potere, sotto qualsiasi forma esso si manifesti. Abbiamo deciso di essere spettatori e non più attori della nostra storia. La squadra non è più un moto rappresentativo della nostra identità, ma solo un momento del nostro svago. Il calcio è diventato lo specchio della crisi in fieri della società europea, dove influenti correnti di pensiero hanno convinto le sue genti dell’inutilità dei confini, delle tradizioni e persino dell’identità cristiana da cui ogni sua cosa(della società europea) discende. Persino il concetto di fairplay nello sport. Prima o poi, ne sono sicuro, scopriremo come non siano i buoni risultati delle nostre squadre a poterci dare pace sui nostri malesseri, poiché avremo preso finalmente atto del motivo per cui ormai siamo perennemente inquieti. Ci hanno sfilato la nostra storia e questo perché, dobbiamo dolorosamente ammetterlo, eravamo pronti a metterci in vendita. Soprattutto la nostra classe dirigente. Ma è proprio la contestazione ai loro presidenti di numerose frange di tifosi del Napoli e del Torino a far pensare come il mondo dei punti di vista sia ancora vivo nel nostro continente, e quindi a spingerci a ritenere vana la metodologia dei buoni risultati sportivi come semplice mezzo per tacitare le coscienze dei tifosi. Quando si ama, e i tifosi indubbiamente amano, certe problematiche le si avvertono fin dentro i luoghi più profondi dell’istinto e dell’animo. Allora si comprende come vincere o perdere, o essere pro o contro De Laurentis piuttosto che pro o contro Cairo, non siano il vero problema. Inoltre appare chiaro quanto sia inutile entusiasmarci per il metodo Ajax o per le vittorie profumate di creso di City e Paris Saint Germain, visto il nostro ballare pericolosamente sul bordo dell’abisso di una catastrofe culturale. Perché è questo ciò che stanno provocando i metodi da padroni delle piantagioni di cotone dei signori arabi con i portafogli gonfi dei proventi della vendita di petrolio e di gas naturale. Stanno trattando i principali simboli europei, e il calcio è uno di questi, come un loro personale parco giochi, da modificare e trattare a loro piacimento. Il calcio ridotto ad una stanza piena di balocchi è di una tristezza difficile da raccontare. Israele, dopo l’Olacausto, istituì l’ufficio “degli uomini Giusti tra le nazioni”, cioè la ricerca di quegli uomini non ebrei che si adoperarono per salvare quante più persone possibili dall’orrore delle leggi razziali. Dal 1963 ad oggi sono stati trovati più di 27.000 uomini Giusti. Al primo posto ci sono dei polacchi, che ebbero la maggioranza dei campi di concentramento, all’ottavo posto ci sono degli italiani, che aderirono alle leggi razziali, al decimo posto ci sono dei tedeschi, che iniziarono l’orrore dell’Olocausto. Questa sta a significare che per ogni storia di problemi ce ne è una parallela di risorse, e dove ci sono sepolcri possono esserci resurrezioni. Come Zama insegna, niente è perduto per sempre. Nemmeno il calcio, nemmeno la vita.

(ha collaborato Carmelo Pennisi)


Anthony Weatherhill, originario di Manchester e nipote dello storico coach Matt Busby, si occupa da tempo di politica sportiva. E’ il vero ideatore della Tessera del Tifoso, poi arrivata in Italia sulla base di tutt’altri presupposti e intendimenti.

17 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. ALESSANDRO 69 - 4 mesi fa

    Articolo come sempre ricco di spunti mai banali e che stimola serie riflessioni….Dio solo sa quanto bisogno c’è di riflettere al posto di urlare……………

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. vittoriogoli_13370477 - 4 mesi fa

    Bell’articolo.
    Come sempre da questo autore acuto , colto e pensante.
    Complimenti

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. malva - 4 mesi fa

    A qualche nostro pseudo-tifoso fischieranno le orecchie dopo questo articolo

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. vittoriogoli_13370477 - 4 mesi fa

      Non esistono pseudo tifosi esistono tifosi con differenti opinioni.
      Ma forse stavi parlando di te stesso?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. malva - 4 mesi fa

        No.Altrimenti avrei detto “mi fischiano le orecchie”

        Rispondi Mi piace Non mi piace
      2. malva - 4 mesi fa

        se preferisci correggo pseudo-tifosi con sedicenti tifosi..

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Roland78 - 4 mesi fa

    Grazie, bellissimo articolo: profondo, intelligente e in fondo speranzoso. In fin dei conti, riabilita il nostro “difetto” (come lo ha definito il vate Ventura), di pensare troppo al passato: il futuro senza passato è vuoto, una scatola vuota di passione ed emozione, che in fondo sono, o dovrebbero essere, il motore di questo sport. E del nostro Toro.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. GranataEtico - 4 mesi fa

    Stimolante, riesce semre a mettere per iscritto i miei disordinati pensieri, i tremiti del mio Cuore Granata. Penso che raccoglierò i suoi scritti e li terrò sul comodino, per la sera, prima di addormentarmi…..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. user-14204460 - 4 mesi fa

    Bravo., bellissimo articolo che ho letto di getto . Mi piace perché più che provocare un’approvazione o una critica promuove una riflessione e di questi tempi non è poca cosa.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. SiculoGranataSempre - 4 mesi fa

    Non basta la “politica” dei giovani, delle scuole calcio e via dicendo. Dovremmo anche indagare su COSA si insegna nelle scuole italiane e in quelle olandesi. Per quanto vedo nella mia esperienza diretta spesso qui si insegna troppa tattica, si insegnano i trucchetti per perdere tempo, diagonalj, braccia aperte etc. Ma si trascura ciò che potrebbe e spesso fa la differenza: TECNICA TECNICA TECNICA. Controllo, passaggio e poi ancora controllo e passaggio. La differenza sta lì. E noi siamo indietro 10 anni dalla Spagna e dall’Olanda. La differenza è come tra i polli allevati all’aperto nell’aia e quelli in batteria per l’ingrasso immediato e la vendita. Sembra un paragone eccessivo, ma rende l’idea. Noi alleviamo polli in batteria…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Gio - 4 mesi fa

      Vabbè è ovvio che gli olandesi siano avvantaggiati con l’aia.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Mimmo75 - 4 mesi fa

    La forza degli olandesi è la diversa cultura. Sono avanti anni luce rispetto a noi. Come dice l’autore, sanno fare soldi. E quindi sanno che è necessario programmare, innovare, investire e pazientemente aspettare di raccogliere i frutti. Ecco perché non subiscono il fascino dei soldi arabi, fan da se. Noi, invece, storicamente, siamo mediamente un popolo “furbo” che, se può, preferisce la rendita di posizione quando non l’assistenzialismo (soldi arabi) e le scorciatoie. Ci culliamo sugli allori della nostra storia e cultura del passato e non ci preoccupiamo di lasciare ai posteri qualcosa di cui andar fieri. Guardiamo con invidia all’Ajax di turno ma non siamo disposti ad intraprendere un percorso che prevede anni e anni di paziente lavoro e attesa. Noi del Toro vorremmo che la società sposasse la filosofia dell’Ajax ma guai a cedere Barreca o Edera (anni fa qualcuno si imbestiali’ per le cessioni di Gatto e Comi junior…con tutto il rispetto). Vorremmo avere la forte identità dell’Athletic Bilbao, ma ci lamentiamo se poi non arrivano i risultati. Siamo in lizza per la Cl ma siccome giochiamo male vorremmo esonerare l’allenatore che rischia di farci entrare nella storia. E allora speriamo nel ricco arabo: lui si che metterebbe al centro
    l’identità puntando tutto sui giovani del vivaio!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Mimmo75 - 4 mesi fa

      Giovani rigorosamente piemontesi, ovvio.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Giankjc - 4 mesi fa

    E quindi aspettiamo l’arabo di turno per riavere il Toro che cairo ha cancellato.
    Chissà chi ha allontanato i tifosi dallo stadio e dagli allenamenti per fargli pagare un bel pacchetto di Pay tv? Chissà quale omino ha tentato una manovra speculativa con la piattaforma spagnola per far lievitare i proventi dei diritti tv?
    Le Vestali, vergini a custodia del fuoco sacro.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. user-13967438 - 4 mesi fa

    Ma del Tottenham nessuno parla?
    Sono anni che con uno dei volumi di bilancio più bassi della Premier League compete per le prime posizioni in patria e non sfigura in Europa.
    Tottenham che, a mio parere, butterà fuori l’Ajax…
    Ma capisco… le vittime eccellenti dell’Ajax fanno più clamore ed è meglio rilanciare l’argomento caldo piuttosto che quello neppure considerato. C’est la vie…

    Papillon

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. malva - 4 mesi fa

      Guarda caso Ajax e Tottenham sono società sioniste

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. SiculoGranataSempre - 4 mesi fa

    Silenzio. Rispettoso silenzio e meditazione. Grazie.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy